Recensione Sapphire Edge HD con NVIDIA Ion 2

Recensione del nettop Sapphire Edge HD con NVIDIA Ion 2In questa prova ci occupiamo del primo mini PC prodotto da Sapphire e dotato di piattaforma NVIDIA ION 2: Sapphire Edge HD. Stile e prestazioni multimediali si incontrano in un nettop all'avanguardia.

Sapphire Edge HD appartiene alla categoria dei nettop, PC desktop dalle dimensioni contenutissime e dal design discreto, molto adatti ad essere usati in ambiente casalingo per scopi multimediali, come la visione di film in HD e per svolgere i pochi semplici compiti che sono al centro delle attività della maggior parte degli utenti domestici, come navigare, controllare la posta e redigere alcuni semplici documenti, oltre che gestire le proprie collezioni di foto e video.

Questo tipo di utilizzo sta infatti contribuendo sempre più a trasformare il computer da complesso strumento per pochi appassionati a dispositivo all-around presente nelle case di tutti; a questo scopo dunque si rivela più vantaggioso poter disporre di un grande display LCD, contenendo invece al massimo le dimensioni del PC vero e proprio (solo 193 x 22 x 148 mm, L x A xP per quanto riguarda il Sapphire Edge HD, con soli 530 g di peso), che deve quindi offrire solo lo stretto necessario a svolgere senza impacci i compiti assegnatigli occupando poco spazio e risultando anche silenzioso ed energeticamente parco. Il tutto magari all'interno di uno chassis dalle linee gradevoli e curate, che non sfiguri in un soggiorno al fianco degli altri dispositivi hi-tech come home theater o impianti stereo.

Sapphire Edge HD con la sua base d'appoggio

Gli ingombri ridotti, il design discreto e la silenziosità di questi sistemi ultracompatti sono anche particolarmente indicati per l'ambito professionale ed educativo, come sostituti dei thin-client aziendali o per attrezzare aulee didattiche senza troppa spesa.

È infatti la versatilità la dote principale dei nettop come quello in test, versione casalinga dei netbook, rispetto ai quali però devono necessariamente avere maggiori doti multimediali; a tale fine molti nettop di prima generazione erano basati su piattaforma NVIDIA ION così come ora fanno uso della nuova release, impropriamente chiamata ION 2 e più correttamente NVIDIA Next Generation ION; entrambe infatti utilizzano come processore l'Intel Atom ma possono contare su un sottosistema grafico, prodotto da NVIDIA, che può assicurare prestazioni ben superiori all'IGP Intel normalmente accoppiato a questo tipo di CPU.

Nettop Sapphire Edge HD

Sapphire, azienda nota ai più soprattutto per i componenti, esordisce dunque in questo segmento di mercato con l'Edge HD, un nettop caratterizzato da un design particolare e molto piacevole, di cui parleremo meglio nella sezione dedicata, e da una piattaforma che vede l'adozione dei processori Intel Atom D510, dual core che lavorano alla frequenza di 1.66 GHz e prodotti con processo litografico a 45 nm, supportati dal chipset Intel NM10, da 2 GB di RAM DDR2 PC2 6400 a 400MHz, oltre al già menzionato sottosistema grafico NVIDIA Next Generation ION.

Troviamo infine un capiente HDD da 250 GB e una scelta di connessioni completa, che tratteremo più avanti nel dettaglio. Insomma, si tratta di un computer come vedremo molto valido che, anche grazie al suo ottimo rapporto prezzo/prestazioni e alla flessibilità offerta dalla mancanza di un sistema operativo preinstallato che lascia libero l'utente di adottare ciò che più soddisfa le proprie esigenze, siamo sicuri sarà in grado di ingolosire un'ampia fetta di utenti.


Caratteristiche tecniche

Come accennato, il Sapphire Edge HD può contare su una piattaforma di nuova generazione, potenzialmente in grado di assicurare ottime prestazioni in ambito home-SMB:

Unboxing

Per quanto riguarda packaging e bundle, ce ne siamo già occupati su queste pagine recentemente. ci limitiamo ad elencare il contenuto della confezione, oltre ovviamente al nettop Edge HD:


Design e impressioni generali

Il Sapphire Edge HD si presenta nel classico formato che caratterizza i nettop. Ottimo il lavoro svolto dai designer, che hanno immaginato per l'Edge forme semplici ed essenziali, che vedono proporzioni asimmetriche e due degli angoli opposti di forma smussata, particolari che concorrono entrambi ad aumentare ulteriormente il senso di dinamicità espresso dallo chassis.

La forma a losanga del telaio è ereditata da un concept presentato da Pegatron nel 2010, ed infatti la motherboard dell'Edge HD proviene dalla nota manifattura taiwanese.

Motherboard del nettop Sapphire

Il nettop Sapphire si presenta con colorazione nera e un'inedita finitura opaca con superfici leggermente gommate, piacevoli al tatto. L'intero perimetro dello chassis è poi caratterizzato dalla presenza di griglie di areazione, utili per contribuire a raffreddare i componenti interni, considerato il volume ridotto dell'Edge HD. La sensazione di sobrietà ed eleganza è aumentata dalla totale assenza di decorazioni o scritte, eccezion fatta per il logo Sapphire, discretamente disposto lungo uno dei lati.

Sapphire Edge HD, design a forma di rombo

Le plastiche impiegate sono abbastanza solide, le finiture e l'assemblaggio sono precisi, contribuendo a conferire al Sapphire Edge HD una sensazione di qualità che lo allontana decisamente da altri prodotti dello stesso segmento, analoghi ma più economici nella realizzazione.

Sportello di plastica sul nettop Sapphire Edge HD

Si tratta però comunque di un desktop a basso costo, per quanto ben progettato: i pannelli che ricoprono il telaio sono attaccati per mezzo di gancetti di plastica che potrebbero rompersi durante l'apertura, e la base d'appoggio ha un motivo ondulato che poco s'abbina al design del nettop.


Interfacce

Il Sapphire Edge HD è pensato soprattutto per essere montato ed utilizzato in posizione verticale, grazie al supporto fornito in bundle. Tutte le porte offerte dall'Edge HD sono quindi concentrate su uno dei due lati lunghi. Troviamo una porta VGA, una HDMI, due USB 2.0, una RJ-45 per la connessione alla LAN, il plug per l'alimentazione elettrica da rete e i classici due jack per Line In e Out. Alloggiate invece sul lato opposto a quello dove sono ospitate le interfacce troviamo altre due porte USB 2.0 protette da uno sportellino, mentre sul fianco principale è presente il pulsante di accensione ed il LED che indica il funzionamento dell'HDD.

Lato posteriore: Troviamo allineate sul retro dell'Edge HD le uscite video VGA e HDMI, due porte USB 2.0, il connettore per la rete Ethernet, il connettore di alimentazione ed i due jack audio da 3,5mm;

Interfacce sul lato posteriore

Lato anteriore: Nascoste dietro uno sportellino gommato, troviamo altre due porte USB 2.0;

USB sul lato anteriore

Lato inferiore: È completamente percorso da una griglia di ventilazione con la sola eccezione del foro d'aggancio della base d'appoggio;

Lato superiore: È interamente occupato da una griglia su cui sbocca la ventola del sistema di raffreddamento.

Griglia di ventilazione


Processore, piattaforma e memoria

Come abbiamo in parte già visto, la piattaforma è basata sull'accoppiata tra la versione dual core della CPU Intel Atom e il sottosistema grafico NVIDIA ION 2. Il processore è l'Intel Atom D510, basato sui nuovi core Pineview-D a 45 nm, un dual core che lavora alla solita frequenza di 1.66GHz ma che, al contrario della precedente generazione Diamondville, ha un die monolitico, ossia con i due core che fanno fisicamente parte di un unico die, mentre prima si trattava semplicemente di due single core affiancati; in ogni caso questa soluzione porta benefici marginali in termini di prestazioni pure, ma contribuisce invece ad abbattere i consumi.

Intel Atom D510, CPUz

La CPU inoltre integra al suo interno anche il controller di memoria e la GPU che però, nel caso in cui la CPU sia accoppiata all'NVIDIA Next Gen ION, non è funzionante, mentre sui netbook è facile trovare il sistema NVIDIA Optimus, in grado di effettuare automaticamente uno switch tra l'IGP integrato e la GPU discreta a seconda dei task che si andranno ad eseguire.

Processore Atom e GPU Nvidia Ion 2

Purtroppo anche i nuovi Pineview, come i precedenti Diamondville, sono caratterizzati da una tecnica di esecuzione di tipo in-order invece che out-of-order come tutte le CPU attuali, soluzione che come sappiamo limita fortemente le prestazioni di tali processori a prescindere dal numero di core e dalla frequenza di lavoro. Il profilo termico di questa CPU prevede un TDP massimo di 13 W che può sembrare superiore a quello delle CPU di prima generazione, ma bisogna tenere presente che questi nuovi core svolgono anche le funzioni precedentemente delegate al northbridge e quindi, diminuendo i componenti, si è in realtà migliorata l'efficienza energetica della piattaforma, che ora è ancora più parsimoniosa.

Poiché le funzioni del northbridge sono ora svolte come detto dal processore, troviamo soltanto un chip di supporto, l'Intel NM10, che viene definito Platform Controller Hub (PCH) e che sostituisce quello che in precedenza era l'ICH. L'NM10 può controllare fino a 8 porte USB 2.0, 2 interfacce SATA, 4 canali PCI Express e la LAN 10/100 (sul nettop Sapphire Edge HD è però disponibile una Gigabit Ethernet grazie alla presenza di un controller dedicato Realtek RTL8168/8111).

Il controller di memoria supporta al massimo 2 GB di memoria DDR3 su singolo canale, ma nel Sapphire Edge HD troviamo come visto un modulo SoDIMM da 2 GB con le seguenti caratteristiche:


Audio e video

L'audio è gestito sempre dal southbridge Intel NM10, che integra un codec compatibile Intel High Definition Audio, capace di gestire fino a 8 canali con una qualità di 192 kHz/32-bit e supporto a tutte le tecnologie Dolby, comprese le più recenti Dolby Pro Logic IIx, che permettono di godere anche di vecchi contenuti stereofonici in modalità surround 7.1.

Per quanto riguarda il sottosistema grafico, come detto troviamo un acceleratore NVIDIA Next Generation ION che, nonostante mantenga il nome del predecessore, è qualcosa di completamente differente. NVIDIA ION di prima generazione infatti era un chipset, mentre ION2 è una semplice GPU dedicata. Il cambiamento di rotta è dovuto al fatto che Intel ha puntato per i nuovi Atom su un'architettura monolitica che, come abbiamo visto, integra insieme CPU, GPU e northbridge. Così, se NVIDIA ION di prima generazione andava a rimpiazzare completamente il chipset, facendo le veci sia di northbridge (controller di memoria e core grafico) che di southbridge (I/O e interconnessioni varie), con i nuovi processori Atom e le piattaforme PineTrail ciò non è più possibile e quindi ION 2 va semplicemente ad aggiungersi al southbridge, svolgendo le sole funzioni grafiche.

Nvidia Ion 2 16 core: GPUz

Per ulteriori approfondimenti vi rimandiamo comunque al nostro speciale su NVIDIA NextGen ION.


Storage

Sapphire ha scelto per l'Edge HD un hard disk Samsung SpinPoint M7E da 250GB a 5400 rpm, dotato di 8 MB di cache e interfaccia dati SATA 3 Gbps. Le prestazioni generali rilevate con HD Tune possono ritenersi buone: il transfer rate di 80.8 MB/s e l'access time di 15.5 ms sono infatti allineati a quanto possono offrire prodotti equivalenti; notiamo solo forse un eccesso di picchi negativi nella curva, ma la cosa probabilmente è dovuta all'esecuzione in background di task generici.

Hard disk Samsung

HDTune

Considerate le dimensioni del nettop di Sapphire, è ovviamente assente un'unità ottica integrata.

Reti

La connettività offerta dall'Edge HD è abbastanza completa, mancando di fatto soltanto l'interfaccia Bluetooth, cosa però comune alla gran parte dei nettop. Sul fronte delle connessioni cablate troviamo invece una Ethernet di tipo Gigabit LAN 10/100/1000 gestita dal controller Realtek RTL8168/8111 su PCI-E, che rende quindi l'Edge adatto anche a essere usato in piccoli uffici per compiti di tipo SOHO, mentre alle connessioni wireless pensa il Realtek RTL8191SU Wireless LAN 802.11n che, come si vede, supporta anche lo standard più recente.

Modulo WiFi 802.11n

La scheda di rete WiFi è posizionata sul lato del PC, immediatamente sotto il pannello anteriore ed è quindi raggiungibile senza dover smontare completamente il telaio. Si tratta di un modulo in formato half-size PCI-Express minicard con due connettori per antenna che teoricamente permetterebbero di sfruttare la tecnologia MIMO in versione 1x2 per migliorare la stabilità e la velocità del collegamento. Purtroppo sul nostro esemplare di prova, abbiamo trovato una sola antenna effettivamente collegata, seppure il nettop sia predisposto per alloggiarne un paio. In questo modo si perdono i benefici della tecnologia MIMO: se doveste riscontrare prestazioni poco brillanti della rete WiFi sul vostro Edge HD, soprattutto se il nettop non è vicino al router o ci sono ostacoli fisici, la ragione potrebbe essere proprio questa; potete risolvere il problema acquistando un'antenna interna per pochi euro.


Consumi e comfort termico

Tramite il nostro test di stress, che simula una condizione costante di full load di processore e memorie per 30 minuti, abbiamo registrato temperature abbastanza contenute: il Sapphire Edge HD infatti non ha mai superato i 68°C per quanto riguarda il processore, mentre l'hard disk si è attestato su una temperatura media di 38 gradi.

Il merito è senza dubbio dei componenti ad alta efficienza impiegati, che condividono lo stesso DNA di quelli comunemente adottati dai netbook. Basta quindi una piccola ventola, collegata mediante una heatpipe di rame al dissipatore che copre processore e scheda video, per livellare la temperatura dentro lo chassis, con un indubbio vantaggio in termini di silenziosità operativa. Questa caratteristica rende l'Edge HD un prodotto perfetto per la riproduzione di film in HD nel salotto di casa o anche di musica, non essendo l'audio disturbato da eventuali vibrazioni che possano trasmettersi dalla ventola al telaio.

Sistema di raffreddamento

Temperature


Test

Intel ha concepito i processori Atom con l'obiettivo di realizzare CPU efficienti, adatte alla fruizione di contenuti tramite dispositivi a basso costo e di facile trasportabilità e per fare ciò ha dovuto ovviamente rinunciare alla pura potenza di calcolo. Abbiamo visto infatti come l'architettura in-order degli Atom ne limiti le prestazioni generali per contenere al massimo i consumi.

Alla luce di quanto detto e di quanto già sappiamo dai nostri passati test di piattaforme simili è normale che i risultati dei benchmark siano modesti e del resto tali piattaforme sono adatte a svolgere i compiti più diffusi nell'utenza media, ma bisogna ricordare che ovviamente non possono soddisfare chi ha esigenze differenti e deve svolgere task power demanding, come la creazione di contenuti o la fruizione di videogiochi.

Il punteggio sintetico restituito dall'indice di Microsoft Windows 7 è comunque leggermente più elevato rispetto alla media di tali piattaforme, grazie soprattutto agli score migliori ottenuti dalle RAM e dal sottosistema grafico NVIDIA.

Indice delle prestazioni di Windows

Guardando i risultati di SuperPi e 7Zip non possiamo che ottenere conferme di quanto già sappiamo: ovviamente nel caso di SuperPi, trattandosi di un benchmark single-threaded, non risaltano le qualità della nostra CPU Atom dual-core, viceversa con 7Zip il vantaggio delle soluzioni dual core (che raddoppiano diventando 4 core logici grazie alla tecnologia Hyperthreading) si misura in un 35/40 % rispetto ad un Atom single-core. 

Superpi

7zip

I 2022 punti ottenuti nel benchmark sintetico di sistema PCMark Vantage ribadiscono ancora una volta quanto detto in apertura: i sistemi dotati di piattaforme Intel Atom, specialmente se accoppiate a sottosistemi grafici più potenti come nel caso dello NVIDIA Next Gen ION, se la cavano piuttosto bene per quanto riguarda lo svolgimento dei compiti quotidiani e la riproduzione di contenuti multimediali, ma non possono certo essere impiegati per svolgere task più impegnativi.

PCMark Vantage

Viceversa le buone prestazioni garantite dal sottosistema grafico NVIDIA risultano chiare dai punteggi ottenuti nei test di gioco, sia col 3DMark 2006 che con 3D MarkVantage: rispetto al chip IGP ION di prima generazione (basato su chip NVIDIA 9400M), NVIDIA Ion 2 può godere di un quantitativo di memoria DDR3 dedicata maggiore (512 MB) e di frequenze di lavoro superiori (535 MHz per la GPU, 790 MHz per le memorie e 1230 MHz pergli shader). Con il Sapphire Edge HD non avremo dunque alcuna difficoltà nel riprodurre filmati in HD fino a 1080p, cosa tuttora impossibile con le normali piattaforme Intel Atom dotate di IGP Intel.

3DMark06

Le differenze in termini di prestazioni grafiche fra i due sistemi NVIDIA Ion 2 si spiegano facilmente: Sapphire e Shuttle hanno fatto scelte di fondo differenti, preferendo la prima la versione con 16 CUDA core del chip NVIDIA Ion 2, mentre la seconda ha optato per la variante da 8 CUDA cores. Il nettop di Sapphire consente quindi anche di giocare 3D, mentre quello di Shuttle si limita ad assicurare la riproduzione multimediale in Alta Definizione con il vantaggio di disporre di un raffreddamento totalmente passivo, senza ventole (fanless).

3DMark Vantage


Considerazioni finali

Sapphire è al debutto in questo segmento di mercato, se vogliamo molto distante dal suo core business, basato sulla componentistica hardware, come schede madri e video. Qui infatti si tratta di offrire un prodotto finito che come tale dev'essere valido sotto diversi punti di vista, perché deve avere prestazioni adeguate al target di mercato cui si rivolge, ma anche avere una realizzazione valida e un aspetto curato. Non era facile dunque fare centro al primo tentativo, ma Sapphire c'è perfettamente riuscita con Edge HD.

La piattaforma la conosciamo bene ed è in grado di accontentare gli utenti generici che da un computer non cercano altro che la possibilità di navigare, consultare mail, archiviare foto e filmati, svolgere il consueto lavoro d'ufficio e visionare film, magari anche in HD. Tutto questo, come mostrato nei test, è perfettamente possibile con tale piattaforma, anche grazie alla presenza del sottosistema grafico NVIDIA NextGen ION. I nuovi processori Intel Atom D510 Pineview-D inoltre permettono un ulteriore abbassamento dei consumi e, di conseguenza, una riduzione della dissipazione termica, a tutto vantaggio della silenziosità d'esercizio, che rappresenta una qualità apprezzata sia in ambito domestico sia in ambito SMB.

Sapphire Edge HD senza pannello frontale

Ricordiamo inoltre che Sapphire ha pensato di non dotare l'Edge di alcun sistema operativo preinstallato, in modo da lasciare la massima libertà di scelta all'utente finale. Preinstallato infatti troveremo soltanto un OS a linea di comando molto semplice e gratuito, FreeDOS appunto, che serve soltanto per il primo avvio della macchina.

Panoramica sui componenti del nettop Sapphire Edge HD

Sapphire ha pensato anche all'estetica e infatti il design dell'Edge HD è curato e gradevole, con linee pulite ed essenziali che mettono in risalto la compattezza dei volumi. L'Edge HD non ha così paura di sfigurare neanche accanto ad altri dispositivi hi-tech e, grazie alla sua sobrietà, è anzi in grado di occupare un posto di prima fila in ogni ambiente.

Tutto questo è offerto da Sapphire a un prezzo ufficiale di 330 € IVA inclusa, che sarebbe già molto interessante di suo e del tutto allineato al costo di prodotti analoghi, tuttavia basta fare una breve ricerca in Rete per reperirlo a prezzi ancora più contenuti, intorno ai 280 €, che fanno quindi del Sapphire Edge HD un must have per tutti quegli utenti che vogliono contenere le spese e acquistare un prodotto dalle prestazioni equilibrate e dalla realizzazione impeccabile.

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Aprile 2011 12:58