Home News Internet in Italia: una crescita a due velocità

Internet in Italia: una crescita a due velocità

Internet in Italia: una crescita a due velocitàNonostante il numero degli utenti in Rete aumenta vertiginosamente giorno per giorno, la diffusione della banda larga in Italia va a rilento, ostacolando lo sviluppo e l'informazione.

Anche se l'Italia è tra i Paesi più lenti nella diffusione della banda larga, gli italiani che utilizzano il computer per collegarsi ad Internet sono invece in crescente aumento. Il dato è emerso da uno studio "Cittadini e nuove tecnologie" condotto dall'ISTAT e relativo alla situazione registrata agli inizi del 2010. Mentre nel 2009, gli italiani che possiedono un computer erano il 54.3% della popolazione, questa percentuale nel 2010 è passata al 57.6%, così come è lievitato il numero di utenti collegati in Rete dal 47.3% al 52.4%.

Internet e utenti

La diffusione delle nuove tecnologie è piuttosto lenta, ma nelle famiglie con almeno un adolescente i dispositivi o strumenti tecnologici sono meno rari, mentre nei nuclei familiari con persone anziane l'interesse per il settore è quasi nullo. Anche se è difficile pensarlo, oggi, ci sono ancora famiglie, case e strutture senza un collegamento ad Internet. Le ragioni possono essere almeno tre: incapacità nel 40.8%, elevati costi di gestione nel 18.4% e possibilità di accedere alla Rete dal posto di lavoro nel 13.2%.

Il trend di crescita però cozza inevitabilmente con la diffusione della banda larga nel nostro Paese, purtroppo fanalino di coda dell'intera Europa con il 49% di penetrazione contro il 61% della media europea. Come già emerso in alcuni studi precedenti, gli italiani utilizzano internet soprattutto per svago ed informazione: il 36.7% chatta o discute nei forum, il 26.8% parla con i suoi amici attraverso servizi di instant messaging, il 38% si informa sui servizi di pubblica amministrazione, il 27.5% scarica certificati e moduli dal sito e il 13.4% invia documenti agli uffici.