Home News Intel Clover Trail supporterà Linux e Android

Intel Clover Trail supporterà Linux e Android

Intel Clover Trail non supporterà LinuxNiente Linux sui tablet con Intel Atom Clover Trail. Questo sostanzialmente quanto emerso dall'ultimo IDF. Installare l'OS del pinguino su questi device non sarà comunque impossibile ma molto probabilmente il sistema operativo open source non riuscirà a sfruttarne al meglio tutte le feature e anzi alcune funzioni potrebbero risultare compromesse, almeno parzialmente. *Aggiornata

*Aggiornamento: Grazie ai colleghi di ZDNet, apprendiamo che Intel smentisce la notizia sul mancato supporto di Linux per la piattaforma Clover Trail, anzi sembra sia in sviluppo una versione specifica per questo OS.

"Intel has plans for another version of this platform directed at Linux/Android; however we are not commenting on the platform specifics or market segments that at this time. Stay tuned."

I nuovi Intel Atom Clover Trail sono stati sviluppati essenzialmente per far girare al meglio l'ormai prossimo sistema operativo Windows 8. Intel ha lavorato a stretto contatto col colosso di Redmond per ottenere tale risultato e offrire un'esperienza d'uso e un prodotto in grado di soddisfare le attese del mercato e degli utenti ed essere competitivi nei confronti delle soluzioni ARM-based con Windows RT. All'ultimo IDF il chipmaker californiano ha posto molto l'accento su questa esclusività di supporto, la conseguenza diretta è che Clover Trail non supporterà affatto Linux, come già riportato da The Inquirer la settimana scorsa e confermato esplicitamente ancora prima dal vice presidente esecutivo dell'Intel Architecture Group, David Perlmutter, che proprio durante il keynote tenuto all'IDF aveva parlato di supporto esclusivo per Windows 8.

Intel Clover Trail e Linux

Si tratta di una precisa scelta strategica, in quanto Intel altrove supporta OS open source e Linux based come Tizen (e prima ancora MeeGo) o Google Android. Nel segmento dei tablet tuttavia ha deciso di spingere in maniera più decisa su Windows 8, come del resto già fatto da altri produttori e chipmaker, ad esempio AMD, delle cui APU Hondo abbiamo appena parlato. Questo non significa comunque che Linux non potrà essere installato in alcun modo su tablet e notebook dotati di piattaforma Intel Clover Trail ma che il colosso californiano non fornirà ufficialmente alcun supporto, per cui è molto probabile che Linux non riesca ad avvantaggiarsi significativamente di questi processori o che addirittura possa avere alcuni problemi di compatibilità, tanto che non tutto potrebbe funzionare perfettamente.

Il problema sembra essere legato comunque soprattutto alla presenza del sottosistema grafico integrato di tipo PowerVR mutuato da Imagination Technologies, per il quale quindi Intel non avrebbe i diritti per distribuire il codice sorgente o i driver, cosa che del resto in passato non ha mai fatto nemmeno il produttore. In questo senso dunque l'OS del pinguino potrebbe avere seri problemi a interfacciarsi con la GPU e a farla funzionare correttamente.

Intel in questo modo si preclude comunque la fascia bassa del mercato, la stessa invece su cui, specularmente, ha puntato AMD con la propria APU Hondo, che negherà invece il supporto a Google Android. Due scelte strategiche completamente opposte, come spesso accade quando si parla dei due grandi chipmaker statunitensi. Bisognerà attendere per vedere quale si rivelerà vincente in termini di conquiste di quote di mercato anche se è certo  che al momento Intel sembra in vantaggio sulla concorrente, avendo già nel proprio portfolio diversi device di primo piano basati sulla propria piattaforma, tra cui ad esempio l'ibrido tablet/notebook HP Envy X2.

Commenti (2) 

RSS dei commenti
Non capisco questa strategia, credo sia legata ad accordi commerciali! In un momento in cui molti produttori dismettono i netbook o ne riducono la produzione quindi facendo crollare l'interesse per Atom Intel esce con questa mossa, certo qui si parla di tablet ma sfida ARM in un terreno che non è campo dominante di Intel. La stessa Apple per tablet e smartphone usa ARM e pure ha accordi molto stretti con intel.
Forse temono il diffondersi di piattaforme server basate su atom (codice x86) e gestite da release ottimizzate di linux, quindi preferenza a piattaforme xeon e se proprio si vuole atom si deve prendere windows.
 
riky1979

riky1979

settembre 19, 2012

c'è già un update su questa news. lo pubblicheremo quanto prima nel frattempo vi invito ad avere un po' di pazienza perché la news è già superata
sorry  
Staff

Staff

settembre 19, 2012

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy