Nvidia: scheda grafica esterna per notebook

Nvidia: scheda grafica esterna per notebookNvidia crede in un progetto che vede protagonista una scheda video esterna per sistemi portatili. E' in preparazione in una nuova generazione di schede grafiche esterne? Vediamone i dettagli.

Questo è un momento molto importante per l’implementazione del comparto grafico soprattutto sui sistemi portatili. Ne è un esempio Intel che, con il nuovo chip GMA600, intende offrire migliori prestazioni rispetto al passato a fronte di consumi contenuti. Ma anche AMD, con la nuova architettura Fusion promette rivoluzionari passi in avanti. La risposta di Nvidia non si è fatta certo attendere. Come dichiarato da Rene Haas, General Manager della divisione notebook di Nvidia, l’azienda ha intenzione di proporre soluzioni agili e performanti in grado di competere e contrastare le rivali di sempre.

Nvidia GeForce GTX 480M Fermi

Tra i vari progetti allo studio del produttore, spicca anche una soluzione grafica esterna, appositamente studiata per affiancare sistemi mobili. Trattandosi di una scheda alimentata separatamente, l’autonomia del portatile non soffrirà da questo punto di vista mentre, nel contempo, le prestazioni potrebbero essere particolarmente interessanti considerando che non si avranno vincoli progettuali tipici di sistemi integrati. Nvidia non è la prima azienda a proporre una soluzione del genere: in passato AMD ha presentato Lasso (meglio conosciuta come ATI XGP), una scheda video esterna che, nonostante tutto, non ha ottenuto il successo commerciale sperato, soprattutto a causa dell’impiego di un connettore poco diffuso e del prezzo non troppo abbordabile.

Probabilmente, analizzando gli “errori” precedenti, Nvidia spera di mettere a punto una soluzione appetibile e dalla facile distribuzione, invogliando gli utenti con prestazioni al di sopra della media e dal fattore portabilità. Una scheda video esterna potrebbe essere una scelta vincente per tutti coloro che desiderano vivere il proprio sistema portatile come un desktop, ottenendo tutte le prestazioni necessarie per affrontare titoli di ultima generazione con uno sguardo rivolto ad un futuro upgrade, senza dubbio più semplice e concreto rispetto a quello da prevedere per l’aggiornamento di un controller integrato.

Ovviamente, il produttore dovrà porre attenzione al prezzo di vendita in modo da rendere competitiva questa soluzione, nonché alla scelta di un connettore che ne consenta l’utilizzo su tutti i sistemi mobili attuali e futuri.