Recensione del tablet Ergo Tabula

Recensione del tablet Ergo TabulaIl tablet Ergo Tabula è uno dei primi slate dotati di Windows 7 a giungere sul nostro mercato. Una piattaforma hardware diversa dal solito e l’ottimo display ne fanno un prodotto di sicuro interesse.

Com'era prevedibile, dopo un momento di esitazione di fronte al debutto del primo tablet targato Apple, man mano tutti i produttori del mondo PC sono scesi nell'arena con qualche modello simile per cavalcare anch'essi l'onda del successo di questo nuovo formato. Tuttavia un tablet è qualcosa di specifico, composto dall'accoppiata tra un determinato form factor e un sistema operativo sviluppato ad hoc e che offre un'esperienza d'uso molto diversa da quella possibile sui normali portatili. La formula proposta da Apple sta infatti risultando vincente soprattutto per un uso in ultramobilità, in cui l'accento non cade tanto sulla produttività ma su tutto quanto può andare sotto l’etichetta del tempo libero.

Sulla stessa strada di un sistema operativo progettato espressamente per i tablet si sono incamminati anche gli altri produttori, ma con scelte di fondo variegate: qualcuno si è affidato ad Android 3.0, qualcun altro aspetterà l'arrivo di Meego, altri ancora hanno deciso di costruirsi il proprio OS, come HP con WebOS, e qualcuno pazienterà fino al 2012 per Windows 8. Nell'attesa della prossima release del sistema operativo di Microsoft, che si preannuncia come fortemente incentrata sui tablet, la divisione OEM della Casa di Redmond ha ottimizzato Windows 7 per l'impiego su quella particolare tipologia di tablet che chiamiamo "slate PC".
Il tablet di cui parleremo in questa recensione ricade proprio in quest'ultima categoria ed è prodotto da Ergo, azienda italiana presente sul mercato dei portatili da venticinque anni, tra i primi brand a debuttare in questo segmento merceologico.

Ergo Tabula

Ergo Tabula è stato presentato per la prima volta allo SMAU 2010 ed è basato sul concept che Pegatron aveva portato al CES 2010. Alla versione da 11.6", come l'esemplare giuntoci in redazione, si sono affiancati nel corso degli ultimi mesi i modelli da 7" e 10,1". Focalizzandoci sul nostro Ergo Tabula da 11 pollici, si tratta di un prodotto molto ben realizzato, con guscio in lega di magnesio, rivestimento gommato per una miglior impugnatura e schermo frameless di tipo capacitivo a due punti di contatto.

Componenti del Tabula

Molto ricca, come vedremo meglio più avanti, la dotazione di porte, che comprende anche un'uscita Mini-HDMI per trasmettere i flussi video HD a un display esterno più grande. Ergo Tabula usa un processore Intel Atom N450, single core a 1.66 GHz, mentre il resto della piattaforma è molto flessibile. A seconda del quantitativo di RAM, della quantità di memoria di massa e della tipologia di connessioni il costo dei modelli spazia infatti dai 499 € dell'entry level agli 828 € della configurazione più completa.


Caratteristiche tecniche

Per essere un tablet, Ergo Tabula può contare su una piattaforma hardware interessante, molto vicina a quella dei comuni netbook e per certi versi anzi superiore, che dovrebbe quindi assicurare allo slate prestazioni molto buone in ambito home e intrattenitivo. Troviamo infatti:

Unboxing

Per quanto riguarda packaging e bundle, avendo ricevuto in redazione una confezione provvisoria, non possiamo documentare l'unboxing. Potrete comunque saperne di più guardando il video della nostra anteprima:


Design e impressioni generali

Ergo Tabula è molto curato, sia dal punto di vista realizzativo che estetico. La qualità generale e l’eleganza suggerita dalle linee morbide, con gli angoli arrotondati, il display frameless e il profilo sottile, è infatti confermata anche nella scelta dei materiali, che vedono l'adozione della lega di magnesio per la scocca, rivestita sul retro da un sottile strato gommato che ne migliora il grip ed evita il formarsi di spiacevoli ditate.

La lega di magnesio inoltre ha permesso di mantenere contenuto il peso nonostante offra una buona solidità. L'Ergo Tabula dunque ha un design compatto e, con uno spessore di appena 14 mm, supera solo di poco l'iPad di Apple. Le misure, per il modello con diagonale di 11.6", sono dunque di 288 × 190 × 14 mm, con un peso di 890 g nella versione più completa, dotata anche di modulo 3G. La scocca è interamente di colore nero mentre la faccia superiore è costituita per intero dalla superficie frameless del display, con finitura lucida.

Desing del tablet Ergo

L'estetica è sobria ed elegante e si fa apprezzare in particolare per la sua semplicità e pulizia. I bottoni ci sono ma sono completamente mimetizzati nello chassis: il pulsante d'accensione è posizionato sul fondo mentre il tasto di selezione è sostituito da un pulsante a sfioramento collocato nell'angolo superiore sinistro dello schermo. Il rivestimento del display nasconde anche al suo interno la webcam frontale ed il sensore di luminosità ambientale.

Fondo gommato su Ergo Tabula


Interfacce

La dotazione di porte è molto ricca e decisamente superiore a quella proposta in media da prodotti equivalenti. Troviamo infatti un connettore per l'alimentazione elettrica, una porta mini-HDMI a cui accennavamo in apertura, due porte USB 2.0, un jack Line Out per collegare cuffie o speaker, uno slot per SIM e uno per memorie di tipo SD. Sul fondo troviamo unicamente il pulsante di accensione, retroilluminato da LED blu.

Lato inferiore: Ospita le griglie dietro cui sono alloggiati i due altoparlanti e il connettore per il collegamento alla docking station;

Altoparlanti e connettore per docking station

Lato sinistro: Tutte le porte sono raggruppate su questo versante; partendo dalla parte superiore, notiamo il connettore di alimentazione, una uscita mini-HDMI, due porta USB 2.0 standard (opzionalmente anche in versione USB 3.0), un jack audio da 3,5mm, lo slot del card reader e quello della SIM card;

Porte sul lato sinistro del tablet Ergo

Lato destro: È completamente privo di interfacce;

Lato superiore: Ospita una griglia su cui sbocca il sistema di raffreddamento.

Griglia di ventilazione sul lato superiore del Tabula


Piattaforma, processore e memoria

Come in parte già anticipato, la piattaforma hardware del tablet Ergo è molto interessante e presenta alcuni elementi di novità rispetto a quella dei classici netbook.
Come processore troviamo l'Intel Atom  N450, un single core basato su architettura Pineview a 45 nm che lavora alla frequenza di 1.66 GHz. Purtroppo anche i nuovi Pineview, come i precedenti Diamondville, sono caratterizzati da una tecnica d'esecuzione di tipo in-order invece che out-of-order come tutte le CPU moderne, soluzione che come sappiamo limita fortemente le prestazioni di tali processori a prescindere dal numero di core e dalla frequenza di lavoro, pur consentendo un notevole risparmio in termini di consumi.

Il profilo termico di questa CPU prevede, infatti, un TDP massimo di appena 5.5 W, un rrisultato eccellente considerando che questi nuovi core svolgono anche le funzioni precedentemente delegate al northbridge e alla GPU.

Componenti interni del tablet Ergo Tabula

Il controller di memoria integrato nell'Atom N450 supporta al massimo 2 GB di memoria DDR2 su singolo canale e infatti all'interno dell'Ergo Tabula troviamo un modulo SoDIMM da 2 GB con le seguenti caratteristiche:

Aprendo il retro dell'Ergo Tabula e accedendo all’interno una cosa interessante da notare è la presenza di ben quattro slot di tipo PCI-Express mini card, di cui due full size, uno half size ed uno interfacciato SATA, che consentono di dotare il Tabula di modem 3G HSDPA, chip di decodifica hardware Broadcom Crystal HD e ricevitore GPS, assicurando quindi a questo slate un'invidiabile flessibilità e capacità d'espansione.


Audio e video

L'audio è gestito dal CODEC Realtek ACL269 integrato direttamente nel PCH. Si tratta di una soluzione standard per gli ultraportatili in genere, che risponde alle specifiche High Definition Audio di Intel e al Windows Logo Program 3.10 e garantisce una riproduzione audio adeguata a un tablet, con un consumo energetico contenuto.

Ergo Tabula dispone inoltre di due altoparlanti da 1,5W posizionati ai bordi del lato inferiore, che assicurano un suono stereo sufficientemente potente per guardare un film, e di un microfono integrato appaiato alla webcam frontale da 1,3MP.

Per quanto riguarda invece il sottosistema grafico, l'Atom N450 è dotato del ben noto Intel GMA 3150. Qui troviamo però anche una novità significativa che distingue l'Ergo Tabula da altri prodotti analoghi. Sappiamo infatti che l'IGP di Intel non è dotato di un motore di decodifica dei formati video compressi di ultima generazione, delegando questa funzione alla CPU. Quest'ultima però riesce ad esprimere performance sufficienti per la riproduzione di video a 720p ma va irrimediabilmente in crisi con quelli Full HD a 1080p.

Acceleratore Broadcom Crystal HD

Ergo ha intelligentemente superato questo limite intrinseco dei processori Atom PineView, inserendo nella configurazione un modulo Broadcom Crystal HD su scheda PCIE minicard in formato half-size, che si prende carico della decodifica dei formati video compressi, tra cui anche il pesante H.264, in modo da eliminare completamente i fastidiosi rallentamenti e blocchi nella riproduzione di video HD. Il modulo Broadcom supporta anche l'uscita HDMI, permettendo di utilizzare il Tabula come sorgente video per un televisore HD esterno.

Il monitor è un LCD da 11.6 pollici di diagonale, caratterizzato da una risoluzione di 1366 x 768 pixel. Lo schermo è di tipo multitouch capacitivo, anche se limitato a due punti di contatto, per cui le gesture supportate saranno solo quelle a una o due dita, comunque sufficienti per assicurare una buona interazione con i software e il sistema operativo. Il display è molto riflettente, ma grazie alla buona retroilluminazione non è troppo difficile utilizzarlo anche all'aperto, avendo semplicemente cura di non essere in piena luce.

Da Millenium, il tool che si occupa di gestire alcune features del tablet, tra cui i sensori, è possibile attivare il sensore di luminosità ambientale, utile per regolare automaticamente l'intensità dei LED di retroilluminazione dello schermo, risparmiando batteria. Lo stesso tool permette di intervenire sull'accelerometro a 3 assi che permette di ruotare l'orientamento del desktop in base alla rotazione del device.

Sensori e Millenium


Hard disk

L'Ergo Tabula fa uso di un'unità di massa di tipo SSD: una scelta quasi obbligata per uno slate e ovviamente rivolta non tanto alle prestazioni pure quanto a contenere lo spessore e il consumo energetico. Un'unità SSD infatti assorbe meno di un HDD, garantendo così maggiore autonomia al dispositivo, ed occupa molto meno spazio, eprmettendo di ottenere un tablet più sottile.

Nello specifico, la scelta è caduta su una scheda SanDisk pSSD di seconda generazione, modello SDSA3DD-032G, nel formato PCI-E minicard full-size, su interfaccia mSATA. È una soluzione tecnica recente anche se durante il MWC 2011 di Barcellona Sandisk ha presentato i chip iNAND che equipaggeranno le prossime generazioni di tablet.

SSD mSATA SanDisk

Le prestazioni ottenute in HDTune sono molto simili a quelle che possono essere misurate su un netbook che fa uso di un hard disk da 5400 rpm, tranne che nell'andamento della curva, molto più omogeneo per un SSD ovviamente, anche se qui assistiamo a un'oscillazione un po' accentuata, probabilmente a causa di qualche programma in esecuzione in backend. Il tutto però è compensato da un tempo di accesso ai dati nettamente inferiore a quello di un HDD, a prescindere dalla velocità di rotazione dei suoi piattelli.

HDTune

Reti

Il comparto networking, rigorosamente wireless, è molto completo e propone, a seconda delle configurazioni scelte, una gran quantità di interfacce. Di base c'è ovviamente la Wireless LAN 802.11n e il Bluetooth 2.1+EDR, ma si può scegliere di avere anche l'A-GPS e la connettività 3G di tipo HSUPA/HSDPA/UMTS.

Il nostro Ergo Tabula monta una scheda Atheros AR9002WB-1NG con due antenne e Bluetooth 2.1+EDR integrato. Si tratta infatti di una scheda che combina sullo stesso PCB un chip AR9485 per la WLAN WiFi e un chip AR3012 per il Bluetooth, permettendo di risparmiare spazio e lasciando uno slot PCIE minicard libero. Gli utenti potranno decidere di sfruttarlo per installare successivamente un modem 3G, con la massima semplicità grazie alla predisposizione di un lettore di SIM card, oppure potranno optare per il modello 3G di Ergo Tabula che dispone di modulo combo A-GPS/HSPA preinstallato.

Modulo combo Wifi-Bluetooth di Atheros

Slot PCIE minicard libero

Atheros assicura che il chip Bluetooth AR3012 è upgradabile via software fino alla versione 4.0+HS.


Software

Notevole la dotazione software dell'Ergo Tabula. Il sistema operativo come detto è Microsoft Windows 7, in versione Home Premium o Professional, ottimizzato quanto possibile nei consumi, come ci era stato spiegato dai responsabili della divisione OEM di Microsoft a SMAU 2010, pur ricordando doverosamente che tale OS non nasce per questo tipo di prodotti.

Troviamo poi una utility chiamata Millenium, facilmente avviabile dalla task bar, che gestisce il sensore di luminosità ambientale, le connessioni wireless e l'accelerometro 3D  integrati nel Tabula. Tramite quest'ultimo in particolare sarà possibile visualizzare desktop e applicazioni sia nei formati portrait (verticale) che landscape (orizzontale), a seconda di come orienteremo il Tablet.

Se non si dovesse poi necessitare delle feature più complesse di Windows 7 e si volesse invece un'interazione più immediata col dispositivo è possibile avviare un'interfaccia utente sviluppata ad hoc e chiamata BossaNova 2 tramite un doppio click sul pulsante a sfioramento posto nell'angolo superiore sinistro. BossaNova è organizzata in tab disposte verticalmente a sinistra, con un'area più ampia dedicata alle singole applicazioni sulla destra. C'è anche la possibilità di cambiare visualizzazione passando ad una modalità widget.

BossaNova 2

Si può così accedere rapidamente al browser di navigazione piuttosto che a Twitter o altri social network, a una galleria di immagini, a un player video o audio e così via. L'interfaccia è stata disegnata appositamente per l'interazione con i pollici quando si impugna il tablet con entrambe le mani ed è totalmente configurabile, consentendo di aggiungere altre applicazioni di nostra scelta.

Tra le applicazioni appositamente sviluppate per i tablet e fruibili tramite Windows 7 c'è poi anche un'altra interessante GUI, sviluppata da Mirabyte e chiamata FrontFace, che si presenta con una dockbar laterale su cui sono ospitate le icone di alcune applicazioni più comuni e da cui è anche possibile accedere a un menù organizzato per categorie, che raccoglie invece tutti i programmi. Anche FrontFace offre un proprio desktop su cui possono essere collocate diverse applet.

Mirabyte Frontface

Dovrebbero inoltre essere resi disponibili a breve i primi giochi per Windows, come ad esempio gare automobilistiche o simulatori di volo, che si avvantaggeranno della presenza dell'accelerometro 3D per i comandi.


Consumi e comfort termico

Ergo Tabula è alimentato da una batteria ai polimeri di Litio a 2 celle con una capacità di 4800 mAh. Come su molti altri tablet, la batteria è interna, quindi non removibile dall'esterno, tuttavia non è inaccessibile: basta svitare due viti e far scorrere il display del Tabula per guadagnare l'accesso alla batteria ed agli altri componenti interni del portatile.

Per rilevare i consumi abbiamo utilizzato il benchmark MobileMark 2007 di Bapco nel consueto scenario Reader, che permette di simulare una condizione costante di idle attraverso la lettura di documenti in formato .pdf. L'autonomia dell'Ergo Tabula è risultata molto buona a nostro avviso, attestandosi attorno alle 3 ore e mezza. Il produttore dichiara fino a 5 ore, ma la differenza si giustifica in massima parte, come sempre, con la diversa regolazione della luminosità del display durante il nostro test. Ricordiamo infatti che i nostri test di batteria sono effettuati attivando tutte le opzioni di risparmio energetico, tranne quelle che pregiudicano il massimo comfort d'uso del device.

Batteria ai polimeri di Litio e sistema di raffreddamento

Il processore Intel Atom N, per quanto altamente efficiente, tuttavia ha una dissipazione termica superiore ai SoC ARM-based montati su altri tablet. Da qui la necessità di implementare un sistema di raffreddamento attivo, composto da una larga piastra di rame che copre processore e PCH e che termina con una ventola che ha il compito di espellere all'esterno il calore prodotto. Il dissipatore è più ampio di quello montato abitualmente sui netbook a causa dello spessore sottile del Tabula ed assolve bene il suo compito, permettendo al tablet di mantenere temperature accettabili senza pregiudicare il comfort acustico.


Test

Il punteggio sintetico restituito dall'Indice delle Prestazioni di Microsoft Windows 7 può sembrare forse un po' basso, visto che si basa sul punteggio minore ottenuto dai singoli componenti presi in considerazione, in questo caso il processore Intel Atom N450, che ottiene appena 2.5. Questo però non deve trarre in errore portando a conclusioni affrettate: l'Ergo Tablet, grazie anche ai 2 GB di RAM di cui è dotato, riesce a gestire in maniera accettabile Windows 7 ed i suoi programmi, senza rallentamenti eccessivi o blocchi di vario tipo.

Indice delle prestazioni di Windows

La possibilità di eseguire lo stesso software che siete abituati ad usare sul vostro notebook è un vantaggio non indifferente, che però richiede un sacrificio in termini di reattività: la fluidità non è elle migliori anche se l'esperienza d'uso nel complesso è buona.

Il test SuperPi, che misura le prestazioni della CPU, segna un tempo di 1 minuto e 29 secondi per il test da 1M, che salgono fino a 7 minuti e 10 secondi per il test da 4M. Si tratta di tempi tutto sommato allineati a quelli ottenibili con altre piattaforme equivalenti.

Superpi

Abbiamo già detto invece delle ottime prestazioni ottenibili nel riprodurre filmati in HD fino a 1080p, cosa praticamente impossibile da ottenere con le normali piattaforme Atom dotate di IGP Intel. Grazie infatti alla presenza del chip Broadcom Crystal HD, che si incarica della decodifica hardware dei formati video compressi, l'Ergo Tabula può offrire capacità del tutto simili a quelle messe ad esempio a disposizione da sistemi che fanno uso dell'NVIDIA ION 2, ma con consumi e ingombri ben differenti da quelli di un netbook.


Conclusioni

Ergo Tabula trova i suoi indubbi punti di forza sia nell'ottima realizzazione tecnica che nel display adottato e nella disponibilità di porte e connessioni wireless. L'uso di una scocca in lega di magnesio e di uno schermo frameless all'interno di un design fatto di linee morbide e pulite non possono infatti non essere degni di apprezzamento, così come il display, dotato di una buona brillantezza unita a colori vividi e soprattutto di touch capacitivo.

Tra le interfacce di I/O disponibili, la presenza di due porte USB e della mini HDMI fanno poi la differenza, permettendo ad esempio di collegarsi a più dispositivi esterni senza l'adozione di docking station e addirittura di poter visualizzare video HD su display esterni più grandi. A questo va aggiunta la completa dotazione wireless offerta che vede affiancati, oltre al WiFi 802.11n, anche Bluetooth, 3G HSDPA e A-GPS (opzionali).

Telaio del tablet Ergo Tabula

Nonostante poi la presenza di un sistema operativo non sviluppato per questo genere di dispositivi come Windows 7, Ergo Tabula mantiene comunque una buona autonomia, grazie anche alla piattaforma hardware davvero molto parca in fatto di assorbimento energetico. Aggiungiamo la capacità di gestire flussi video in HD grazie all'integrazione del chip Broadcom per la decodifica dei formati video compressi, operazione solitamente preclusa alle piattaforme Atom based e otterremo uno slate molto interessante.

A fronte di tutto ciò il prezzo base di 499€, che sale a 699€ per la versione 3G ed a 729€ se si sceglie la versione Professional di Windows 7 in luogo della Home Premium, può sembrare un po' elevato. Bisogna ricordare però che si tratta di un dispositivo al momento unico sul mercato, versatile, con un display ad alta risoluzione ed in grado di eseguire le comuni applicazioni per Windows. È comunque facile prevedere che nel corso dell'anno il costo possa livellarsi verso il basso, divenendo accessibile a fasce di utenza ancora più ampie. Anche ora comunque l'Ergo Tabula resta indubbiamente una soluzione molto interessante ed appetibile.

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Aprile 2011 12:45