Home News Microsoft Office Starter 2010: quali limitazioni?

Microsoft Office Starter 2010: quali limitazioni?

Microsoft Office Starter 2010: quali limitazioni?L'edizione Starter della suite Office 2010 sostituirà dopo il suo lancio Works, l'attuale applicazione per l'ufficio installata su molti computer portatili in commercio. Ecco tutte le caratteristiche del futuro software.

Dal momento che Office 2010 Starter sarà fornito gratuitamente su un buon numero di PC, portatili e desktop, fin dal primo semestre 2010, appare ovvio che Microsoft andrà a limitare questa versione rispetto alle release a pagamento. In primo luogo, precisiamo che Office Starter 2010 sarà soltato composto da Word ed Excel, mentre le versioni Family e Home and Business 2010 includeranno in più PowerPoint, OneNote ed Outlook. L'interfaccia sarà quasi certamente la stessa utilizzata in Office 2010, molto simile a quella introdotta con Office 2007.

Office 2010

Come Works, Office Starter 2010 non è in grado di leggere tutti i formati supportati invece dalle edizioni Professional. Sono interessati i file con estensioni .xla, .xlam, .dsn, .mde, .accde, .odc e .udl, relativi a database, diagrammi e macro. Office Starter 2010 non potrà essere arricchito da plugin e temi, non potendo essere caricati o creati, lanciati e pubblicati in questa versione. In compenso, se i documenti conterranno macro, potranno essere letti ma con macro disattivati.

Precisiamo anche che sarà possibile creare automaticamente una sinossi o tabelle incrociate dinamiche. Solo disponibile in versione OEM, cioè preinstallata su alcuni notebook e desktop nuovi, Office Starter 2010 non potrà funzionare con Windows XP. Se l'utente quindi si accontenta di redigere documenti o lavorare su semplici tabelle, queste limitazioni non dovrebbero essere un problema. In caso contrario, sarà necessario acquistare una versione Office 2010 a pagamento o optare per la suite gratuita OpenOffice.org. Per ulteriori informazioni su Office 2010 e scaricare la versione Beta 2, potete leggere il nostro precedente articolo.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy