Home News Razer lancia Project Christine, il PC modulare

Razer lancia Project Christine, il PC modulare

Razer lancia Project Chrstine, il PC modulareProject Christine è il primo PC modulare al mondo ed è realizzato da Razer, leader nel settore del gaming. Aprire un case e smontare, pezzo per pezzo, i componenti sarà solo un ricordo, perché il nuovo PC si potrà aggiornare sostituendo i moduli/blocchi in pochi secondi.

Oltre al braccialetto per il fitness Nabu, Razer ha presentato al CES 2014 un nuovo concept di PC modulare, che consente il facile upgrade dei componenti semplicemente sostituendo un modulo con un altro senza aprire il case. In teoria, si potrà aggiornare la CPU, aggiungere una scheda grafica, aumentare lo spazio di storage e cambiare qualsiasi altro elemento del PC in pochi minuti, addirittura secondi. Razer chiama questo concept Project Christine e, anche se non è ancora pronto per le spedizioni, la società cerca feedback e opinioni di potenziali clienti prima di portare il prodotto sul mercato. Un esperimento simile fu fatto qualche anno fa con Project Fiona, che nel 2013 si è trasformato nel gaming tablet Razer Edge PC.

Razer Project Chrstine

Project Christine non ha nulla di particolare rispetto ai comuni PC fissi, se non il design davvero unico, affascinante. E' interessante l'idea di un PC modulare, che è semplice da aggiornare rispetto alle soluzioni desktop esistenti. Non sarà necessario aprire il case, rimuovere la ventola della CPU o il dissipatore di calore, sfilare con cautela i componenti per raggiungere quello da aggiornare ma basterà solo sostituire il nuovo modulo con il vecchio. Il gioco è fatto. Il sistema di Razer è completamente fanless, grazie al raffreddamento a liquido. Il computer Project Christine dispone di un modulo di raffreddamento che spinge il liquido in ogni blocco. Quando si rimuove un modulo, le aperture si chiudono automaticamente, ma quando il sistema è in funzione il liquido tornerà a scorrere anche in quella sezione.

Se l'idea piacerà, vedremo qualcosa di simile a Project Christine nei prossimi due anni, ma non aspettatevi un PC economico. Il suo fascino è la sua potenza e la sua semplicità, non il suo prezzo. Razer Edge, ad esempio, è uno dei tablet Windows più costosi sul mercato ma è rivolto a videogamer disposti a pagare anche tanto per le prestazioni. Project Christine probabilmente seguirà lo stesso esempio. La società potrebbe aprire la piattaforma a fornitori di terze parti, che potrebbero far scendere il prezzo dei moduli.

Via: Liliputing

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy