Recensione Asus M50SV

Asus M50SvAsus M50Sv è uno dei primi modelli disponibili in italia della serie di notebook mainstream M50. Features multimediali e analisi prestazionale in dettaglio nella nostra recensione.

Acquisto


Asus M50Sv

Asus, azienda taiwanese con sede a Taipei, calca da tempo la scena dell’elettronica di consumo, offrendo, sin dal 1989, schede madri, schede video, lettori ottici, palmari, notebook, telefoni cellulari, PC desktop e sistemi di raffreddamento per computer. Non tutti sanno che Asus è una delle pochissime aziende a produrre direttamente i suoi portatili: ciò le ha permesso di guadagnare nel tempo una posizione di spicco nel mercato della tecnologia mobile, con prodotti prestanti ed affidabili, con un buon livello qualitativo complessivo.

Asus M50Sv

Secondo quanto riportato da Wikipedia, il nome Asus deriverebbe da Pegasus, cavallo alato appartenente alla mitologia greca e simbolo di vittoria. In seguito, il nome sarebbe stato semplificato in Asus per semplicità e per guadagnare una posizione alta nell’elenco alfabetico delle aziende. Asus sarebbe anche una parola composta dai due termini inglesi "AS" e "US", che letteralmente si traduce "come noi", ma potrebbe anche voler dire "Come gli Stati Uniti", in riferimento al fatto che la compagnia non è statunitense, ma i suoi prodotti sono in grado di competere con gli standard occidentali.

Il notebook oggetto di questa recensione fa parte della categoria dei laptop da intrattenimento, con una dotazione hardware d'eccellenza, in grado di offrire ottime prestazioni, non solo con i comuni applicativi da ufficio, ma anche con i più esigenti software multimediali. Stiamo parlando del PC portatile Asus M50Sv, un desktop-replacement di concezione moderna, presentato per la prima volta al pubblico a gennaio 2008, nel corso del CES di Las Vegas.

Image

Facendo riferimento al listino di Aprile 2008, il prezzo dell’Asus M50 rispecchia la sua dotazione tecnica: sono disponibili due modelli, M50SV AP025C e M50SV AP107C, al costo rispettivamente di 1.311 euro e 1.624 IVA esclusa. Entrambi hanno uno schermo da 15.4 pollici WXGA, processore Intel Core 2 Duo T9300 a 2.5GHz, scheda grafica NVIDIA GeForce 9500M GS con 512MB DDR3, 802.11agn, BT, Gigabit Ethernet, TPM, Fingerprint, Windows Vista Premium. Le uniche differenze risiedono nella quantità di memoria, nella capacità dell’hard disk e nella unità ottica Blu-Ray (solo nel modello M50SV-AP107C). Il sample in nostro possesso dovrebbe corrispondere al modello M50SV AP025C, con masterizzatore DVD DL e 4GB di memoria DDR2.

Chiude la famiglia Asus M50, la serie M50SA con una scheda grafica ATI Mobility Radeon HD3650. Anche in questo caso sono disponibili due modelli, M50SA-AK010C e M50SA-AK027C, l’uno con masterizzatore DVD e l’altro con unità ottica ad alta definizione Blu-Ray.

Impressioni generali

Intrattenimento digitale a tutto tondo! Potrebbe essere questo lo slogan perfetto per la nuova serie di computer portatili Asus M50. Con l'avvento della nuova piattaforma Intel Santa Rosa Refresh, i processori Penryn e le schede grafiche Nvidia di nuova generazione Serie 9, anche il mercato dei notebook è cambiato. Alcuni produttori, e tra questi Asus, hanno deciso di accompagnare l'aggiornamento hardware del laptop, con un restying estetico delleloro linee. Nasce così la famiglia Asus M50.

Image

Image

In grado di distinguersi già al primo sguardo, i notebook della serie Asus M50 sono realizzati con una speciale tecnologia per la lavorazione dei materiali denominata Asus Infusion, che impreziosisce la cover dei portatili con una originale decorazione stilizzata e la rende contemporaneamente più resistente ai graffi. Inoltre, il rivestimento glossy dona eleganza e robustezza al notebook, con il vantaggio di una migliore resistenza a raschi ed abrasioni ma con il trascurabile inconveniente di una maggiore evidenza di ditate e polvere.

Image

L'azienda taiwanese, che attualmente mira a conquistare il mercato nordamericano, ha fatto del design una delle sue priorità, coniugando tecnologia all'avanguardia con una veste esteriore più ricercata ed accattivante: anche l'occhio vuole la sua parte!

Image

Image

Image

La sensazione è che l'Asus M50Sv sia un notebook robusto e assemblato con una discreta cura dei dettagli. Il display lid non si flette alle pressione delle mani, come la superficie del palm rest e della tastiera, che non subiscono deformazioni anche imprimendo un peso consistente. La finitura Infusion è interrotta esternamente dalla chiusura magnetica, in un argento piuttosto appariscente, che racchiude al suo interno una webcam ruotabile, da 1.3 Megapixel. Le cerniere sono solide e riescono a mantenere ben saldo lo schermo da 15.4 pollici, ruotando in modo fluido e senza scricchiolii.

Image

Durante l'utilizzo del notebook, gli occhi dell'utente cadono inevitabilmente su alcuni dettagli estetici, che contraddistinguono la famiglia M50 da altre serie di computer portatili dell'azienda taiwanese: il cover nero decorato con striature orizzontali ed impreziosito da una linea longitudinale e dal logo ASUS color argento, la base grigia, anch'essa abbellita dai motivi geometrici della finitura Asus Infusion, nella quale sono inseriti touchpad, tastiera e due gliglie tonde con contorno cromato degli altoparlanti Altec Lansing.

Image

Image

Gli altoparlanti sono solo una parte di una sezione audio di alto livello che sfrutta la tecnologia proprietaria Asus AI Surround per migliorare la resa acustica, e dispone di supporto per la tecnologia Dolby Home Theater. Il risultato complessivo è un suono estremamente realistico, con effetti audio di livello cinematografico.

Image

La tastiera è incastonata in una cornice lucida nera, che accoglie superiormente una serie di tasti multimediali e LED di stato, capaci di illuminare elegantemente il notebook, durante le sessioni notturne. Una delle grandi novità, introdotte da Asus, è l'adozione di LED bianchi che in questa nuova linea di notebook sostituiscono i tradizionali LED verdi o blu, che hanno contraddistinto le vecchie generazioni. Al buio, LED di stato e touchpad dual-mode offrono uno spettacolo seducente.

Image

Image


Unboxing e contenuto della confezione

Aperta la confezione di cartone, esaminiamo il suo contenuto:

Image

Image

Gli accessori in bundle sono meno di quelli che ci saremmo aspettati. In particolare mancano la borsa per il trasporto e il mouse che, però, dovrebbero corredare gli esemplari di Asus M50Sv in commercio. Supponiamo che la disponibilità di accessori sia ben più ricca sui modelli dotati di sintonizzatore TV, con telecomando, adattatori di vario tipo ed antenna esterna.

Specifiche tecniche


Interfacce

Asus M50 ha una dotazione completa di porte e slot di espansione, per permettere all'utente di interfacciare tutti i dispositivi e le schede (fotocamere, videocamere, hard disk esterni, memory card etc..) necessari ad un impiego come sistema d'intrattenimento digitale domestico.

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Generalmente un lato così affollato potrebbe rivelarsi uno svantaggio per l'utente, in quanto la connessione di un dispositivo esterno potrebbe ostruire l’accesso ad altre porte, ma non è questo il caso dell'Asus M50, perché le interfacce sono allineate e ben distanziate le une dalle altre. Manca una uscita digitale DVI, sostituita egregiamente dall'interfaccia HDMI. Sul nostro M50Sv, c'è solo la predisposizione per gli ingressi TV tuner, antenna TV e radio FM.

Image

Image

Image


Processore e Chipset

In accordo con la sua destinazione multimediale, Asus ha equipaggiato il nostro M50Sv con la versione consumer della piattaforma Intel Santa Rosa, Centrino Duo, sprovvista di quelle features di sicurezza e di amministrazione presenti invece su Centrino Pro, ma delle quali si può beneficiare solo in ambito aziendale. Restano, comunque, inalterate l'affidabilità, la velocità e la qualità che contraddistinguono l'ultima piattaforma mobile di Intel, Santa Rosa Refresh, qui presente al completo: oltre alla scheda Intel Wi-Fi Pro/Wireless Link 802.11 AGN, c'è anche il controverso modulo Intel Turbo Memory.

Il chipset Crestline (Intel Mobile 965 Express) è nella versione PM965, sprovvista di grafica Intel GMA X3100 integrata per via della presenza di una GPU dedicata. Il southbridge ICH8M gestisce senza difficoltà la buona varietà di interfacce presenti sul portatile. Fra queste ci sono anche la scheda di rete Marvell Yukon 88E8055 PCI-E Gigabit Ethernet Controller, il modulo Intel Turbo Memory, la scheda di rete Intel Wireless WiFi Link 4965AGN Network Adapter, e il controller JMicron JMB360 SATA-II AHCI. Quest'ultimo è indispensabile per gestire l'interfaccia eSATA: contrariamente a quanto molti credono, il controller I/O ICH8-M di SantaRosa non supporta le specifiche eSATA.

Image

Il processore è l'ottimo Intel Core 2 Duo T9300 a 2.5GHz, che ha dato buona prova di sé su una macchina non solo votata all'intrattenimento digitale, ma anche alle performance per il gaming. La CPU in esame appartiene all'ultima generazione di microchip Intel, basati su architettura Penryn, caratterizzata da processo produttivo a 45nm, che consente di raggiungere frequenze più elevate della precedente architettura Merom senza sacrificare eccessivamente i consumi: aumentano le frequenze di clock mentre il TDP resta pressoché invariato (35W).

6MB di cache L2 consentono a questa CPU di raggiungere prestazioni eccellenti, come dimostra la sessione di prove con SuperPi. Peccato che il FSB ad 800MHz faccia da collo di bottiglia, impedendo al T9300 di sprigionare tutta la sua potenza: con la piattafoma Centrino 2, a giugno, Intel amplierà il canale del bus di sistema a 1066MHz, permettendo ai processori Penryn di mostrare le loro reali potenzialità.

Image

Memoria

Dei 4GB massimi di RAM DDR2 a 667MHz consentiti dal controller di memoria integrato nel northbridge del chipset Intel Mobile 965 Express, Asus M50Sv li impiega tutti, suddivisi su due banchi SoDIMM da 2048MB ciascuno. Contraddistinti dal seriale ASNAZS7B00560024, i moduli sono di difficile identificazione: potrebbe trattarsi di una memoria Kingston KVR667D2S5/1G che fa uso di moduli DDR2 prodotti da Elpida.

Ricordiamo che nonostante fisicamente la quantità di RAM sia equivalente a 4GB, il sistema operativo Windows a 32-bit ne sfrutta poco più di 3GB, a causa di un ben noto limite nel sistema di allocazione della memoria. L'inconveniente non viene risolto dal Service Pack 1 di Windows Vista, come dimostrato nella nostra prova: chi volesse sfruttare per intero i 4GB di memoria dovrà installare Windows a 64 bit o un diverso sistema operativo.

Di seguito riportiamo le caratteristiche di ciascun banco:

    @ 333 MHz: 5-5-5-15  (CL-RCD-RP-RAS) / 20-43-3-5-3-3  (RC-RFC-RRD-WR-WTR-RTP)
    @ 266 MHz: 4-4-4-12  (CL-RCD-RP-RAS) / 16-34-2-4-2-2  (RC-RFC-RRD-WR-WTR-RTP)
    @ 200 MHz: 3-3-3-9  (CL-RCD-RP-RAS) / 12-26-2-3-2-2  (RC-RFC-RRD-WR-WTR-RTP)

Abbiamo misurato la bandwidth dellememorie con ScienceMark:

Image

Fra i componenti dell’Asus M50 è compreso il modulo di memoria NAND Flash Intel Turbo Memory, che può essere sfruttato dalle tecnologie di caching ReadyBoost e ReadyDrive di Windows Vista per velocizzare le prestazioni del sistema. I vantaggi di questa soluzione sono stati più volte contestati, tanto che abbiamo preferito non condizionare i nostri test, disabilitando questa feature.


Audio

Data la collocazione di mercato dell'Asus M50, uno dei suoi punti di forza è rappresentato dal sistema audio, che può contare sulla dotazione di due avanzati speaker stereo prodotti da Altec Lansing. I due altoparlanti sono collocati sopra la tastiera, nascosti dietro due rifinitissime gliglie circolari, e dispongono della tecnologia proprietaria ASUS AI Surround, che combina tre algoritmi per processare dinamicamente l'output audio e restituire un suono realistico, corposo, assolutamente godibile.

Image

I due altoparlanti sono disposti frontalmente e supportano la tecnologia Dolby Home Theatre, anche se avremmo gradito la presenza di un subwoofer integrato, che rappresenta ormai un elemento comune sui sistemi mediacenter portatili. Il volume può raggiungere alti livelli, tanto che per un ascolto modesto sarà sufficiente settare uno step intermedio.

In abbinamento agli speaker troviamo il codec High Definition Audio Realtek ALC888/S/T, compatibile Azalia: supporta fino a 8 canali audio (7.1) per una riproduzione dei suoni eccellente, con toni bassi molto profondi e alti cristallini anche sul proprio sistema home theater.

Ricordiamo che la webcam è dotata di microfono integrato, posizionato al suo fianco. Esso può essere utilizzato durante una videochiamata o semplicemente per registrare suoni o la propria voce. Alcuni modelli sono dotati di microfono con tecnologia anti-eco, di maggiore qualità.

Video

La tecnologia ASUS AI Light regola in modo intelligente la luminosità del pannello display in base all'illuminazione ambientale. L'utente non dovrà più adattare la brillantezza dello schermo alle condizioni di luce perché questo compito verrà svolto dinamicamente dal notebook. In ogni caso la feature puòessere disabilitata.

Il modello di Asus M50Sv in nostro possesso monta un pannello LCD con diagonale da 15.4 pollici, prodotto da AU Optronics, modello B154EW08 V1. In un formato da 16:10, questo schermo possiede risoluzione WXGA standard, di 1280x800 pixel. Il pannello LCD è di tipo glare, come suggerisce la denominazione Asus Color Shine Glare, che contraddistingue gli schermi con trattamento glossy di Asus.

Qualcuno obietta che questa risoluzione sia poco elevata per il target al quale questo computer portatile punta: l'intrattenimento digitale. Anostro parere, invece, una risoluzione più elevata avrebbe sicuramente offerto all'utente una maggiore area di lavoro, per vedere simultaneamente più finestre o utilizzare più programmi, ma non avrebbe consentito di godere di nessun vantaggio in termini di prestazioni multimediali.

Per vedere film in formato Full HD (1080p) sarebbe stato necessario dotare il display di risoluzione WUXGA (1920x1200), davvero eccessiva per una diagonale di 15,4 pollici, mentre la densità di 1280x800 pixel è sufficiente per riprodurre film in formato HD 720p. Inoltre, la scheda video Nvidia in dotazione è di fascia media e non garantisce prestazioni sufficienti oltre la risoluzione WXGA.

La scelta del produttore ci sembra, quindi, totalmente condivisibile.

Il display AUO ha un sufficiente rapporto di contrasto, pari a 400:1, mentre non possiamo esprimere un giudizio altrettanto positivo circa la brillantezza, di sole 200 candele a m². Con una saturazione del 45%, un tempo di risposta pari a 16ms e un angolo di visione verticale ed orizzontale di 80/40 gradi, questo pannello LCD non rappresenta certo quanto di meglio possa esprimere attualmente il mercato. Si tratta, tuttavia, di uno schermo ampiamente adottato, anche da altri produttori, su notebook di fascia media ed economica.

Ad ogni modo, a giudicare dai commenti positivi dei lettori di Notebookitalia che per primi hanno acquistato un laptop Asus M50Sv, riteniamo che i modelli in commercio possano essere equipaggiati con schermi LCD di migliore qualità, in modo da rispondere in modo più efficace alle caratteristiche di questo computer portatile.

Il comparto grafico è retto da una GPU Nvidia appartenente alla nuova serie 9000M, Nvidia GeForce 9500M GS con 512MB di memoria GDDR2, e fino a 1280MB in modalità Turbocache (integralamemoriadedicata con un quantitativo di memoria di sistema variabile a seconda della RAM installata).

Image

Il core su cui è basata la Nvidia GeForce 9500M GS è lo stesso G84 dal quale derivava la precedente GeForce 8600M GT: le due schede grafiche sono identiche,come dimostrano i nostri test, se non per una riduzione a 65nm del processo produttivo che dovrebbe favorire il risparmio energetico e temperature lievemente inferiori.

La Nvidia 9500M GS è compatibile con le librerie Microsoft DirectX 10, un insieme di API (Application Programming Interface) per lo sviluppo semplificato di videogiochi su piattaforma Windows, ma manca il supporto per il set di API Microsoft DirectX 10.1, già presente, invece, sulla serie HD3000 di AMD/ATI. L’interfaccia è la consueta PCI Express x16 e non la più recente PCI Express 2.0, adottata dalle prossime generazioni di schede video ATI e Nvidia.
Sul versante delle features, la 9500M dispone delle stesse tecnologie già viste sulle GPU della serie GeForce 8000M: NVIDIA PureVideo HD, NVIDIA SLI e NVIDIA Lumenex Engine.

Chiude il comparto video, una webcam da 1.3Megapixel collocata al centro della cornice superiore dello schermo, ideale per le videochiamate con gli amici o le videoconferenza di lavoro. Essa permette di fare fotografie e video con una buona qualità dell’immagine. Si tratta di un modello ruotabile, molto comodo, che permette di centrare l’inquadratura senza dover inclinare lo schermo o costringere l'utente ad assumere posture scomode.

Image


Dispositivi di input

Una novità che sarà molto apprezzata da tutti gli utenti che hanno a che fare con i numeri, è la presenza del tastierino numerico dedicato. Normalmente i notebook con diagonale di 15,4" integrano una keyboard di dimensioni standard, ma senza keypad numerico: le sue funzioni sono assolte da una serie di scomode combinazioni da tastiera. Asus ha pensato di ovviare a questo inconveniente sulle sue attuali serie di portatili mainstream, M50 in primis.

Image

Questa soluzione, ovviamente, va valutata positivamente, anche se ha costretto il produttore a rimpicciolire i tasti direzionali. Un piccolo inconveniente che potrebbe avere la sua importanza per chi usa il portatile per giocare.

Image

A parte questo, non ci sono particolari sorprese sulla tastiera e sul suo layout: la battitura risulta comoda e piacevole, la sensibilità dei tasti è discreta ed il feedback alla pressione è deciso e gradevole. Se l'utente scrive velocemente e con veemenza, i tasti tendono a produrre il loro caratteristico "click", ma il rumore è poco fastidioso, del tutto normale. La tastiera ha sufficiente rigidità, non flette alla pressione delle mani e appare assemblata con cura.

Image

Una mascherina orizzontale ospita una serie di pulsanti ad accesso rapido, necessari all'utente per un utilizzo più comodo e veloce del notebook. Partendo da sinistra, incontriamo il tasto Power4Gear, l'utility proprietaria Asus che consente di adattare le performance del sistema al carico di lavoro e alle esigenze di risparmio energetico, il tasto di attivazione/disattivazione touchpad, Asus Splendid Video, una tecnologia che valuta attentamente ogni singolo pixel per ogni singolo frame regolandoli dinamicamente in base alle condizioni migliori per l'occhio umano, e il pulsante di attivazione del MediaCenter.

Image

Image

Completano la serie, un gruppo di LED bianchi di stato, che permettono all'utente di monitorare lefunzioni primarie del proprio notebook. Dopo il Light Sensor, in ordine, troviamo attivazione/disattivazione touchpad, email, attività dell'hard disk, CAPS Lock e Scroll Lock. In basso, invece, in prossimità del touchpad, altri 3 LED d'indicazione ci permettono di conoscere se il WiFi è attivo, lo stato di alimentazione e se il portatile è acceso.

Proponendosi come centro multimediale destinato all’intrattenimento di tutta la famiglia, sarebbe opportuno che il nostro Asus M50 disponesse di una serie di pulsanti multimediali dedicati a gestire la riproduzione di musica e film e il volume dell'audio. Questa funzione è assolta dal touchpad, che si arricchisce di specifiche funzionalità destinate a semplificare e velocizzare l’utilizzo delle applicazioni per il digital entertainment.

Image

L’Asus M50Sv, infatti, è equipaggiato con un touchpad dual-mode: a prima vista è un normale dispositivo di input ma basterà cliccare nell’angolo superiore destro della membrana, in corrispondenza della scirtta "MODE", per passare dalla funzione tradizionale a quella multimediale.

Dividendo idealmente la superficie del touchpad in zone, riconosciamo in quella superiore 2 pulsanti funzione programmabili, il tasto di avvio dell’applicazione MediaCenter e MODE. Centralmente, trovano posto i pulsanti di riproduzione, Rewind, Stop, Play/Pause, Fast Forward. In basso, invece, illuminazione e sperimento dei LED del touchpad, MUTE e volume. Il lato destro della superficie del touchpad invece è sottolineato da una barra di scroll, anch’essa a sfioramento.

Come spesso succede per le superfici touch-sensitive, anche noi abbiamo rilevato una certa difficoltà nella digitazione, che si accentua se si utilizza il dispositivo con mani umide o con incertezza. Il touchpad risulta comodo e didimensioni generose, leggermente decentrato, mentre i tasti, anche se sono molto vicini al margine del notebook, hanno dimensioni standard. I due pulsanti ospitano nel mezzo il sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali e sono un po' rumorosi. Questo potrebbe intimidire gli utenti che dovessero usare il portatile in ambienti molto silenziosi.

Il lettore di impronte digitali, accompagnato da un modulo integrato Trusted Platform Module (TPM) per la cifratura delle chiavi, rappresenta uno dei sistemi di sicurezza più diffusi sui notebook di ultima concezione. L’utente potrà, così, proteggere i suoi dati con una password o con il riconoscimento delle impronte digitali delle proprie dita, secondo le proprie preferenze.


Dispositivi di archiviazione

Il disco rigido è un Seagate Momentus ST9250827AS, appartenente alla famiglia Momentus 5400.4, con una capacità di 250GB e una velocità di rotazione di 5400rpm. Per raggiungere una così elevata densità di memorizzazione su un supporto da 2,5", è stata impeigata la tecnologia di registrazione perpendicolare (PMR, Perpendicular Magnetic Recording).

Il drive in questione ha un tempo di accesso medio di 12ms in lettura e 14ms in fase di scrittura, oltre ad una latenza media di 5,6ms. Con un buffer di 8MB, e un'interfaccia SATA a 3.0Gb/s, sono assicurate performance di buon livello. Una resistenza alle vibrazioni di 325Gs permetterà di usare il dispositivo anche in viaggio o con gli altoparlanti al massimo volume, senza risentire di particolari problemi.

Qui di seguito, lo screenshot di HDTune mostra le performance del disco:

Image

L’unità ottica integrata nell’Asus M50 è rappresentata da un masterizzatore DVD DL LightScribe, modello DVD-RAM UJ-861S ATA Device, prodotto da MATSHITA. Con interfaccia IDE/ATAPI e buffer di 2MB, il masterizzatore può vantare una buona silenziosità di lavoro e una velocità nella norma. Non abbiamo rilevato problemi o difficoltà con tutti i supporti utilizzati. Teniamo a precisare, comunque, che Asus ha rilasciato una nuova versione, M50SA-AK027C, con lettore Blu-Ray, per i contenuti ad alta definizione, di cui abbiamo discusso nella sezione Acquisto.

    5X Speed DVD-RAM
    8X Speed DVD-R
    4X Speed DVD-R (DL)
    6X Speed DVD-RW
    8X Speed +R 4.7GB
    4X Speed +R (DL)
    8X Speed +RW 4.7GB
    24X Speed CD-R
    16X Speed CD-RW

    24X Speed CD-ROM
    8X Speed DVD-ROM
    Buffer Under Run Protection
    DVD Multi Read / Write support
    DMA66 support

 

Networking

Per quanto riguarda la connettività presente sull'Asus M50, abbiamo già accennato alla dotazione di un controller Gigabit Ethernet (10/100/1000), Marvell Yukon 88E8055. Restando sulpiano delle reti cablate, segnaliamo la presenza di un modem Motorola SM56 Data Fax Modem, da molti considerato anacronistico ma ancora utile nelle zone sprovviste di copertura ADSL.

La sezione wireless, invece, è ben rappresentata da una scheda Intel WiFi Link 4965AGN Network Adapter, che occupa uno degli slot mini PCI-E a disposizione. Essa offre supporto per il più recente standard 802.11 n, caratterizzato da un più ampio raggio di azione, stabilità e velocità. La presenza di 3 antenne, che gli consentono di sfruttare al meglio tutte le caratteristiche della tecnologia MIMO. E' inoltre integrato un modulo Bluetooth, che permette il collegamento di vari tipi di dispositivi, tra cui telefoni cellulari, mouse e tastiere ottiche, cuffie, etc.


Test sintetici

Image

Molto alto il risultato del benchmark integrato in Windows vista, che ha fatto segnare un punteggio globale di 5.0: significa che nessuna delle cinque categorie che compongono l'indice ha avuto punteggi inferiori a 5! Il miglior score è stato registrato dal processore Intel Penryn, seguito da hard disk e scheda video.

