Home News Privacy Facebook: dati degli utenti a rischio

Privacy Facebook: dati degli utenti a rischio

Privacy Facebook: dati degli utenti a rischioFacebook è nuovamente al centro delle polemiche per alcuni problemi relativi alla privacy degli internauti. Questa volta i dati degli utenti sarebbero stati trasmessi a società esterne per scopo pubblicitario, attraverso delle applicazioni utilizzate sul social network.

Anche se gli utenti sono in grado di controllare, limitare la lettura e la scrittura sulla bacheca del proprio profilo ad amici o semplici visitatori, gli internauti devono anche configurare l'accesso delle applicazioni. Queste ultime avrebbero inviato molti dati sensibili degli iscritti al social network a terzi (aziende pubblicitarie) "per errore". Il Wall Street Journal ha scoperto questo bug precisando che anche le dieci applicazioni più popolari elencate da Inside Network Inc sono interessate.

Facebook login

Zynga (Farmville, Texas HoldEm Poker, Frontierville) ed i suoi 59 milioni di utenti sono inclusi nel gruppo con Mafia Wars, Causes e Treasure islands. Secondo Wall Street Journal, l'identificatore di Facebook permetterebbe di individuare il nome di un utente anche se il profilo dell'internauta è privato. "Per gli altri utenti, l'identificatore di Facebook rivela le informazioni che hanno scelto di condividere con tutti. Tra i dati inviati vi è l'età, l'indirizzo, la professionale e le fotografie".

Queste informazioni sono state inviate agli inserzionisti e ad aziende pubblicitarie come RapLeaf, che trasmette i dati ad altre società terze. Con questa evidenza, Mike Vernal, ingegnere in Facebook, ha pubblicato un post sul blog ufficiale del social network nel quale spiega: "nella gran parte dei casi gli sviluppatori hanno trasmesso queste informazioni in modo non intenzionale ma a causa di un problema tecnico dovuto al browser utilizzato".

E aggiunge: "la stampa ha esagerato sulle conseguenze derivate da questo bug". La falla non permetterebbe di accedere ad informazioni private senza il consenso dell'utente. Un portavoce di Facebook spiega di aver eliminato le applicazioni che non rispettano la privacy sulla Rete. E' questo il caso di LOLapps che raccoglie quasi 5 milioni di utenti.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy