Recensione Lenovo ThinkPad X300

Lenovo ThinkPad X300 reviewIn prova Lenovo ThinkPad X300, un notebook ultrasottile destinato agli utenti più esigenti, che non intendono scendere a compromessi in fatto di mobilità, qualità e stile.

Il ThinkPad X300, anche conosciuto con il nome in codice "Kodachi", è il notebook ultrasottile di Lenovo destinato a chi lavora in movimento, ai manager, ai professionisti o semplicemente a chi ha la capacità di apprezzare le sue straordinarie particolarità tecniche.
 
Il display da 13 pollici, lo spessore di soli 20mm e il peso di 1,5 kg sono indici di una superiore portabilità ma sono anche il frutto di un continuo perfezionamento e di una attenta attività di ricerca sfociata in una miriade di piccole e grandi innovazioni. Infatti, sul Lenovo ThinkPad X300 tutto è stato appositamente pensato per offrire il massimo livello di efficienza e di produttività in ambito mobile, partendo dall’autonomia e dalla robustezza strutturale per arrivare fino alla connettività e all'ergonomia.

Lenovo ThinkPad X300 aperto

Per le caratteristiche appena citate e per il design compatto, il Lenovo X300 rappresenta un’alternativa e un agguerrito concorrente del MacBook Air, anche se è necessario ricordare che i due notebook appartengono a segmenti di mercato differenti.

La distribuzione in Europa è avvenuta a partire da Marzo 2008 al prezzo indicativo di 2.500 euro per le configurazioni dotate di disco allo stato solido. Ne deduciamo che il ThinkPad X300 di Lenovo è un portatile di nicchia, destinato ad una elite di utenti che hanno l’esigenza di avere un notebook completo senza limiti di portabilità, di autonomia o di praticità, e che desiderano al contempo differenziarsi dalla massa.

Thinkpad X300 di Lenovo

Per queste caratteristiche, il Lenovo ThinkPad X300 è entrato a pieno titolo nella nostra comparativa di ultraportatili di lusso, al fianco del MacBook Air di Apple e di altri laptop da sogno come Toshiba Portégé R500, Asus Lamborghini VX3 e Dell Latitude XT.

Specifiche tecniche

Image
Lenovo Thinkpad X300 profilo

Design e qualità costruttiva

Come consuetudine per i notebook professionali della serie ThinkPad, il design è piuttosto squadrato, serioso e privo di fronzoli ma, a differenza del passato, riesce anche ad essere slanciato ed elegante. Nel complesso il look, che si ispira ai canoni del più rigoroso design industriale, riesce a comunicare lo spirito di questo ThinkPad sospeso fra tradizione ed innovazione.

Image
Image

Sono tanti i particolari che richiamano la storia del brand ThinkPad, come il TrackPoint di colore rosso collocato al centro della tastiera con cappuccio intercambiabile, ma ci sono anche tante piccole novità dosate in modo tale da migliorare, senza stravolgere, dei notebook che un nutrito gruppo di appassionati considera già perfetti.

Image
Image

La qualità dei materiali e dell’assemblaggio è al vertice: grazie all’adozione di una nuova Roll Cage fabbricata in materiale composito di fibra di vetro e fibra di carbonio, alla base in lega di magnesio e al rivestimento in policarbonato gommato, la resistenza nel tempo e agli urti ed il comfort d'utilizzo risultano particolarmente elevati.

Image
Image

Per esempio, la nuova gabbia migliora talmente la resistenza del coperchio da consentirgli di sopportare tranquillamente un peso di 50 kg senza che ci siano danni allo schermo o al resto del computer. Impeccabile l'organizzazione dello spazio interno e la cura costruttiva: particolari cerniere di metallo permettono la totale assenza di scricchiolii di qualsiasi tipo, anche aprendo il display fino a 180 gradi.

Image
Image

Il ThinkPad X300 di Lenovo trasmette affidabilità e sicurezza: è un notebook adatto ai viaggi ed ai lunghi spostamenti che non teme vibrazioni o sollecitazioni di altro tipo.

Image
Image

Interfacce

Per contenere peso e dimensioni sono state sacrificate alcune interfacce di importanza minore, che potranno essere eventualmente rimpiazzate con un pratico replicatore di porte. Non è presente un attacco per docking station, forse considerata superflua dal momento che il Lenovo X300 dispone di drive ottico integrato. A parte questo piccolo appunto, questo notebook offre tutte le interfacce più comunemente usate in ufficio o in ambito domestico.

Image
Image
Image
Image
Image
Image

Processore, piattaforma e memoria

Il ThinkPad X300 riporta il logo Centrino vPro, che contraddistingue i notebook Intel-based destinati ad utilizzi prevalentemente professionali perché dotati di supporto per quel set di tecnologie che riassumiamo con l'acronimo AMT (Intel Active Management).

Infatti la piattaforma utilizzata è una variante di “Santa Rosa Refresh”, con l'aggiunta di caratteristiche avanzate destinate ad ambiti prettamente aziendali. La maggior parte di queste caratteristiche necessita obbligatoriamente di schede di rete Intel compatibili, per questo insieme al modulo wireless WiFi Link 4965AGN è presente la scheda di rete Ethernet Intel 82566MM Gigabit.

Image

La configurazione punta più sul risparmio energetico che sulle prestazioni: il processore utilizzato è basato su architettura Merom con processo produttivo a 65 nm, modello Intel Core 2 Duo SL7100 con 1.20 GHz di frequenza massima di clock, 4MB di cache L2, bus quad-pumped a 800 MHz, TDP di soli 12W e voltaggio di 1.137 V.

Non è l'ultima generazione della microarchitettura Core di Intel, ma in compenso si tratta dei primi chip con formato ridotto di 25x25mm contro i 32x32mm delle CPU standard per PC portatili. Questi processori prendono il nome di "Small Form Factor" o "SFF" e sono contraddistinti dal suffisso "S" che precede il processor number. Sono una delle novità proposte dal chipmaker di Santa Clara per consentire di progettare schede logiche per notebook dalle dimensioni ultracompatte (anche il MacBook Air adotta processori di questo tipo).

Lo chassis e la scheda madre sono prodotti direttamente da Lenovo, senza passare per altre aziende ODM. Quest’ultima viene identificata semplicemente con il codice prodotto dei ThinkPad X300, ovvero 647815G, ed utilizza un BIOS Phoenix versione 7TET25WW.

Il quantitativo di memoria RAM disponibile è di 2 GB e viene raggiunto attraverso l’adozione di due moduli SO-DIMM DDR2 da 1 GB ciascuno con funzionamento in Dual Channel simmetrico. La velocità delle memorie è di 667 MHz (PC2-5300), mentre il rapporto FSB:DRAM è di 3:5.


Audio e video

La qualità sonora offerta dal sistema di altoparlanti integrati è abbastanza buona: i due speaker, nonostante le dimensioni contenute, hanno una potenza più che sufficiente per le comuni esigenze.

Image

La scheda audio SoundMax AD1984A è compatibile con l’architettura Intel High Definition Audio e quando viene utilizzata insieme a delle cuffie o ad un impianto esterno non mostra limitazioni di alcun tipo rispetto alle altre schede che possono essere ritrovate sui notebook di dimensioni maggiori.

Il comparto video non è sicuramente orientato ai giochi o alla grafica 3D, ma del resto non sono sicuramente questi gli scopi a cui è destinato un notebook del genere. Come motore grafico è stato utilizzato il sottosistema integrato nel chipset della piattaforma Santa Rosa, Intel GMA X3100, senza ricorrere a soluzioni dedicate che potrebbero far aumentare inutilmente peso, temperature e consumo energetico. Infatti per le applicazioni da ufficio o di produttività personale non è necessaria una scheda video dotata di memoria video dedicata e la X3100 si rivela una soluzione più che adeguata.

Image

Il display LCD WXGA+ 16:10 è di produzione Toshiba Matsushita ed ha una diagonale di soli 13,3”. La risoluzione offerta è di 1440x900 pixel, maggiore anche di quella disponibile su alcuni notebook da 15 pollici. La superficie dello schermo è opaca per ridurre i riflessi durante l’utilizzo in ambienti esterni, tuttavia l’angolo di visione non è dei migliori e capita di dover modificare l'inclinazione del pannello per avere un'immagine più nitida.

Il rapporto di contrasto è nella norma, mentre il livello di luminosità raggiunto dallo schermo è molto buono: si hanno mediamente 220 cd/m² anche se durante l’utilizzo a batteria viene limitato automaticamente per contenere ulteriormente i consumi. Il raggiungimento di questo risultato è stato possibile grazie alla retroilluminazione a LED.


Dispositivi di input e di puntamento

Sul Lenovo ThinkPad X300 troviamo, oltre touchpad e  tastiera, anche il trackpoint (con la funzione Negative Inertia). Quest’ultimo è un dispositivo di puntamento ideato da IBM (Lenovo ha acquisito da alcuni anni la IBM Personal Computing Division) che consiste in un minuscolo joystick isometrico con sensori di pressione, posizionato al centro della tastiera. In questo modo è possibile controllare il puntatore senza spostare le mani dalla zona di digitazione, anche se prima di poter utilizzare al meglio la caratteristica è necessario fare un po’ di pratica. E' una feature utile soprattutto in movimento, perché consente una buona precisione anche in caso di scossoni e forti vibrazioni.

Image
Image

La tastiera, come il resto dello chassis, trasmette una piacevole sensazione di solidità ed è resistente ai versamenti accidentali di liquidi. Il layout dei tasti è quello caratteristico dei portatili IBM, che si fa apprezzare per l'intuitività e per l'ottimo comfort di battitura.

Image
Image

Altissima l'attenzone per i dettagli, come il LED bianco ospitato nella cornice del display, che serve per illuminare dall'alto la tastiera quando si lavora al buio (ThinkLight).

Il touchpad, anche se di dimensioni un po’ ridotte, è scorrevole e preciso ed è dotato sia di un'area per lo scrolling in verticale e in orizzontale. Il lettore di impronte prodotto da STMicroelectronics insieme al modulo integrato TPM 1.2 e al software di gestione ThinkVantage permettono di ottenere un livello di sicurezza elevato.

Image

Hard disk e lettore ottico

Per migliorare ulteriormente il risparmio energetico e per incrementare le prestazioni, il comparto storage si compone di un disco allo stato solido SSD. Si tratta di un Samsung MCCOE64G8MPP-0VA su interfaccia SATA-II e caratterizzato da tempi di accesso bassissimi e velocità in scrittura e lettura al vertice della sua categoria, grazie all'impiego di chip di memoria SLC.

Image

Il costo e la densità di memorizzazione di questi chip, tuttavia, non hanno permesso di superare la soglia dei 64 GB di spazio di archiviazione, comunque sufficienti per un utilizzo business.

Nonostante le dimensioni ridotte, i progettisti Lenovo sono riusciti anche ad implementare un lettore ottico Matshita UJ-844 che permette di leggere e di masterizzare CD e DVD. Il drive ottico vanta un forma factor ultraslim, ma in realtà è il frontalino ad essere stato appositamente ridotto in altezza.

Image
Image
Image

 

Reti

Il ThinkPad X300 offre una gamma completa di opzioni di networking: troviamo Gigabit Ethernet, una scheda di rete wi-fi compatibile con le specifiche draft-N, il Bluetooth 2.0 e la scheda WWAN con supporto per HDSPA 3.6.

La scheda di rete wireless è una Intel WiFi Link 4965AGN: supporta le specifiche IEEE 802.11a, b, g e draft-n ed è dotata di tecnologia MIMO su tre antenne per amplificare la portata del segnale.

L'ultraportatile Lenovo ThinkPad è provvisto anche di una scheda WWAN Sierra Wireless MC8775 per connettersi ad Internet o ricevere messaggi SMS anche quando è disponibile unicamente una rete cellulare HSDPA, UMTS o GPRS. Per usufruire dei servizi basta inserire la scheda SIM nell’apposito slot situato sotto il vano della batteria.

Su alcune configurazioni di pre-produzione è stata notata la presenza anche di un modulo GPS, tuttavia sull'esemplare da noi provato questa caratteristica non è stata implementata.


Batteria e consumi energetici

Tutte le caratteristiche del Lenovo ThinkPad X300 convergono nella direzione di una elevata efficienza energetica. L'obiettivo principale è quello di aumentare l'autonomia operativa e la mobilità del laptop, ma non è assente anche un interesse per i risvolti ecologici che le nuove soluzioni tecnologiche possono avere.

Image
Image

Il processore Intel Core 2 Duo SL7100 non è potente come le CPU per notebook standard ma permette di raggiungere 5 ore di autonomia in idle con la batteria in dotazione. E' abbastanza per lavorare in movimento senza doversi preoccupare dell’alimentazione. Tuttavia, chi ha bisogno di un'autonomia pari ad una intera giornata lavorativa, può servirsi dello slot modulare che ospita il masterizzatore DVD per aggiungere una seconda batteria ausiliaria.

Per una misurazione della durata della batteria con MobileMark 2007, rinviamo a quanto scritto precedentemente.

Comfort acustico e termico

Le temperature sono nella media anche se ci saremmo aspettati un risultato migliore per il processore: dopo 18 minuti di test di stabilità con Everest si raggiunge una temperatura massima di 71 gradi. Non poco per una CPU Low Voltage! Molto probabilmente su questo dato influisce il design ultrasottile dello chassis che non favorisce lo spazio e la ventilazione fra i componenti interni.

In compenso il sistema ha un’elevata silenziosità, con tempi di attivazione del sistema di dissipazione ridotti al minimo indispensabile. Si viene disturbati dalla ventola ogni circa venti secondi, però il livello di rumore generato è sempre decisamente basso.

Effettuando una misurazione sulla superficie dello chassis si nota una temperatura di circa 34 gradi, segno che i materiali di qualità utilizzati isolano efficacemente dal calore emanato dai componenti interni.

Per grafici e misurazioni delle temperature, aprite questo link.


Test

Per i test rinviamo alla comparativa Luxury notebook: 5 portatili ultrasottili a confronto.

Accessibilità e capacità di espansione

Uno chassis ultrasottile e una progettazione interna complessa non aiutano l'accessibilità dei componenti, limitando le possibilità di upgrade. Per fortuna Lenovo mette a disposizione i manuali di riparazione per il download pubblico (Service Manual del Lenovo ThinkPad X300).

Image
Image

Sul fondo del notebook è presente un unico sportellino che consente di accedere ad un vano contenente i due slot per le memorie RAM e ai due slot per schede Mini PCI-e, disposti entrambi in modo speculare.

Image
Image

Il chipset purtroppo è quello della vecchia piattaforma Intel Centrino (quarta generazione), quindi è in grado di supportare massimo 4GB di RAM DDR2, 2GB per ogni slot.

Image
Image

Il vano delle schede di espansione è letteralmente “tagliato su misura” per i due slot di espansione per schede PCI-Express minicard: il primo ospita il modulo Intel WiFi Link 4965AGN in formato full-size, mentre il secondo slot è libero, ma può alloggiare solo moduli in formato half-size.

Image
Image
Image

Stessa cosa per il drive SSD: è posizionato all’interno di un vano apposito sul fianco del notebook, quindi è impensabile effettuare la sostituzione con un hard disk tradizionale o con un SSD di dimensioni o spessore maggiori.

Image
Image

Dopo aver rimosso la tastiera riusciamo ad accedere al terzo slot per schede Mini PCI-e che ospita la scheda WWAN prodotta da Sierra Wireless. In una gabbia di lega di magnesio riusciamo ad intravvedere anche la prima porzione della motherboard e la ventola del sistema di raffreddamento.

Image
Image
Image

Lo step successivo è la rimozione del palm rest, che incorpora anche il touchpad  ed il lettore di impronte digitali. Possiamo così ammirare meglio la struttura ad alveare del telaio e osservare il minuscolo modulo Bluetooth.

Image
Image

Per raggiungere il processore è necessario effettuare il completo disassemblaggio del portatile!

Image
Image

Conclusioni

Lenovo ThinPad X300 è un notebook affascinante, in grado di appagare gli utenti più esigenti con soluzioni innovative e con un design intramontabile. Lenovo è ruscita a raccogliere l'eredità di IBM realizzando un ultraportatile in cui ogni dettaglio rispecchia la qualità ThinkPad.

I contenuti tecnologici sono di altissimo livello: non manca nessuna delle più recenti tecnologie, come la retroilluminazione a LED, il drive SSD allo stato solido e la scheda di rete HSDPA per continuare a lavorare anche durante gli spostamenti.

La piattaforma Intel Centrino di generazione precedente e la CPU con processo produttivo a 65nm non convincono pienamente, soprattutto per le emissioni di calore e per la limitata possibilità di espansione della memoria RAM, ma Lenovo ha già iniziato la distribuzione del ThinkPad X301, refresh del modello X300, migliorato proprio sotto questi profili, con l'adozione degli efficientissimi processori Intel ULV SU9300 e SU9400, piattaforma Centrino 2 e memorie DDR3 a 1066MHz!

PRO:

CONTRO:

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Luglio 2011 12:25