Home News Qualcomm Snapdragon Wear 2100 per smartwatch con connettività LTE

Qualcomm Snapdragon Wear 2100 per smartwatch con connettività LTE

Qualcomm Snapdragon Wear 2100Qualcomm annuncia il suo primo SoC per indossabili: Snapdragon Wear 2100 è più piccolo (del 30%) e più efficiente (del 25%) rispetto allo Snapdragon 400. Supporta design ancora più minimalisti, una migliore durata della batteria, Smart Sensing e connettività 4G LTE. Gli smartwatch LG fra i primi destinatari.

In vista del MWC 2016, oltre al lancio dei nuovi Snadpragon 425, 435 e 625, nonché del super-modem Snapdragon X16 LTE, Qualcomm ha rivelato il suo primo SoC progettato espressamente per indossabili: Snapdragon Wear 2100. L'azienda di San Diego non è affatto estranea al settore, visto che la maggior parte degli smartwatch Android Wear in circolazione oggi, come il Motorola Moto 360 di seconda generazione, monta SoC Snapdragon 400, ma si trattava di un processore per smartphone adattato all'uso nei wearable. Il nuovo Qualcomm Snapdragon 2100 invece è pensato specificamente per smartwatch e smartband. È tutta un'altra storia: fornisce buone prestazioni contenendo le dimensioni e i consumi, per esaltare l'autonomia del dispositivo.

"Qualcomm Technologies è leader tecnologico nell'ambito dei wearable grazie alla sua ampia offerta di prodotti per questo settore tra cui il processore Snapdragon 400, al cuore della quasi totalità degli smartwach Android Wear" ha ricordato Raj Talluri, senior vice president, product management, Qualcomm Technologies, Inc. "Con l'introduzione della piattaforma Snapdragon Wear e del SoC Snapdragon Wear 2100, Qualcomm Technologies si assicura una testa di ponte per il futuro della tecnologia wearable assicurando design ancora più sottili, una maggiore durata della batteria, funzionalità di smart sensing oltre alla connettività always-on."

Qualcomm Snapdragon Wear 2100 per una nuova generazione di smartwatch 4G LTE con Android Wear

Diamo qualche cifra: Snapdragon Wear 2100 è più piccolo del 30% rispetto allo Snapdragon 400 e quindi consentirà ai partner del chipmaker californiano di ideare e sviluppare design più sottili e leggeri per i propri wearable. Per quanto riguarda invece il sistema di gestione energetica, Qualcomm ha rilevato un risparmio del 25% di energia rispetto allo Snapdragon 400, utile sia per raggiungere un'autonomia più elevata ma anche per contenere le temperature dei circuiti interni.

Snapdragon Wear 2100 è un SoC quad-core (Cortex-A7) con frequenza di 800MHz o 1.2GHz (Qualcomm sottolinea entrambi i clock rate) con una GPU Adreno 304 e memoria LPDDR3 da 400 MHz. La scelta di utilizzare dei core Cortex-A7 è giustificata dall'elevato consumo energetico dei core Cortex-A53 incompatibile con gli indossabili e dalla mancanza dei nuovi core Cortex-A35, forse più adatti per quest'impiego, ma annunciati da ARM solo un paio di mesi fa.

Un altro dei grandi vantaggi del nuovo SoC Qualcomm è quello di garantire connettività always-on. Il processore sarà infatti disponibile in due versioni: tethered (WiFi e Bluetooth) e connected (4G/LTE e 3G, oltre che WiFi e Bluetooth) grazie all'integrazione di un modem Snapdragon X5. Il chip integra inoltre un nuovo sensor-hub a ridotto consumo energetico, che potrà gestire con maggiore precisione i vari sensori integrati nel dispositivo.

Come abitudine di Qualcomm, i nuovi processori verranno calati all'interno di un completo ecosistema denominato Snapdragon Wear e che comprende tutti gli strumenti necessari per sviluppare un device pronto per la commercializzazione: software, chipset, reference design e supporto tecnico, tutto provvisto direttamente da Qualcomm per assicurare la massima ottimizzazione e un time-to-market rapidissimo. I sistemi operativi supportati sono Android e Android Wear quindi c'è anche un importante contributo di Google (che sia qusta la ragione per la quale è finita in soffitta la partnership fra Mediatek e Google per gli smartwatch Android Wear cinesi con funzioni telefoniche?).

Qualcomm non ha rilasciato dettagli sulla disponibilità dello Snapdragon 2100, ma ha già anticipato che ci sono 65 dispositivi (ora in fase di sviluppo) che utilizzeranno il nuovo SoC. E non ci sorprende che LG figuri fra i primi partner ad adottare la nuova soluzione Qualcomm, perché come ricorderete aveva rinviato a data da destinarsi il lancio del primo smartwatch Android Wear con connettività telefonica integrata, Watch Urbane 2 LTE.

"LG e Qualcomm Technologies hanno guidato il mondo della tecnologia wearable grazie ad una stretta collaborazione che nel corso degli ultimi due anni ha portato alla nascita di vari smartwatch e orologi per bambini" conferma David Yoon, vice president, wearables, LG Electronics. "Siamo entusiasti dei piani di Qualcomm Technologies per il mercato wearable e vogliamo estendere la nostra collaborazione con l'introduzione del processore Qualcomm Snapdragon Wear 2100 oltre che lanciare nuovi smartwatch e altri dispositive indossabili nel corso di questo anno per offrire ai nostri utenti una esperienza sempre più mobile ed innovativa."

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy