Home News Sempre più bambini tecnologici

Sempre più bambini tecnologici

Sempre più bambini tecnologici Un'indagine condotta dall'ISTAT sulle abitudini dei minori italiani delinea una crescente tendenza ad abbracciare le nuove tecnologie: in pole position vi è il cellulare, ma sempre più sono anche i ragazzi che usano il PC e accedono al web.

L'Istituto Nazionale di Statistica ha pubblicato il testo integrale dell'indagine multiscopica "La vita quotidiana di bambini e ragazzi", tesa a studiare le abitudini ed i comportamenti dei minori italiani. Uno degli aspetti che colpisce maggiormente è il forte mutamento del rapporto tra i bambini e la tecnologia che si è verificato nell'arco di pochi anni; come c'era da aspettarsi, la popolarità del telefono cellulare è cresciuta tantissimo, specie per i più piccoli.

Secondo le stime dell'ISTAT tra il 2000 ed il 2008 la percentuale di ragazzi tra gli 11 ed i 17 anni che utilizza il telefonino è salita dal 55,6% al 92%; limitatamente alla fascia compresa tra gli 11 ed i 13 anni si va dal 35,2% del 2000 all'83,7% attuale, mentre per i più grandi (14-17 anni) dal 70,4% al 97,8%. Tra tutti i ragazzi che utilizzano il cellulare, solamente il 3,8% si limita a fare chiamate (scopo principale per cui tra l'altro è preposto un telefono), mentre il restante 96,2% manda SMS (93,6%), fa squilli (47,3%), gioca (oltre 50%), ascolta la musica (33,3%), cambia suonerie (42,7%), scatta e scambia foto (38,8%), naviga su internet (4,2%), e così via.

bambino al computer

Per quanto riguarda invece l'uso del computer, la crescita è netta ma non esaltante: i bambini e ragazzi tra i 3 ed i 17 anni che adoperano il PC oggi sono il 59,8% (5.135.000), contro il 41,7% di 8 anni fa. In particolare si può notare una crescità dell'interesse verso i computer con l'aumento dell'età: tra i 3 ed i 5 anni il 15,6% dei bambini usa il PC, passando al 57,4% tra i 6 ed i 10 anni, il 75,8% tra gli 11 ed i 13 anni, l'82% tra i 14 ed i 17 anni. Lo sviluppo (seppur tutt'altro che florido) massiccio della banda larga in Italia ha invece permesso di passare dal 28,5% al 66,9% di internauti nella fascia compresa tra gli 11 ed i 17 anni.

I dati dimostrano inoltre che il progresso tecnologico allontana sempre più i ragazzi dalla televisione  e stimola ad intrattenere altre attività (cinema, sport, teatro), ed il vecchio gap tra ragazzi e ragazze si sta colmando. Permane invece purtroppo una forte disuguaglianza tra nord e sud Italia e tra classi sociali. Al nord-ovest il 78,2% delle famiglia è in possesso di un PC, contro il 61,4% delle isole; tra le famiglie di imprenditori, dirigenti e liberi professionisti la percentuale è dell'88%, mentre le famiglie degli operai si assestano sul 57,1%. Le disuguaglianze sarebbero tuttavia minori rispetto al passato, per cui le nuove tecnologie sembrano in grado di "rompere anche le barriere sociali e territoriali", nonostante lo scarso interesse e supporto da parte delle autorità.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy