Home News Piattaforme per notebook AMD: arriva Shrike

Piattaforme per notebook AMD: arriva Shrike

Piattaforma per notebook AMD ShrikeRiavvampa l'interesse dei media per la piattaforma per notebook AMD Shrike, che succederà all'attuale piattaforma Puma a metà 2009. Esaminiamone le caratteristiche, basandoci sui dati finora disponibili.

AMD Shrike sarà la prima soluzione per notebook del chipmaker di Sunny Vale a beneficiare della nuova architettura di processore Fusion, che integrarà CPU, GPU e controller PCIe sullo stesso pezzo di silicio.

Piattaforma per notebook AMD Shrike

Come tradizione di AMD ci sarà anche un controller di memoria integrato, finalmente compatibile con le memorie DDR3, capaci di raggiungere più elevate frequenze di clock senza incidere troppo sui consumi. Secondo informazioni ufficiali, rilasciate a dicembre 2007, il northbridge dovrebbe essere una evoluzione di quello correntemente impiegato dai processori Griffin, ma dotato di supporto per moduli di memoria DDR3 fino a 1333MHz.

Conosciamo già i nomi in codice dei primi processori, Black Swift e White Swift. Entrambi verranno prodotti a 45nm e avranno un packaging differente da quello delle attuali CPU Griffin, denominato FS1, ma Black Swift integrerà 2 core Stars mentre White Swift sarà single-core. Da Black Swift deriveranno i futuri AMD Turion e Athlon per notebook, mentre White Swift raccoglierà l'eredità dei processori economici AMD Sempron.

APU AMD Fusion

Parlare di CPU riguardo ai processori Fusion sarebbe poco corretto: la CPU sarà solo una parte del die, che comprenderà più elementi eterogenei, come GPU e controller I/O. AMD, pertanto, ha coniato un nuovo acronimo per definire questi chip: APU, Accelerated Processing Unit.

I processori Fusion saranno in grado di gestire direttamente le interfacce DisplayPort, HDMI e DVI, e più canali PCI Express per collegare, ad esempio, una scheda video dedicata. Di tutte le altre interfacce si occuperà un southbridge connesso al processore tramite link PCIe.

AMD non ha chiarito quale motore grafico impiegherà per il sottosistema IGP dei processori Swift. Il riserbo, tuttavia, non ha impedito agli analisti di formulare svariate previsioni al riguardo: secondo alcuni deriverà dal chip ATI RV620, lo stesso delle attuali schede video ATI Mobility Radeon HD3450 e HD3470, altri invece porpendono per un motore ATI RV710, non ancora adattato all'impiego mobile e, probabilmente, alla base delle prossime ATI Mobility Radeon HD 4000. Propendiamo per la seconda soluzione: anche se entrambi assicurerebbero il supporto per le API DirectX 10.1, tuttavia solo il chip RV710 è dotato di UVD2.0, caratteristica di cui sappiamo sarà dotata anche Fusion. UVD 2.0 è la seconda generazione di decoder hardware ATI per i formati video compressi ed è componente fondamentale della tecnologia ATI AVIVO HD. La nuova release supporta la decodifica hardware completa dei flussi MPEG-2, H.264, MPEG-4 AVC e VC-1.

Alcune configurazioni potrebbero disporre di una scheda video dedicata: le informazioni preliminari divulgate da AMD fanno riferimento ad un non meglio conosciuto chip ATI M90. Con ogni fprobabilità potrebbe trattarsi delle future GPU della famiglia ATI RV800. Non è stato chiarito se chip IGP e scheda grafica potranno combinarsi utilizzando la stessa tecnologia ibrida implementata sulla piattaforma per notebook AMD Puma.

Tornando ad AMD Shrike, si tratterà di una piattaforma "aperta", fedele allo spirito del produttore californiano: AMD si limiterà a fornire processore e southbridge, lasciando la facoltà di integrare la piattaforma con componenti fabbricati dalle aziende partner, aderenti al programma Better by Design. Fra questi ci saranno anche schede di rete wireless 802.11 a/b/g/n, modem per reti cellulari 3G (UMTS/HSDPA) e reti wireless a banda "ultra-larga" UWB (Ultra Wide Band).

AMD Shrike è una piattaforma per notebook, ma alcuni operatori del settore ritengono che possa trovare applicazione anche su dispositivi ultra-mobile ad alte performance (UMPC, per intenderci). Insieme alla nuova famiglia di CPU per netbook, che secondo i rumors dovrebbe essere presentata nella seconda metà del 2008, i processori Swift potrebbero permettere ad AMD di coprire l'intero settore dei subnotebook, dai modelli più economici a quelli più costosi e performanti.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy