Home News Samsung Knox 2.0: autenticazione a due fattori, app e cloud

Samsung Knox 2.0: autenticazione a due fattori, app e cloud

Samsung Knox 2.0: fingerprint, app e cloudNel tentativo di spingere l'adozione della piattaforma Android anche nel settore professionale ed enterprise, Samsung ha presentato al MWC la seconda generazione del software di sicurezza per device mobili, Knox 2.0, compatibile con tutti i propri terminali dotati di Android KitKat 4.4 ma che si avvantaggia anche di alcune funzionalità specifiche del nuovo Galaxy S5.

A un anno esatto dalla presentazione della prima generazione, ecco che Samsung torna al MWC con Knox 2.0, versione rivista e corretta della suite di sicurezza destinata ai device ultramobili, con la quale il colosso coreano vuole dare una risposta valida alle sfide poste dalla sempre crescente tendenza diffusa in ambito professionale di utilizzare lo stesso dispositivo sia nel lavoro che durante il tempo libero.

Android, piattaforma regina del settore consumer, deve quindi cercare di evolversi anche per accontentare i professionisti e Knox 2.0 in particolare risponde alla necessità di sicurezza che caratterizzano l'ambito business. Samsung ha anzitutto esteso il funzionamento di Knox 2.0 per sfruttare il sensore biometrico presente nel nuovo Galaxy S5, in modo da creare un sistema di autenticazione a due fattori che consente agli utenti di accedere al terminale solo dopo aver eseguito la scansione della propria impronta digitale abbinata all'inserimento di un codice di sblocco.

Come funziona Samsung Knox 2.0

Inoltre, grazie al nuovo Knox, è possibile creare due diverse istanze per lo stesso utente, così da offrire la possibilità di tenere separati gli ambienti lavorativi e di svago, più esposti a minacce come virus e sottrazione di dati. Ma Knox 2.0 fa anche molto altro. Grazie ad esempio alla possibilità di custodire i certificati all'interno dell'ambiente protetto TrustZone, il device nel suo insieme può essere utilizzato come una SmartCard. Il Knox Key Store invece genera delle chiavi di cifratura, anch'esse custodite poi all'interno di TrustZone, in modo che le applicazioni o i file crittografati siano al sicuro anche se il sistema dovesse essere compromesso.

Samsung Knox EMM

Molto interessanti sono poi anche le funzionalità di sicurezza legate al cloud. Ad esempio EMM consente una gestione cloud based del device e dei parametri di identità e accesso e implementa oltre 326 IT policies che seguono i più diffusi standard aziendali. Sono poi disponibili diversi servizi enterprise cloud-based come CRM e ERP, mentre nel Marketplace si possono trovare oltre 140 app dedicate al segmento professionale, tutte dotate di capacità zero-sign, che consente a un Amministratore IT di controllare facilmente i diritti di accesso di ciascun utente ai servizi acquistati in base alle credenziali definite nella directory, mentre i dipendenti possono accedere a questi servizi da dispositivi mobili e PC, senza una registrazione esplicita e il relativo processo di sign-in.

Knox 2.0 sarà ovviamente pre-installato sul Galaxy S5, ma potrà anche essere scaricato su tutti gli altri dispositivi Samsung con sistema operativo Android 4.4 KitKat o aggiornabili a questa release. Secondo Samsung infatti sono già più di 1 milione gli utilizzatori del servizio Knox, destinati a crescere ulteriormente quando il nuovo smartphone arriverà sul mercato.   

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy