Home News Ipotesi sul processore di Kindle Fire

Ipotesi sul processore di Kindle Fire

AAmazon Kindle Fire Tablet è qui!mazon ha annunciato il suo tablet Kindle Fire la settimana scorsa ma, in attesa che giunga sul mercato, mancano ancora alcuni dettagli sull'hardware. I nostri colleghi di Fudzilla si sono dunque interrogati riguardo il processore Texas Instruments, vediamone le conclusioni.

Kindle Fire è il tablet low-cost che Amazon ha lanciato sul mercato la settimana scorsa nell'intento di contrastare l’avanzata di prodotti analoghi che stanno erodendo quote di mercato agli eBook Reader. Il tablet è abbastanza completo come dotazione hardware, prevedendo un display IPS da 7 pollici con risoluzione di 1024 x 600 pixel, processore dual core Texas Instruments OMAP 4, 1 GB di RAM e 8 GB di storage interno su SSD. E' sprovvisto però di altre caratteristiche, al fine di contenerne i costi. Non troveremo dunque la webcam integrata né il modulo 3G e il sistema operativo è una versione personalizzata di Google Android 2.3.

Amazon Kindle Fire

Amazon però non ha dichiarato il modello specifico del SoC Texas Instruments adottato, un particolare molto importante, su cui i colleghi di Fudzilla si sono interrogati, prendendo in considerazione le diverse possibilità. Trattandosi di un modello OMAP 4 i candidati possibili sono solo due: OMAP OMAP 4430 o il fratello maggiore OMAP 4460. Il primo sarebbe un dual core realizzato con processo produttivo a 45 nm, avrebbe 1 GHz di frequenza e capacità di riprodurre grafica 2D e video a 1080p e 3D a 720p e sostanzialmente sarebbe lo stesso SoC che equipaggia BlackBerry PlayBook.

Il secondo modello invece sarebbe più potente, avrebbe un clock rate di 1.5 GHz e potrebbe riprodurre anche la grafica 3D a 1080p. Ci sarebbe poi anche la possibilità che Amazon abbia adottato una versione di OMAP 4430 con frequenza overcloccata a 1.2 GHz. Fudzilla conclude che la soluzione più probabile sia che Amazon abbia scelto la versione più economica, Texas Instruments OMAP 4430 a 1 GHz, essendo interessata soprattutto alla tecnologia M-Shield per criptare e proteggere lo streaming online di contenuti a pagamento.

Del resto, argomentano i colleghi, non ci sarebbe bisogno della maggior potenza del 4460, visto che anche Samsung, che produce SoC più potenti di OMAP 4460 e dell'equivalente Nvidia Tegra 2, usa comunque quest'ultima piattaforma per i suoi tablet. Amazon inoltre come detto ha adottato una versione rielaborata del sistema operativo Google Android 2.3 e questo sarebbe un motivo in più per preferire il meno potente SoC 4430 sia al 4460 che al Tegra 2, più utile per Android Honeycomb 3.x, verso il quale offre una maggior compatibilità e certificazione. Si tratta quindi di considerazioni plausibili, che quasi certamente diverranno certezza dopo i primi test.

Commenti (2) 

RSS dei commenti
Mi stupisce il fatto che usi la versione 2.3 e non le 3.x ma sicuramente il motivo è la personalizzazione estrema che ha richiesto più tempo. Del resto sapendo la scelta di Amazon per il SO mi viene facile da credere che sia veramente intenzionata a trovare un sistema proprietario in modo da gestire tutto in casa e non solo personalizzando una versione, cosa che creerebbe un forte divario con i concorrenti dato che una personalizzazione cosi pesante richiede un po di tempo.
Forse la soluzione migliore sapendo come è andata a finire con il tablet hp era di acquistare il progetto hp rimarchiarlo e venderlo a costo inferiore cosi avrebbe avuto un sistema proprio e un bel tablet completo e già pronto; ma questo è parlare con il senno di poi.  
riky1979

riky1979

ottobre 05, 2011

ottima analisi, infatti negli ultimi giorni è venuto fuori il nome di Amazon come possibile acquirente di WebOS  
Dgenie

Dgenie

ottobre 05, 2011

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy