Home News iPad Mini: cosa ne pensano all'estero?

iPad Mini: cosa ne pensano all'estero?

iPad mini, prime impressioni all'estero Dopo pochi giorni dalla presentazione arrivano i primi video hands-on sul nuovo Apple iPad Mini e sembrano abbastanza positivi: la qualità realizzativa è molto elevata e la particolare diagonale scelta appare un ottimo compromesso tra portabilità e leggibilità. La piattaforma però è meno performante rispetto all'iPad attuale e la risoluzione del display lontana dalla qualità dei modelli Retina.

Dopo un'attesa lunghissima e mesi di rumor finalmente pochi giorni fa Apple ha ufficializzato il tanto atteso iPad Mini, un tablet particolare, con display IPS di 7.9 pollici e risoluzione di 1024 x 768 pixel, spesso appena 7.2 mm e pesante soltanto 308 g e dotato di SoC Apple A5 dual core, fotocamera posteriore da 5 Mpixel, webcam anteriore da 1.2 Mpixel e moduli WiFi, Bluetooth 4.0 e 3G con supporto per A-GPS e GLONASS e reti GSM/EDGE, 3G/HSPA+, DC-HSPA e 4G/LTE.

iPad Mini

Le versioni sono tre, con storage pari a 16GB, 32GB o 64 GB. In teoria quindi si tratterebbe dell'avversario diretto di tablet come Google Nexus 7, Amazon Kindle Fire HD e Barnes&Noble Nook Tablet HD e HD+ ma come sempre con Apple non è esattamente così, visto che la versione base, da 16 GB WiFi only, parte da un costo di 329 euro, ben superiore a quello da 199 euro previsto per questi altri device, rispetto ai quali l'iPad mini offre sicuramente di più per certi versi, soprattutto se pensiamo al sistema operativo, alla qualità realizzativa e a peso e spessori, ma anche qualcosa in meno, ad esempio per quanto riguarda il display.

In Rete comunque sono già apparsi i primi video hands-on da parte dei colleghi di The Verge, Anandtech, Laptopmag e Engadget e sembrano tutti concordi. La qualità costruttiva della scocca in lega di alluminio infatti appare subito indiscutibile e molto superiore a quella offerta dalle controparti. L'iPad Mini poi come visto è sottilissimo e molto leggero nonostante il display più ampio e, da questo punto di vista, sembra dunque non avere rivali. Anche la qualità dello schermo IPS è stata molto apprezzata, tuttavia la risoluzione è inferiore a quella offerta dagli avversari su display di diagonale minore, la cui densità di pixel sarà quindi decisamente superiore a quella offerta dal piccolo della Mela morsicata.

Qualche perplessità l'ha sollevata anche la scelta della piattaforma hardware, soprattutto per il SoC Apple A5, che ci riporta indietro di ben due generazioni, visto che bisogna risalire al vecchio iPad 2 per trovare lo stesso processore, mentre il Nuovo iPad era dotato della sua evoluzione Apple A5X e l'ultimo iPhone addirittura della versione Apple A6. L'interfaccia appare comunque fluida ma ovviamente bisognerà attendere dei benchmark specifici per avere un'idea delle prestazioni reali.

In particolare i colleghi di The Verge hanno provato il gioco Real Racing 2, che è sembrato richiedere un po' più di tempo per il primo avvio ma che poi ha girato senza problemi, segno che probabilmente la minor risoluzione del display richiede tutto sommato uno sforzo contenuto che consente anche a un chip più vecchio di ottenere buoni risultati. Infine tutti hanno gradito anche l'insolita scelta ergonomica dell'iPad Mini, in quanto il display da 7.9 pollici è più piccolo di quello da 9.7 pollici dell'iPad ma abbastanza più grande di quelli da 7 e da la sensazione dunque di essere maneggevole senza rappresentare una versione in miniatura dei display normali.

Ora non resta dunque che attendere le prime recensioni approfondite, intanto vi ricordiamo che l'iPad Mini costa 329 euro per la versione da 16 GB, 429 euro per quella da 32GB e 529 euro per quella da 64 GB, tutte WiFi only, mentre i modelli 3G costano rispettivamente 459 euro, 559 euro e 659 euro. I preordini per tutti i modelli partiranno da domani, 26 ottobre.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy