Notebook e netbook: prezzi in salitaAnche se alcuni produttori europei sperano nel recente ribasso dell'euro nei confronti del dollaro per facilitare loro esportazioni, questa situazione potrebbe comportare però anche un aumento dei prezzi dei PC portatili e dei netbook.


Molte aziende del settore mobile, infatti, vedranno il proprio fatturato diminuire automaticamente in Europa, a causa del cambio sfavorevole euro/dollaro. Era necessario spendere 1.32 dollari per ottenere 1 euro nel dicembre 2009, mentre ora il cambio si è assestato intorno a 1.5 dollari. L'euro registra anche una diminuzione nei confronti del dollaro taiwanese. Concretamente, ciò significa che se i produttori taiwanesi di PC portatili continueranno a vendere i propri dispositivi allo stesso prezzo di dicembre 2009, i loro profitti saranno inevitabilmente in diminuzione.

Acer Aspire Timeline 1810p

Inoltre, visto che i prezzi dei notebook e dei netbook sono calcolati in dollari, gli analisti del mercato ritengono che le aziende debbano aumentare i prezzi dei propri modelli per non rischiare un fatturato in calo nel 2010. Cattive notizie dunque per il consumatore che dovrà certamente spendere più euro per lo stesso laptop. Tuttavia, alcuni produttori, come Acer, hanno deciso di non modificare i propri prezzi di vendita. Attenzione, però, anche se il costo rimarrà uguale, cambierà la schede tecnica dei notebook, che per lo stesso prezzo saranno meno accessoriati e potenti.

Ad esempio, la taiwanese potrebbe decidere di sostituire un processore Intel Core i5-430M con un Intel Core i3-350M. Gli utenti saranno contenti?

Google News
Le notizie e le recensioni di Notebook Italia sono anche su Google News. Seguici cliccando sulla stellina

Commenti