Home News Tre tablet Amazon Kindle Fire entro il 2012?

Tre tablet Amazon Kindle Fire entro il 2012?

Tre tablet Amazon Kindle Fire entro il 2012?Ormai i rumor che coinvolgono Amazon e la sua linea di tablet Kindle Fire si sprecano. Dalle ultime indiscrezioni sembra che l’azienda abbia in programma il lancio di tre nuovi modelli nel corso del 2012.

Arrivano nuove indiscrezioni che vorrebbero il colosso Amazon impegnato nella produzione di tre tablet della serie Kindle Fire che saranno lanciati nel corso dell’anno ad un prezzo ancora non comunicato. Taiwan Economic News ha riportato che, il modello da 8.9 pollici, verrà affiancato da due tablet da 7 pollici di cui uno equipaggiato con display da 1.024 x 600 pixel e l’altro con uno schermo da 1.280 x 800 pixel che costituirebbe l’offerta high-end del segmento.

Amazon Kindle Fire

Per quanto riguarda la versione da 8.9 pollici, sembra addirittura che sarà provvista di display da 1.920 x 1.200 pixel di risoluzione e che competerà, dunque, con il nuovo iPad di Apple per qualità dello schermo. Questa caratteristica, se confermata, porterebbe Amazon in diretta concorrenza con Apple più di quanto non lo sia adesso. Altre "voci di corridoio" vorrebbero Amazon impegnata in trattative con i distributori e i produttori per abbassare, quanto più possibile, il prezzo di vendita dei dispositivi.

Questa scelta rientrerebbe nella politica commerciale adottata dall’azienda anche per l’attuale generazione di tablet. Come noto, Amazon punta a compensare eventuali perdite di produzione facendo leva sui prodotti e servizi che mette a disposizione degli utenti. Sebbene l’attuale catena produttiva del Kindle Fire sia piuttosto rigida e preveda l’intervento di LG per il display e di Panasonic per il sensore touchscreen, la prossima generazione di tablet potrebbe chiedere l'intervento anche di Foxconn, Chimei Innolux e Prime View che si occuperebbero degli schermi e dei sensori che andranno ad equipaggiare i modelli da 8.9 e 7 pollici.

Queste ultime indiscrezioni si scontrano con quanto appreso nei giorni scorsi e andrebbero prese con il beneficio del dubbio. Non ci sono, infatti, conferme ufficiali né smentite o dichiarazioni da parte delle aziende coinvolte. D’altro canto, maggiori dettagli verranno inevitabilmente resi noti nel corso delle prossime settimane.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy