Home News Ubuntu 13.10 online per PC, notebook, tablet e smartphone

Ubuntu 13.10 online per PC, notebook, tablet e smartphone

Ubuntu 13.10 online per PC, notebook e tabletPuntuale al suo appuntamento semestrale arriva Ubuntu 13.10, la distribuzione Linux sviluppata da Canonical. Rappresenta una minor release, con miglioramenti delle prestazioni e l'introduzione della ricerca semantica Smart Scopes, mentre le altre grandi novità come il display server Mir e la nuova versione della discussa interfaccia Unity sono slittate ad ottobre 2014.

Come fa da alcuni anni a questa parte Canonical ha rispettato la scadenza semestrale introducendo una nuova release del suo sistema operativo Ubuntu Linux, che arriva così alla versione 13.10. Purtroppo però online serpeggia una certa delusione perché di fatto Ubuntu 13.10 è una minor release che non fa nient'altro che correggere un po' di bug, migliorare le performance generali e introdurre Smart Scopes, l'unica vera novità interessante.

Ubuntu 13.10

Si tratta in pratica di una ricerca integrata che mostrerà nella Dash i risultati presi da oltre 50 servizi Web, tra cui Wikipedia, Amazon, eBay, Etsy, Weather Channel e SoundCloud, una cosa molto simile alla Smart Search di Bing appena introdotta anche su Windows 8.1. Ma ottimizzazioni e Smart Scopes a parte, Ubuntu non mostra nient'altro. Le novità più attese infatti sono slittate all'anno prossimo, ottobre 2014, segno che Canonical sta affrontando qualche difficoltà nell'innovare il proprio OS.

Niente versione nuova di Unity, la discussa interfaccia adottata da Ubuntu al posto dell'ambiente desktop Gnome, cosa che rinvia così la disponibilità di un'unica versione di Ubuntu in grado di funzionare trasversalmente ai vari device, dagli smartphone ai desktop. E soprattutto niente Mir, il nuovo display server che avrebbe dovuto sostituire l'ormai vecchio X Window Server e che sarebbe dovuto servire proprio per consentire di scalare l'interfaccia di Ubuntu dallo schermo di uno smartphone a quello di un display esterno in maniera fluida e funzionale.

Le uniche altre novità sono rappresentate dall'introduzione del supporto ai processori ARM a 64 bit, del kernel Linux 3.11 e dalla possibilità di accedere al servizio di cloud storing Ubuntu One Cloud già in fase di installazione del sistema. Un po' poco per chi attendeva novità più corpose.

Intanto è ufficialmente pronto anche Ubuntu Touch per smartphone e tablet ma anche questo ha ancora l'aria di un work in progress, non tanto per il sistema in sé quanto per il fatto che al momento sono ancora pochissime le app touch friendly disponibili. Insomma, come ha detto più di qualche collega, sembra proprio che per il nuovo Ubuntu manchi ancora un anno.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy