Home Recensioni Recensione ACER Aspire One D257 - Hard disk e reti

Recensione ACER Aspire One D257 - Hard disk e reti

Recensione del netbook Acer Aspire One D257ACER Aspire One D257 è un netbook classico, dotato di processori Intel Atom single o dual core, fino a 2 GB di RAM e doppio sistema operativo, Microsoft Windows e Google Android, per chi ha esigenze di mobilità e di un prodotto curato ma non è interessato al multimedia e vuole contenere al massimo i costi.

Hard Disk

L'Aspire One D257 è equipaggiato con un’unità hard disk Western Digital Scorpio Blu da 2.5 pollici con spessore di 9.5 cm, velocità di rotazione di 5400 RPM, buffer dati da 8 MB e interfaccia Serial ATA II 3Gb/s. La capienza è di 250 GB, accettabile per un dispositivo ultramobile come un netbook, specialmente se non vi si devono svolgere attività multimediali, come in questo caso.

Complessivamente buone le prestazioni evidenziate con HDTune. L'andamento della curva è infatti abbastanza omogeneo e privo di picchi negativi o positivi troppo accentuati e anche il transfer rate medio è allineato ad altri dispositivi di questo tipo, tuttavia l'access time è un po' elevato. Presente come su altri netbook l'utile card reader 5-in-1 (SD/SDHC/MMC/MS/MS PRO), che permette di interfacciarsi con tutte le memorie esterne tipiche dei diversi dispositivi hi-tech che ormai popolano la nostra quotidianità, come smartphone, macchine fotografiche etc.

HDTune

Reti

ACER Aspire One D257 nella versione giuntaci in redazione offre una varietà di connessioni abbastanza ampia, che comprende sia la rete Ethernet LAN 10/100 che il WiFi 802.11n, oltre al Bluetooth 3.0+HS. La LAN è gestita dal controller Realtek RTL8139/810x Gigabit Ethernet su PCI-E, mentre la connessione WiFi è gestita dal chipset Atheros AR9285. Come su tutti i propri notebook, ACER integra poi le sue soluzioni ACER SignalUp e Nplify.

La prima, grazie all'adozione di speciali antenne PIFA (Planar Inverted-F Antenna) e alla loro sistemazione alla sommità della cover, garantisce connessioni più stabili e performanti rispetto a quelle offerte dai normali portatili, in quanto meno soggette ai disturbi generati all'interno dello chassis e in grado di produrre un segnale il cui campo ha una forma sferica tridimensionale molto regolare, che assicura così un segnale ominidirezionale particolarmente stabile e con un'area doppia rispetto ad antenne con superficie bidimensionale, come le IFA o le MLA. Nplify invece indica la tecnologia InviLink che permette l'uso di antenne multiple di tipo MIMO (Multiple Input, Multiple Output), che garantiscono un segnale particolarmente potente e stabile.


Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy