Recensione Acer Aspire One

Acer Aspire OneReview del notebook bonsai Acer Aspire One, concorrente dell'Asus Eee PC, basato su piattaforma Intel Centrino Atom e dotato di un design accattivante in più colorazioni. Nella nostra prova, test e dettagli tecnici.

Acquisto

La categoria dei laptop low-cost, o netbook, ha ricevuto la sua definitiva consacrazione al Computex 2008, importantissima fiera internazionale dell'elettronica che si tiene a Taipei, Taiwan. I visitatori e gli operatori del settore sono stati accolti da una infinita teoria di subnotebook a basso costo, diversi per caratteristiche tecniche ed adatti ad ogni esigenza.

Acer Aspire One aperto

La curiosità del pubblico verso questo tipo di dispositivi è altissima: piacciono soprattutto ai giovani e alle donne per la loro praticità, per il design simpatico ed accattivante e per il prezzo contenuto. L'industria ha intuito il trend del mercato e si è affrettata ad assecondarlo, introducendo modelli dalle caratteristiche e dalle fogge più disparate. Notevole impulso allo sviluppo di queste soluzioni è stato impresso dal lancio della piattaforma VIA OpenBook e dei processori VIA Nano, una settimana prima del Computex, e della piattaforma Intel Centrino Atom, con processori Diamondville e Silverthorne, proprio all'inaugurazione della fiera taiwanese.

Secondo le stime, la categoria dei sistemi a basso costo (LCPC) dovrebbe toccare quota 100 milioni di unità vendute nel 2011, di cui la maggior parte sarà costituita da netbook (c'è anche una variante desktop, denominata nettop). Va detto, infatti, che questi dispositivi riescono a tagliare il mercato in modo trasversale, potendo rappresentare uno strumento educativo per l'informatizzazione dei bambini nei Paesi in Via di Sviluppo, quanto un dispositivo compatto ed economico, da usare come secondo computer per chattare e navigare su Internet per gli adolescenti dei Paesi occidentali.

Tra gli espositori del Computex 2008, non poteva mancare Acer. L’azienda taiwanese ha celebrato oltre trent’anni di esperienza e innovazione tecnologica con il lancio del suo primo laptop low-cost, Aspire One, completamente diverso dai suoi soliti notebook di fascia consumer, a partire dal design.

Disponibile in più colorazioni, bianco o blu, ma anche in più eccentriche tinte rosa e marrone, Acer Aspire One ha un suo stile originale ed inconfondibile che l'ha reso immediatamente popolare, nonostante sia uno dei netbook di più recente introduzione.

Per il nostro Paese è prevista la commercializzazione a partire dalla metà di Luglio, nelle due colorazioni meno inconsuete (bianco e blu) e in tre modelli differenti. La prima versione prevede drive SSD da 8GB, 512MB di memoria e sistema operativo Linpus Linux Lite ad un costo al pubblico di 299 euro, IVA Inclusa. Il secondo modello integrerà, invece, un hard disk tradizionale da 80GB da 2.5 pollici e 1GB di memoria RAM ad un prezzo di 349 euro, IVA inclusa. La terza versione, infine, sarà basata su sistema operativo Microsoft Windows XP, con uno storage da 80GB e 1GB di memoria. Il suo prezzo sarà di 399 euro, IVA inclusa.

L'esemplare di Acer Aspire One in nostro possesso, come potete osservare dalle immagini, ha uno chassis blu metallizzato ed una dotazione tecnica elementare, con processore Intel Atom N270 a 1.6GHz, 512MB di memoria e SSD da 8GB per l’archiviazione dei dati. Il sistema operativo preinstallato è la distribuzione Linpus Linux Lite. Il suo costo al pubblico è di 299 euro, in linea con altri netbook di pari caratteristiche.

Impressioni generali

La tecnologia è semplicità! Questo potrebbe essere lo slogan perfetto per l’Aspire One, un laptop bonsai che racchiude, nelle dimensioni di 24 x 17 x 3 cm e in un peso inferiore ad un chilogrammo, il meglio della tecnologia ultra-mobile oggi disponibile. La miniaturizzazione dei componenti ha permesso di ridurre l'ingombro dell’Aspire One, favorendo il suo design sottile, leggero e compatto, realmente “tascabile”.

Il nostro Acer Aspire One è di un bel colore blu metalizzato: una tinta senza dubbio originale, che spezza la monotonia dei soliti chassis neri o bianchi. Da questo punto di vista, i netbook hanno portato davvero una ventata di novità in un settore, quello del mobile computing, in cui l'estetica tendeva ad essere molto omogenea ed indifferenziata.

Logo Acer sulla cover dell'Aspire One

Cover blu sull'Acer Aspire One di prima generazione

Acer Aspire One, profilo sinistro

Una piccola nota dolente è data dalla lucidatura e dalle finiture, tanto gradevoli quanto poco adatte ad un utilizzo intenso. Il trattamento esterno lucido, che si contrappone agli interni satinati, ha infatti lo svantaggio di trattenere la polvere e le impronte digitali di chi lo utilizza, un effetto forse accentuato dalla colorazione scura dello chassis.

I volumi sono analoghi a quelli di altri, ben noti, netbook, quali Asus Eee PC 900 e MSI Wind, nonostante le tante differenze, evidenti fin da un primo e sommario esame.

Nonostante siano assenti molti dei tratti distintivi del design Gemstone, che caratterizza tutti gli ultimi notebook della serie consumer Aspire, tuttavia l'estetica dell'Acer One è particolarmente gradevole. Il laptop si apre sfruttando due cerniere, collocate ai due angoli estremi della base, che lasciano “sospeso” il pannello creando uno spazio aperto tra la base del notebook e il display. Questa soluzione dona leggerezza e slancio al portatile, rimarcando la sua vocazione mobile. Le cerniere sono ben salde, nonostante le ridotte dimensioni, e prive di giochi che, alla lunga, possano compromettere l'apertura del display lid. Per donare maggiore sportività al suo mini-notebook, Acer ha aggiunto, all'esterno delle cerniere, due cerchietti cromati bordati di rosso.

Pulsante d'accensione

Particolare della cerniera del display

Bottone rosso nello spessore della cerniera

Una finitura lucida caratterizza anche la cornice dello schermo, più spessa di quella presente su altri notebook appartenenti alla stessa categoria. C'è spazio a sufficienza per ospitare un display di diagonale più ampia, e non è escluso che sia proprio questa l'intenzione del produttore taiwanese. Per il momento, è presente un pannello LCD da 8,9 pollici, con risoluzione nativa di 1024x600 pixel. Il display aderisce alla base per mezzo di una chiusura magnetica e può ruotare fino ad un angolo massimo di circa 150°.

A giovarsi della maggiore larghezza del telaio è soprattutto la tastiera, di dimensioni meno sacrificate di quelle installate su altri netbook. La distanza fra i tasti è pari al 95% di una tastiera tradizionale: in questo modo sarà impossibile accorgersi della differenza e la digitazione sarà quella di sempre, comoda e naturale. Sul nostro sample, la tastiera è di colore nero, mentre nelle varianti bianca e rosa, Acer ha adottato una tastiera di colore chiaro, che meglio si abbina con l'estetica di questi modelli.

La parte superiore della base ha una curiosa forma cilindrica, visibile anche a coperchio chiuso: nella parte sinistra ospita quattro LED di stato (stato della batteria, attività dell’unità SSD, Num Lock, Caps Lock), mentre a destra trova posto il logo Aspire One argentato. Nell'angolo superiore destro è presente il tasto di accensione, con LED verde, che affonda in un incavo di forma ovale, molto confortevole al tatto. Infine, in basso a destra, possiamo osservare uno switch meccanico in alluminio satinato per l'attivazione/disattivazione della rete wireless con il relativo LED di indicazione.

Particolare della cornice dello schermo

LED di stato visibili a display lid chiuso

LED d'indicazione sul netbook Acer Aspire One


Specifiche tecniche

Interfacce

Considerate le ridotte dimensioni, Acer Aspire One sorprende per la buona dotazione di interfacce di rete, di porte e di slot di espansione.

Porte sul lato sinistro

Lato anteriore del netbook Acer Aspire One

Porte sul lato destro


Processore e chipset

Appurato che gli strumenti di systeminfo non riescono ancora a riconoscere in modo del tutto corretto il chipset utilizzato da questa prima generazione di netbook Atom-based, è ormai certo che si tratta di un Intel Mobile 945GSE Express.

Di questo chipset conosciamo ogni dettaglio. Deriva, per semplificazione, da un precedente chipset per notebook denominato Cantiga e di questo ha conservato molte delle caratteristiche originarie: supporta frequenze di FSB di 533MHz / 667MHz e integra un chip video Intel GMA 950. Rispetto al suo predecessore per notebook, diminuisce il packaging, che passa da 37,5x37,5mm a 27x27mm, ed il TDP, che passa da 7W a 6W.

Il northbridge (controller di memoria) 82945GSE supporta fino a 2GB di RAM DDR2-533 o DDR2-400. Il southbridge è il ben noto ICH7M che integra un sottosistema Intel HD Audio, una scheda di rete LAN 10/100 e mette a disposizione 4 interfacce PCI Express 1.0a, 8 USB 2.0, 1 canale IDE e 2 SATA.

Il TDP complessivo della piattaforma Intel Centrino Atom è di appena 11,8W: 6W per il northbridge, 3,3W per il southbridge e 2,5W per il processore Intel Atom N270. Quest'ultimo è composto da un singolo core DiamondVille ed è fabbricato con processo produttivo a 45nm.

Come sappiamo, Intel ha preferito adottare la tecnica dell'esecuzione in ordine per questa CPU, in luogo della consueta esecuzione fuori ordine: senza addentrarci troppo nelle spiegazioni tecniche, ricordiamo che questa scelta di fondo privilegia i consumi a sfavore delle prestazioni. Nella stessa direzione convergono le varie tecnologie di risparmio energetico implementate:

Non mancano anche alcune features utili a migliorare le prestazioni, come la tecnologia HyperThreading, che consente di eseguire due thread in simultanea nonostante la CPU single-core, e una versione aggiornata degli algoritmi di predizione che servono a popolare i 512KB della cache L2.

Memoria

Il modello oggetto di questa recensione è equipaggiato con 512MB di memoria So-DIMM DDR2 a 533 MHz on board, cioè saldati direttamente sulla scheda madre. Resta, quindi, a disposizione per una futura espansione uno slot di memoria che potrà garantire un ulteriore piccolo miglioramento delle prestazioni o potrà assicurare un funzionamento fluido anche con sistema operativo Windows.

Consigliamo, ad ogni modo, l’upgrade della memoria solo agli utenti più esperti e a garanzia scaduta, in quanto l’inserimento di un ulteriore banco di RAM è assai difficoltoso e obbliga  a smontare gran parte del netbook. La limitata accessibilità interna, comunque, è un inconveniente comune a molti prodotti appartenenti alla categoria dei netbook.


Dispositivi di input

Come detto precedentemente, la tastiera montata sul netbook Acer One ha dimensioni pari al 95% di una tastiera tradizionale. Avendo a disposizione una tastiera più comoda ed ergonomica, l'utente sarà agevolato nella battitura e potrà svolgere anche lavori di elaborazione testi senza dover patire una postura innaturale.

Acer non ha lasciato al caso alcun dettaglio: la tastiera, uno dei punto deboli di molti netbook in commercio, si rivela inaspettatamente solida, ben assemblata anche nelle finiture e robusta. Non flette alla pressione delle nostre mani, rendendo più sicura la digitazione anche se si scrive con Acer One poggiato sulle ginocchia. I tasti hanno una corsa standard ed un feedback morbido alla pressione anche se sono un po' rumorosi.

I tasti Shift e la barra spaziatrice, che di solito hanno dimensioni ridotte, nella tastiera dell’Aspire One sono proporzionati agli altri tasti, mentre i tasti INVIO e Backspace sono leggermente più piccoli. Sono ovviamente presenti anche i tasti direzionali, PageUP/PageDown, Home e End, che aiutano l’utente nella navigazione all'interno delle applicazioni. Per accedere rapidamente ad alcune funzioni d'uso frequente, si possono adoperare le consuete combinazioni Fn+tasti funzione, e tra queste segnaliamo anche i la combo Fn+tasti direzionali per la regolazione della luminosità dello schermo, come in tutti i modelli Aspire.

TastieraTouchpad

Un tocco di colore, soprattutto al buio, è offerto dai quattro LED luminosi (prevalentemente di colore verde ma possono variare a seconda dello stato), che provvedono l’utente in informazioni sulle attività del netbook, stato di carica della batteria, stato di funzionamento dell’hard disk (nelle fasi di scrittura/lettura), attivazione/disattivazione di, Num Lock, Caps Lock.

Le dimensioni generose della tastiera lasciano poco spazio per il touchpad. Nonostante quest'ultimo abbia una membrana di superficie ridotta, a causa del palm rest angusto, è stato comunque necessario alloggiare i due pulsanti di selezione lateralmente. Una soluzione, sicuramente inconsueta, che conferisce al touchpad una forma rettangolare piuttosto allungata, invece della classica forma quadrata. Scelta analoga è stata compiuta dai disegnatori del nuovo netbook HP Mini-Note 2133, il cui lancio è previsto a breve.

Il touchpad è sensibile e preciso e consente un pieno utilizzo delle applicazioni. Meno comodi i tasti di selezione che, per la loro collocazione, necessitano di un po' di tempo per acquisire familiarità.

Dispositivi di archiviazione

Per l'immagazzinamento dei dati è possibile scegliere tra due diverse opzioni: modulo NAND Flash da 8 GB o HDD interno da 80GB. Il modello in nostro possesso è dotato del drive SSD da 8GB, prodotto da Intel, modello Z-P230, con interfaccia PATA. Il drive allo stato solido ha una capienza modesta ma può vantare una velocità in lettura di 35MB/sec e una migliore resistenza agli urti e alle vibrazioni (tollera accelerazioni fino a 1.1G in funzionamento).

In più, Aspire One legge 5 diversi tipi di memory card – Secure Digital, MultiMediaCard, Memory Stick , Memory Stick PRO, xD-Picture Card – per una libertà davvero impareggiabile. Per aumentare la capacità di storage, il netbook Acer integra Smart File Manager, una soluzione che in modo semplice e istantaneo permette di aggiungere capacità extra di storage grazie all’inserimento di una qualsiasi SD card nel secondo slot per SD card.


Audio

Il codec Realtek ALC268 High Definition Audio del southbridge Intel ICH7M governa un sistema audio composto da due altoparlanti posti sul fondo del netbook. Gli altoparlanti, ricoscibili alla vista solo grazie alla presenza di una serie di fessure nel telaio del portatile, riproducono un suono ben definito e chiaro. Peccato che la loro collocazione secondaria è spesso ostruita dal supporto su cui poggia il notebook. 

Il volume è sufficiente per la visione di un DVD o per l’ascolto di file musicali, senza dover ricorrere a cuffie o ad una coppia di altoparlanti esterni, a meno che non ci si trovi in ambienti rumorosi dove si avverte la carenza di un sistema audio più potente. In linea generale, possiamo dire che il suono è buono anche se sui toni alti avvertiamo una lieve tendenza a stridii e gracchiamenti.
Non manca un microfono integato che consentirà di effettuare telefonate VoIP e videoconferenze senza dover necessariamente far affidamento su dispositivi ad hoc.

Video

Lo schermo LCD montato sull’Aspire One ha una diagonale di 8.9 pollici, con risoluzione WSVGA di 1024x600, che offre all’utente un ampio spazio di lavoro, comodo per ospitare anche due o più applicazioni aperte contemporaneamente. L'esemplare di Acer Aspire One in nostro possesso, in quanto sample preproduzione, integra uno schermo LCD di tipo matte, o opaco, capace di migliorare notevolmente la visibilità da parte dell'utente, soprattutto in condizioni di illuminazione poco agevoli, come luce solare diretta o fonti di luce alle spalle dell’utente.
Ricordiamo infatti che uno dei primari svantaggi di uno schermo lucido è il fastidioso effetto riflesso, che potrebbe causare disagi durante l’utilizzo. I modelli di Acer Aspire One commercializzati in Italia, tuttavia, dovrebbero essereprovvisti di schermo LCD di tipo lucido, con tecnologia Acer CrystalBrite e luminosità pari a 180 nit.

Negli ultimi anni, gli schermi LCD di tipo matte sono stati gradualmente sostituiti da display glossy, glare o più comunemente detti lucidi, in grado di regalare colori brillanti, con un intenso contrasto e un’elevata luminosità. Questo tipo di pannelli è sicuramente più adatto ad un notebook di fascia consumer, orientati all’intrattenimento  domestico.

Caratterizzato da un sufficinte angolo di visione verticale ed orizzontale, il pannello LCD dell'Aspire One ha una qualità discreta e permette di non stancare eccessivamente la vista nonostante le ridotte dimensioni. Segnaliamo inoltre che è possibile variare la luminosità dello schermo su una scala di 10 step con la combinazione di tasti Fn e frecce, per una maggiore possibilità di adattamento alle esigenze dell’utente.

Il comparto grafico e’ affidato al chip integrato Intel Graphics Media Accelerator (GMA) 950, con una frequenza di clock di 400MHz e 64MB di memoria condivisa. Considerato che il netbook viene distribuito con sistema operativo Linux Linpus Lite, gli utenti non sentiranno la mancanza del supporto delle API DirectX 10. Nonostante il chip IGP abbia capacità grafiche 3D, tuttavia le prestazioni sono molto basse: nulla di sorprendente, in quanto Acer One, come tutti i prodotti appartenenti a questa categoria, non ha pretese in ambito video-ludico e tantomeno nel campo della grafica professionale.

Al di sopra dello schermo è presente una webcam Crystal Eye da 0.3 Megapixel, ideale per le videoconferenze di lavoro e per le videochiamate con gli amici. Dispiace che si tratti di un modello fisso e non ruotabile, che costringe l’utente a variare l’inclinazione dello schermo, per permettere una migliore inquadratura. La qualità delle immagini è buona, anche se mancano le più avanzate funzioni di zoom o di messa a fuoco.


Sistema operativo

Acer Aspire One è stato creato per potersi tuffare nel web in pochi attimi e, grazie ad una versione personalizzata del sistema operativo Linpus Linux Lite, possiamo dire che questo obiettivo sia stato centrato: l’avvio e lo shutdown sono ridotti ad una manciata di secondi.

Linux non è un sistema operativo familiare a tutti gli utenti: per evitare che qualcuno potesse essere disorientato, l’interfaccia utente dell'Acer Aspire One è stata improntata alla massima semplicità. Perfino gli utenti più inesperti saranno in grado di collegarsi ad Internet attraverso una interfaccia grafica intuitiva, che si appoggia all'ambiente grafico KDE.

UI semplificata del netbook Acer Aspire OneSezione dedicata alle applicazioni di produttivitàApplicazioni per il divertimento della distro Linux dell'Acer Aspire One
File manager di LinpusBrowser web su Linpus Linux e AAOGiochi

All'avvio della distribuzione di Linpus, veniamo accolti da un desktop ad icone, suddivise in 4 sezioni: Connetti, Lavoro, Divertimento e File. Cliccando sulle icone potremo avviare l'applicazione adatta alle nostre esigenze. In basso a destra, cliccando su "Impostazioni", l'utente potrà accedere ad un pannello di controllo, dal quale gestire ed eventualmente modificare le preferenze di sistema, dallo stato di risparmio energetico alla configurazione del touchpad.

Linguetta impostazioniPreferenze dello schermoBatteria
Linguetta multimediaSezione interfacce di rete

Configurare una rete Wi-Fi è quanto mai facile, grazie al Centro di connettività wireless, davvero eccellente, che segnala le reti disponibili e le connessioni in corso. L’angolo destro è arricchito dalla consueta taskbar contenente le icone di selezione del layout della tastiera, connessioni, stato batteria, volume, orologio.

Dischi removibiliRisparmio energetico

Oltre al non trascurabile vantaggio di essere gratuito, Linpus Linux Lite ha anche il pregio di essere “virus-safe” (prendete l'affermazione cum grano salis) e super-interattivo.

E’ in quest’ottica che è stata sviluppata la suite software One Mail, che permette di gestire fino a 6 diversi account di posta elettronica da un’unica mailbox. Una piccola icona posizionata a destra del messaggio indica chiaramente e velocemente l’account da cui proviene la posta. Niente di più semplice per sostituire un servizio di push mail senza utilizzare un server aziendale.

Client oneMailPacchetto OpenOfficeOpenOffice Impress

Messenger, invece, può gestire contemporaneamente i più usati client di messaggistica istantanea. L’applicazione permette di effettuare un accesso simultaneo a Skype, Microsoft Messenger e diversi altri servizi di messaggistica. Il software può essere usato con la videocamera integrata per video-chat e videoconferenze. Funzionalità come queste rendono l’Aspire One il “cuore pulsante” del mondo online.

Acer Media PlayerPhoto ManagerProgramma di disegno su Acer Aspire One di prima generazione

Le applicazioni preinstallate non fanno rimpiangere i loro, più noti, equivalenti Windows. Sembra che sia stata finalmente individuata la ricetta per far digerire Linux anche al pubblico consumer: speriamo che sia solo l'inizio di una maggiore diffusione del software open source!

Ultimo aggiornamento Domenica 21 Agosto 2011 18:34