Home News Steve Jobs: Apple iPhone non traccia gli utenti

Steve Jobs: Apple iPhone non traccia gli utenti

Steve Jobs: Apple iPhone non traccia gli utentiRispondendo per posta elettronica ad un utente, il proprietario di Apple, Steve Jobs, respinge ogni accusa sul tracciamento dei dati con iPhone ed attacca frontalmente Android.

Anche se Apple non ha risposto ufficialmente alla polemiche relative al file nascosto in iOS 4, capace di conservare la cronologia degli spostamenti dei possessori di iPhone, Steve Jobs, presidente dell'azienda di Cupertino, ha rilasciato una dichiarazione per posta elettronica ad un utente. Come accadde per i problemi all'antenna di iPhone 4, Jobs ha affidato ad una mail i suoi pensieri, la sua rabbia e la posizione ufficiale di Apple sull'argomento.

Apple iPhone tracking

Nel messaggio di posta elettronica, ottenuto da MacRumors, l'utente si chiede: "Potete spiegarmi perchè avete integrato nel mio iPhone un software per la geolocalizzazione? E' insopportabile sapere che la mia posizione esatta è registrata in modo permanente. Potete darmi qualche spiegazione, prima che cambi questo telefono con un terminale Android?". Ecco la risposta di Jobs: "Se qualcuno ti segue, non siamo noi. Le informazioni che circolano in Rete sono false". Piuttosto laconico no?

Per quanto riguarda Android, Google ha respinto ufficialmente queste accuse, indicando di conservare i dati solo per una settimana, dopo accettazione degli utenti. Apple, invece, salverebbe dei dati che, attraverso un software, potrebbero essere convertiti in punti su una mappa seguendo così gli spostamenti in tempo reale di un utente. Quindi questo archivio di dati, non criptati, può essere sfruttato molto semplicemente da chiunque per tracciare un percorso geografico di una persona.

Ma a cosa servono queste informazioni? Per Apple, sono soprattutto necessarie per ottimizzare le applicazioni basate sulla localizzazione come riportato nella policy: "Per fornire servizi di geolocalizzazione sui prodotti Apple, Cupertino e i suoi partner possono raccogliere, utilizzare e condividere dati precisi della vostra localizzaizone, tra cui la posizione geografica in tempo reale del vostro computer o terminale". Per ogni nuova installazione di un'applicazione di questo tipo, l'utente può accettare o meno le condizioni imposte da Cupertino. L'azienda della Mela Morsicata, però assicura che i dati rimarranno anonimi e non si potrà risalire in alcun modo all'utente.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy