Home News Netbook con Windows XP: le restrizioni di Microsoft

Netbook con Windows XP: le restrizioni di Microsoft

Netbook con Windows XP: le restrizioni di Microsoft Le restrizioni imposte da Microsoft per la concessione delle licenze per i sistemi operativi Microsoft Windows XP e Vista su netbook e nettop sono state chiarite in dettaglio: i limiti imposti sembrano tuttavia destinati a crollare durante il 2009.

Il ritmo dello sviluppo tecnologico è sempre più frenetico, ed i consumatori si sono ormai abituati e all'idea di veder diventare obsoleti in breve tempo i propri computer nuovi di zecca. A volte tuttavia le strategie di marketing impongono pesanti restrizioni che cozzano violentemente contro questa tendenza: uno dei casi più eclatanti è costituito dalla politica adottata da Microsoft per la gestione delle licenze Windows relativa a sistemi netbook e nettop, tipologie di computer low-cost protagoniste di un incredibile boom nell'arco del 2008.

Le specifiche prescritte dal colosso di Redmond sono ora note nel dettaglio, e si applicano ai 20 maggiori produttori OEM già dal mese di settembre dello scorso anno.

Windows Vista licenza

Restrizioni per Windows XP
Storage: SSD integrato da max 16GB, oppure hard disk da max 160GB.
Grafica: Compatibilità non superiore alle API DirectX 9.0
Memoria RAM: non superiore ad 1GB
CPU: Il processore deve utilizzare un singolo core con clock non superiore ad 1GHz, a parte le seguenti eccezioni - Intel Atom (N270, N230, Z500, Z510, Z520, Z530, Z540); Intel Celeron 220; AMD Geode LX, Athlon 2650e, Sempron 210U; VIA C7-M (ULV), Neon (U2300, U2400, and U2500)
Schermo: diagonale non superiore a 10.2 pollici per i netbook, 14.1 pollici per i netbook di grossa taglia, nessun limite per i nettop

Restrizioni per Windows Vista
Storage: SSD integrato da max 24GB

Come possiamo notare, i maggiori limiti riguardano la presenza di un solo gigabyte di memoria RAM (facilmente espandibile), e di un comparto grafico dalle capacità limitate. Microsoft tuttavia non si dimostra contraria alla cessione di licenze per dispositivi netbook con schermi superiori a 10.2 pollici; in questo caso infatti, il maggior nemico dei produttori OEM è proprio Intel, che non consente di utilizzare le proprie CPU Atom su macchine aventi display con diagonale superiore.

La testardaggine di Intel potrebbe costare cara ad aziende come HP ed Acer, che già da tempo si preparano al lancio di nuove soluzioni a basso costo con pannelli da 11.6 pollici e 13.3 pollici; considerando che il panorama ultramobile del 2009 è destinato ad essere rivoluzionato dall'arrivo di alcune eclatanti novità come Intel Atom Pineview, la nuova piattaforma Intel Moorestown, l'architettura ARM Cortex e l'arrivo del sistema operativo Microsoft Windows 7, ipotizziamo che le attuali restrizioni siano inevitabilmente destinate a franare.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy