Home News Recensione Asus Lamborghini VX6 EeePC

Recensione Asus Lamborghini VX6 EeePC

Recensione Asus Lamborghini VX6 EeePCE' disponibile online la prima prova di Asus Lamborghini VX6. I risultati sono stati entusiasmanti per quel che riguarda design e sistema audio, meno convincenti il prezzo e le prestazioni.

Asus Lamborghini VX6 è un ultraportatile da 12 pollici nato dalla collaborazione di Asus con la nota casa automobilistica. Proprio in virtù di tale alleanza, il design è uno degli aspetti più convincenti del sistema. Nonostante i materiali siano plastici, la qualità complessiva è piuttosto buona (superiore alla media) così come l’assemblaggio. Il lid è lucido come si conviene ad un bolide di lusso, anche se con il fastidioso inconveniente di trattenere le impronte digitali.

Asus Lamborghini VX6

Fatta eccezione per questo aspetto, il design è uno dei punti di forza di questo notebook. Sulla sinistra dello chassis si trovano le uscite video VGA e HDMI e lo slot SD. A destra, il foro per il lucchetto Kensington, due porte USB 3.0 e i connettori audio. Notevoli le ventole che, oltre a regalare un forte impatto scenico, mantengono la temperatura di Asus Lamborghini VX6 EeePC entro limiti tollerabili. Il display è piuttosto buono, con un livello di saturazione discreto ma, essendo di tipo lucido, soffre dei classici effetti di riflessione della luce.

Le performance generali non sono state molto convincenti, anche alla luce del costo dell’ultraportatile. Il processore impiegato, un Atom D525 dual core, ha complessivamente buone prestazioni, migliori di modelli riservati alla fascia mobile (Atom N450/N270 e così via). Il comparto grafico è occupato dalla GPU nVidia ION Next-Gen con tecnologia Optimus per il controllo dei consumi. La controparte è ovviamente il controller integrato X3150 tipico della piattaforma PineTrail.

La tastiera è composta da tasti ad isola ed ha fornito buone impressioni sotto il profilo dell’ergonomia. Il feedback rilasciato è ottimo e non ci sono problemi per sessioni di lavoro prolungate. Leggermente penalizzante la dimensione dei tasti “shift” ritenuti davvero poco pratici. Il touchpad è apparso piuttosto tradizionale. Il comparto audio, firmato Bang&Olufsen, è uno dei componenti di maggior pregio del sistema. Il suono è chiaro e profondo e il volume degli speaker è elevato, un ottimo biglietto da visita per la multimedialità.

Sebbene l’autonomia dichiarata dal produttore tocchi le 7 ore e mezza, durante i test effettuati dai nostri colleghi di Netbooksreview non è stato possibile andare oltre le 4 ore e mezza in modalità bilanciata, probabilmente anche a causa del fatto che, durante la visualizzazione di filmati su YouTube, nVidia ION 2 interveniva continuamente al posto del controller integrato. In condizioni normali si sono raggiunte le 6 ore. In definitiva, le impressioni sono state piuttosto buone soprattutto per quel che riguarda aspetti estetici e funzionali. Un po’ meno riguardo le prestazioni che non giustificano il prezzo di vendita del prodotto.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy