Home News UE contro Intel: maxi-multa da oltre 1 miliardo

UE contro Intel: maxi-multa da oltre 1 miliardo

UE contro Intel: maxi-multa da oltre 1 miliardoDopo attenta analisi e valutazione dei fatti, la Commissione Europea ha multato Intel perchè ritenuta colpevole di aver abusato della sua leadership nel mercato consumer e professionale dei microprocessori.

L'UE ha inflitto una sanzione record da 1.06 miliardi di euro e ha obbligato Intel a rivedere la sua politica degli sconti e a fermare altre attività tese ad ostacolare la sua rivale AMD. L'azienda di Santa Clara avrà 3 mesi per pagare la multa, la più salata mai comminata dalla Commissione Europea ad una singola società.

Neelie Kroes 

Prima di Intel, il record per la più alta sanzione pecuniaria era detenuto da Saint-Gobain, con una multa di 896 milioni risalente all'anno scorso. Secondo Neelie Kroes, commissario europeo, "la notizia di oggi segna un grande passo nel mercato tecnologico, mettendo un freno alla posizione dominante di una superpotenza che ha tenuto lontani dal settore, per anni, tutti i suoi rivali. Le azioni di Intel, compiute appunto volontariamente, non hanno solo danneggiato le società produttrici di chip, ma anche e soprattutto i consumatori."

La Commissione europea ha, infatti, riconosciuto Intel colpevole di aver violato la normativa in materia di libera concorrenza nel mercato (antitrust, art.82 Trattato CE) per abuso di posizione dominante nel mercato dei chip per computer denominati "x86" (comprendono tutti i più diffusi processori per notebook e desktop). Le condotte ravvisate dalla Commissione Europea comprendono:

  • Sconti per produttori e rivenditori che avessero impiegato o distribuito esclusivamente processori Intel o prodotti equipaggiati con processori intel;
  • Trasferimenti di denaro ai produttori in cambio della cancellazione o dello slittamento del lancio di PC equipaggiati con processori AMD.

Maggiori dettagli nel comunicato diramato dal Direttorato denerale delle Comunicazioni.

Intel ha immediatamente risposto attraverso una nota ufficiale alla decisione presa dalla Commissione Europea. Nel comunicato l'azienda di Santa Clara avanza forti obiezioni sulla sua colpevolezza, sul danneggiamento effettuato al mercato dei microprocessori e ai suoi clienti. Intel ha deciso di fare ricorso.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy