Home News Intel: trimestre oltre le previsioni

Intel: trimestre oltre le previsioni

Intel: trimestre oltre le previsioniIntel Corporation ha reso noto il fatturato del terzo trimestre del 2009, pari a 9,4 miliardi di dollari. La società ha registrato un risultato operativo di 2,6 miliardi di dollari, utili netti di 1,9 miliardi di dollari e utili per azione pari a 33 centesimi.

"I solidi risultati di Intel nel terzo trimestre rivelano quanto il computing sia essenziale per la nostra vita, e confermano l'importanza dell'innovazione tecnologica come volano per la ripresa economica", ha dichiarato Paul Otellini, President e CEO di Intel. "La situazione dinamica nell'attuale clima economico, unitamente alla nostra leadership a livello di prodotti, ci dà fiducia in merito alle nostre prospettive future di business. Guardando in avanti, la rivoluzionaria tecnologia di processo Intel a 32nm provocherà un'altra ondata di innovazione: dalle nuove e potenti piattaforme server Intel Xeon, ai processori Intel Core ad elevate prestazioni, fino ai processori Intel Atom a basso consumo".

Paul Otellini

Dario Bucci, Country Manager Intel Italia e Svizzera, ha commentato “L’Italia continua a distinguersi per la spinta del mercato consumer, che cresce costantemente sopra le aspettative, trainato dalla incessante domanda di prodotti ‘mobile’: notebook, ultra thin e netbooks. Appare ormai evidente come, nel nostro Paese in particolare,  PC sia divenuto sinonimo di ‘personal computing’: nessuno intende condividere il proprio computer, tutti desiderano essere connessi - sempre. Anche in funzione di tale fenomeno, Intel Italia ha recentemente siglato una partnership con Toshiba, dalla quale è nato un ultraportatile a brand Ducati Corse, che abbina elevate prestazioni al piacere di possedere un oggetto unico e appagante anche sotto il profilo estetico: in puro stile italiano. Nell’ultimo trimestre, Intel Italia ha inoltre dato ulteriore concretezza allo sviluppo di iniziative in ambito education, al fianco del Governo Italiano: a fine settembre abbiamo siglato un importante Protocollo di Intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, finalizzato all’adozione della piattaforma di formazione Intel Teach Advanced Online per l’aggiornamento professionale dei docenti italiani.  Per riemergere dall’attuale congiuntura, il nostro Paese ha bisogno di tecnologia, ma anche di cittadini capaci di adoperarla con padronanza e intelligenza”.

Principali informazioni finanziarie
  • Forniture record di microprocessori e chipset.
  • Il fatturato del Mobility Group è cresciuto del 19%, il fatturato del Digital Enterprise Group è cresciuto del 14% e il fatturato di microprocessori Intel Atom e chipset è cresciuto del 15% fino a 415 milioni di dollari, il tutto rispetto al trimestre precedente.
  • Il margine lordo percentuale è stato del 57,6%, superiore rispetto alle aspettative della società.
  • Il prezzo medio di vendita dei microprocessori è stato leggermente inferiore rispetto al trimestre precedente.
  • Gli inventari sono stati ridotti di 315 milioni rispetto al trimestre precedente.
  • Le spese (R&D più MG&A) sono state di 2,75 miliardi di dollari, in linea con le aspettative della società.
  • Gli oneri di ristrutturazione e le perdite di valore delle risorse sono stati di 63 milioni di dollari, superiori rispetto alla stima della società.
  • Le perdite nette derivanti da investimenti e interessi e proventi diversi sono state di 47 milioni di dollari, risultato migliore rispetto alle aspettative della società.
  • Gli oneri fiscali effettivi sono stati del 27 per cento, rispetto alla previsione del 23 per cento.

Le previsioni finanziare Intel non tengono conto del potenziale impatto di eventuali fusioni, acquisizioni, disinvestimenti o altre combinazioni commerciali che potrebbero essere completati dopo il 12 ottobre.

Quarto trimestre 2009
  • Fatturato: 10,1 miliardi di dollari più o meno 400 milioni di dollari.
  • Margine lordo percentuale: 62%, più o meno 3 punti percentuali.
  • Spese (R&D più MG&A): circa 2,9 miliardi di dollari.
  • Oneri di ristrutturazione e perdite di valore delle risorse: circa 40 milioni di dollari.
  • Ammortamento per le variabili non quantificabili e costi legati alle acquisizioni: circa 20 milioni di dollari.
  • Impatto di investimenti e interessi e proventi diversi: circa zero.
  • Oneri fiscali: circa 26 per cento.
  • Ammortamenti: circa 1,2 miliardi di dollari.
  • Investimenti di capitale per l'intero anno: previsti pari a 4,5 miliardi di dollari più o meno 100 milioni di dollari, inferiori rispetto alla stima precedente di 4,7 miliardi di dollari più o meno 200 milioni di dollari.

Le affermazioni contenute nel presente documento, che si riferiscono a progetti e aspettative per il quarto trimestre, l’intero anno e il futuro, sono previsioni della società e, in quanto tali, sono soggette a cambiamenti dovuti a diversi fattori di rischio e incertezze. Molteplici aspetti potrebbero avere impatto sui risultati effettivi di Intel, ed eventuali scostamenti rispetto alle aspettative attuali di Intel in merito a tali variabili potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano in modo considerevole da quanto espresso in queste previsioni. In base alle attuali conoscenze, Intel ritiene che i fattori di rischio determinanti che potrebbero comportare una differenza tra i risultati effettivi e le previsioni della società siano molteplici.

Tra le variabili che potrebbero influenzare la domanda rispetto alle previsioni Intel ricordiamo cambiamenti nelle condizioni di mercato ed economiche, un settore fortemente competitivo, le spese di marketing e compensazione, guadagni e perdite derivanti da investimenti azionari, interessi o altro.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy