Interfacce

  • Lato destro: Sul fianco destro possiamo osservare un autentico affollamento di porte e slot di espansione. Si parte dallo slot ExpressCard appaiato al lettore multiformato di schede di memoria, per proseguire con due porte USB (utilissime ai destrimani per collegare periferiche di input) inframmezzate dal connettore RJ-11 del modem. Una disposizione particolare delle USB, che vengono così a trovarsi disposte ad una buona distanza l'una dall'altra,per favorire la connessione anche di dispositivi ingombranti. Possiamo notare, poi, l'uscita HDMI e l'ingresso per l'antenna. Buona parte del lato destro è occupata dalla griglia di ventilazione: al riguardo vorremmo sottolineare che le maglie ampie e sottili favoriscono l'aerazione, ma potrebbero rivelarsi fragili in caso di urti accidentali.

MSI PR200 destra

  • Lato sinistro: Il versante sinistro, occupato per metà dal cassetto del masterizzatore, ospita il connettore per il cavo di sicurezza Kensington, l'uscita VGA, il connettore RJ-45 per la rete Ethernet e una porta USB (in soccorso degli utenti mancini).

MSI PR200 sinistra

  • Lato anteriore: Un frontale semitrasparente di colore nero occupa interamente il bordo anteriore della base, lasciando intravvedere i LED di indicazione dello stato del portatile, della batteria, della rete wireless e dell'hard disk. Due jack per microfono e cuffie sono stati collocati in posizione centrale.

MSI PR200 frontale

  • Lato posteriore: Questo lato non ospita nessuna interfaccia di comunicazione, ma è interamente occupato dalla batteria.

MSI PR200 retro

Processore e chipset

L'ultraportatile MSI PR200 è basato sulla più recente piattaforma di Intel, Santa Rosa, nella variante che va sotto il nome di "Centrino Duo". La principale differenza rispetto all'altro ramo, "Centrino Pro", consiste nella mancanza del supporto per la tecnologia evoluta di gestione e protezione remota Intel AMT (Active Management). Dato il target al quale il PR200 è indirizzato, forse sarebbe stato preferibile adottare la piattaforma Centrino Pro, ma questa scelta avrebbe inevitabilmente comportato un aumento del prezzo per l'utente finale, con una conseguente perdita di competitività.

Da qui la scelta di sacrificare la tecnologia AMT in favore di un costo più accessibile. Scelta che ci sembra condivisibile anche in considerazione del fatto che la tecnologia AMT, per poter operare, richiede una rete di calcolatori dotata di particolari requisiti hardware e software, difficilmente presenti nelle comuni realtà aziendali italiane.

Al cuore della piattaforma Centrino Duo troviamo il chipset Intel Mobile 965 Express, nella versione con sottosistema grafico GMA X3100 integrato (965GM), coadiuvato dal southbridge ICH8M. Delle tre interfacce PCI-Express messe a disposizione dal southbridge, una è occupata dalla scheda di rete Realtek RTL8168/8111 PCI-E Gigabit Ethernet Adapter, l'altra dal modulo Intel 3945ABG PRO/Wireless Network Adapter, e l'ultima è lasciata libera, a disposizione per futuri aggiornamenti o per un eventuale modulo Intel Turbo Memory.

Il FSB a 800MHz riesce finalmente a liberare tutta la potenza dei processori basati su architettura Merom, come l'Intel Core 2 Duo T7300 montato sul modello recensito. Come abbiamo sottolineato nella sezione "Acquisto", il modello PR200-004IT, in vendita nel nostro Paese al momento, è equipaggiato con un processore con una frequenza di clock leggermente inferiore, il T7100, e con un quantitativo di cache L2 di 2MB. La scelta di un processore per notebook standard, non appartenente quindi alle famiglie di chip a basso voltaggio LV e ULV di Intel, consente di ottenere prestazioni di calcolo estremamente interessanti, superando, così, uno dei limiti che più frequentemente vengono rimproverati ai portatili con questo fattore di forma.

Fanno da contraltare, ovviamente, una autonomia e una silenziosità leggermente inferiori a quella di sistemi concorrenti, ma mai tali da compromettere l'ottimo comfort d'uso e la portabilità di questo notebook.
Questi i risultati dei test effettuati da Nuclearus:

MSI PR200 nuclearus

Memoria

Il controller di memoria del chipset Intel 965GM supporta fino a 4GB su due moduli SoDIMM DDR2-667 SDRAM con una frequenza totale di 667MHz attivando il dual channeling. Proprio al fine di sfruttare la tecnologia dual channel per raddoppiare la velocità di trasferimento dati, sono stati impiegati due banchi gemelli di memoria Transcend JM488Q643A-6 da 1024MB ciascuno.

Queste le caratteristiche di ciascun banco:

  • Capacità modulo: 1024 MB (2 ranks, 4 banks)
  • Tipo modulo: SO-DIMM
  • Tipo memoria: DDR2 SDRAMVelocità: DDR2-667 (333 MHz)Ampiezza bus: 64 bitVoltaggio: SSTL 1.8Frequenza di aggiornamento: Ridotto (7.8 us), Self-Refresh
  • Timing della memoria:

      @ 333 MHz 5-5-5-15  (CL-RCD-RP-RAS) / 20-35-3-5-3  (RC-RFC-RRD-WR-WTR)
      @ 266 MHz 4-4-4-12  (CL-RCD-RP-RAS) / 16-28-2-4-2  (RC-RFC-RRD-WR-WTR)

      @ 200 MHz 3-3-3-9  (CL-RCD-RP-RAS) / 12-21-2-3-2  (RC-RFC-RRD-WR-WTR)

Sempre sul versante delle memorie sottolineamo la presenza di uno slot PCI-E Mini Card libero, che su alcune varianti di MSI MegaBook PR200 commercializzate all'estero viene sfruttato per installare un modulo Intel Turbo Memory. Anche se sul modello attualmente disponibile in Italia non è presente questo dispositivo, nulla vieta di installarlo in un secondo momento con un intervento fai-da-te.

 

 

  • Indietro
  • Avanti

Commenti