Santech M3820
14633
Dell XPS M1530
7925
Asus G2S
7706
Apple MacBook Pro 15,4
7354
Asus M50SV
7070
MSI GX600 Extreme Edition (modalità Turbo)
6858
Acer Aspire 6920
6207
Acer Aspire 5920
5145
Asus G2
4494
Asus Pro31Sv
4050
HP Pavilion dv6670
2343

Image

Santech M3820
10292
Asus G2S
4760
Dell XPS M1530
4726
Asus M50SV
4403
Acer Aspire 5920
4400
Apple MacBook Pro 15,4
4144
MSI GX600 Extreme Edition (modalità Turbo) 
4086
Asus W2W
3919
Acer Aspire 6920
3592
Asus G2
2557
HP Pavilion dv6670
1565
Samsung Q70
1228

Image

Santech M3820
5943
MSI GX600 Extreme Edition (modalità Turbo)
5935
Asus G2S
5547
Apple MacBook Pro 15,4
5524
Dell XPS M1530
5268
Acer Aspire 6920
5252
Asus M50SV
5094
Acer TravelMate 6592
4357
Samsung Q70
4315
Fujitsu-Siemens Amilo Pi 2530
4049
HP Pavilion dv6670
3789

Image

Santech M3820
3594
Asus M50SV
3458
Asus W7s
3103
Acer Aspire 6920
3046
HP Compaq 8710p
2812
Dell XPS M1530
2809
HP Pavilion dv6670
2754
Asus F8S
2715
Samsung Q70
2551
Acer TravelMate 6292
2437

Image

Image
Rendering (Single CPU): 2771 CB-CPU
Rendering (Multiple CPU): 5287 CB-CPU
Multiprocessor Speedup: 1.91
Shading (OpenGL Standard): 3624 CB-GFX 


Test applicativi e giochi

SuperPi, nonostante la sua semplicità elementare, è ancora un indice attendibile delle prestazioni di calcolo del processore. Trattandosi di una applicazione single-threaded, però, esso non consente di tenere in considerazione le capacità in multithreading delle attuali CPU multi-core (nel nostro caso un Intel Core 2 Duo T9300). A questo scopo ci siamo serviti del benchmark integrato in 7zip, un software di compressione.

L'andamento dei grafici è abbastanza omogeneo nei vari test: a 1280x720 pixel, il framerate non è di molto inferiore rispettoalla risoluzione di 1024x768 pixel, mentre crolla nettamente appena si aumentano i dettagli, l'antialiasing e le ombreggiature. 

Fa eccezione Unreal Tournament 3: basta aumentare la risoluzione da XGA a WXGA per perdere il 20% di framerate.


Batteria

Asus M50Sv è equipaggiato con una batteria agli ioni di Litio con una capacità di 4800mAh (53Wh). La batteria è saldamente ancorata al suo alloggiamento, protetta anche da due ganci laterali che ne garantiscono la fermezza e impediscono qualsiasi movimento.

Image

I test, condotti con il tool MobileMark 2007 di Bapco, hanno evidenziato una durata della batteria quasi costante nelle varie condizioni di utilizzo e per i vari set di impostazioni di risparmio energetico: in genere il notebook si è spento poco dopo aver superato i 100 minuti di funzionamento in batteria.

  Risparmio energetico   Bilanciato   Prestazioni elevate
DVD
101
100
98
Productivity
104
102
99
Reader
108
104
102
 

Il risultato non è entusiasmante, ma va considerato che la scheda video dedicata Nvida GeForce 9500M GS ha certamente un consumo superiore a quello di un chip IGP. Inoltre, abbiamo condotto le nostre prove impostando sempre la luminosità dello schermo al massimo, per avere dei risultati che non fossero condizionati dal consumo del display: ovviamente, riducendo l'intensità della retroilluminazione del display si riuscirà a incrementare l'autonomia del portatile di qualche minuto.

Bisogna anche ricordare che Asus fornisce una sua utility proprietaria di gestione del risparmio energetico, alternativa al Centro PC portatile di Windows Vista. Il nome di quest'applicazione è Power4Gear eXtreme e consente di regolare molti parametri legati ai diversi componenti hardware, permettendo di ottenere fino al 20% di autonomia in più. Possiamo comunque dedurre che l'Asus M50 è poco indicato per un uso mobile, mentre collegato ad una presa di corrente riesce ad esprimere almeglio le sue spiccate doti di intrattenimento.

Temperature e rumorosità

Il comfort acustico dell'Asus M50Sv è sicuramente adeguato ad un notebook di ultima generazione, ma è nelle temperature d'esercizio che questo portatile dà il meglio di sé. In idle il sistema si assesta su temperature eccezionalmente contenute:

Per misurare le temperature di soglia ci siamo serviti del consueto Test di Stabilità di sistema della suite di systeminfo Lavalys Everest. Abbiamo monitorato i sensori per 30 minuti con CPU e memorie in Full Load (carico costante prossimo al 100%) ottenendo questi picchi:

Per la GPU, invece, abbiamo dovuto fare ricorso ad un sistema più empirico: 30 minuti di benchmarking di Crysis e registrazione della temperatura con nTune. Questa la temperatura di soglia toccata dalla scheda video Nvidia GeForce 9500M GS:

Questi risultati possono essere considerati indicatori attendibili di una accurata progettazione del sistema di dissipazione e di distribuzione dei volumi all'interno dello chassis. C'è un margine consistente per eventuali esperimenti di overclocking, modding o per un aggiornamento con CPU o GPU dal profilo termico superiore.


Disassemblaggio e accessibilità

Il fondo del nostro Asus M50Sv ha un design estremamente lineare e simmetrico: è completamente piatto, a differenza di altri notebook in cui il telaio è modellato seguendo la forma dei componenti interni. La batteria è ben allineata e non sporge dal suo alloggiamento. Dal punto di vista estetico, si tratta sicuramente di una scelta apprezzabile.

Image

Image

Image

Peraltro, l'uniformità della scocca non va a scapito dell'accessibilità e della capacità di espansione: uno sportellino, nell'angolo superiore destro, permette di raggiungere l'hard disk, mentre un pannello, che ricopre oltre metà della superficie della base, consente di accedere con facilità alla scheda logica, al sistema di raffreddamento, agli slot di espansione e ai moduli di memoria.

Image

Image

Image

In questo modo, l'utente potrà intervenire sul processore, sulla scheda video su modulo MXM, sulle memorie e sulle schede mini PCI-Express per eventuali interventi di riparazione, sostituzione e modding. Il sistema di raffreddamento è composto da due heat pipe di rame, una per il northbridge e la CPU e l'altra per la scheda video, che convogliano il calore prodotto verso un sistema di dissipatori lamellari. Da qui, l'aria calda viene espulsa verso l'esterno da una ventola di dimensioni generose.

Image

Image

Image

Rimuovere il blocco del sistema di raffreddamento è estremamente semplice, basta svitare le viti che lo tengono ancorato alla motherboard per trovarci davanti all'ottimo processore Intel Penryn T9300 con die fabbricato a 45nm.

Image

Image

Image


Conclusioni

Il segmento dei notebook mainstream da 15,4 pollici riveste un'importanza strategica per tutti i PC vendor. Rappresentando circa l'80% di tutti i portatili acquistati in Italia, è comprensibile che le sorti di questi prodotti esercitino un'influenza determinante sul successo o meno di un'intera line-up. Nella scorsa stagione, la serie F3 di Asus aveva ottenuto un vasto consenso di pubblico, permettendo alla multinazionale taiwanese di crescere nelle classifiche di vendita.

La serie M50, alla quale appartiene il modello Asus M50 descritto in questa recensione, ha tutti i requisiti per diventare uno dei nuovi bestseller in italia e all'estero: design più raffinato, maggiore armonia nei volumi, profilo multimediale di buon livello e prestazioni elevate, garantite dalla presenza di componentistica hardware di qualità.

Sotto quest'ultimo profilo, abbiamo apprezzato soprattutto la scelta di dotare questi notebook di processori Intel Core 2 Duo T9300: una scelta tutt'altro che povera, che ripaga con una velocità di calcolo eccellente. Considerato che il target di prezzo degli Asus M50, al momento, si aggira sui 1200 euro ma inevitabilmente si assesterà sui 1000 euro nei prossimi mesi, la presenza di una GPU di fascia media, di un processore ai vertici dell'attuale gamma mobile Intel e di 4GB di RAM, va valutata in maniera estremamente positiva.

Qualcuno avrebbe preferito uno schermo con una risoluzione superiore, ma le caratteristiche del notebook non avrebbero permesso di trarne giovamento per un impiego multimediale. Va, invece, apprezzata la scelta di Asus di dedicare maggiore attenzione a quei componenti che maggiormente influenzano le performance del sistema: Windows Vista è un sistema operativo notoriamente avido di risorse e solo con un elevato quantitativo di memoria ed un processore scattante si può assicurare un'esperienza d'uso fluida.

Considerata la differenza di prezzo di circa200 euro, consigliamo, però, di optare per il modello di Asus M50 più accessoriato: sintonizzatore DVB-T e lettore Blu-Ray sono features che acquistano un'importanza determinante per il digital entertainment, soprattutto sul lungo periodo.

Ultimo aggiornamento Domenica 28 Agosto 2011 14:33