Firefox 4.0, primi test

Firefox 4.0, primi testCon Firefox 4.0, Mozilla promette un browser rinnovato nell'interfaccia grafica, più leggero e veloce nella navigazione Internet, ma la prima beta sembra deludere nelle prestazioni.

Da circa due mesi, Firefox detiene il 24% delle quote di mercato. In classifica, il browser Mozilla compete con Chrome al 7%, che cresce senza sosta, e Microsoft con il suo Internet Explorer 8, fermo al 60%. Ma Firefox, da sempre sinonimo di velocità e reattività, non è più così competitivo rispetto a Chrome, Safari ed Opera. Con la prima beta disponibile da martedì scorso, Mozilla rivede il suo navigatore Web soprattutto graficamente, ma le prestazioni?

Firefox 4.0 di Mozilla

I nostri colleghi francesi hanno deciso di testare Firefox 4.0 beta 1 su un computer portatile dotato di Windows 7 (le versioni Mac e Linux dovranno aspettare qualche settimana prima di vedere integrati i nuovi elementi grafici), 2GB di memoria RAM e WiFi. Ricordiamo che il browser in esame è ancora in fase di testing, e la versione definitiva è attesa per la fine del 2010. Per chi volesse conoscere l'elenco completo delle novità e delle funzionalità introdotte dalla nuova release di Firefox, consigliamo la lettura di questo articolo.

Il nuovo design di Firefox sembra la sintesi di Chrome e Opera. Il minimalismo, l'essenzialità delle linee, non è solo gradevole alla vista ma lascia più spazio alla navigazione. Le tab passano di default sulla barra degli indirizzi (questo aspetto ha sollevato polemiche), ma Mozilla prevede anche il ripristino del layout classico. Le voci del menù scompaiono lasciando il posto ad un unico grande pulsante in alto a sinistra "Firefox", accompagnato sulla destra da uno dedicato ai Preferiti. Al momento non vi è una sincronizzazione dei due pulsanti, anche se è prevista in versione finale, così come manca la gestione delle estensioni.

Le schede non sono raggruppate per colore, come avviene su IE8, ma in compenso vi è una piacevole novità nel campo URL: scrivere le prime lettere di un indirizzo Web già visitato porta l'internauta direttamente alla pagina desiderata. Firefox 4 è maggiormente compatibile con la prossima versione del linguaggio Web, HTML 5. Mozilla adotta il codec open-source WebM di Google, e non H.264 privilegiato da Apple Microsoft, e realizza un meccanismo di protezione contro i crash, soprattutto quelli dovuti a Flash.

Adesso parliamo di velocità. Se provate ad installare Fireofx 3.6.6 noterete quanto sia lento il suo avvio, che tende a rallentare ulteriormente con l'installazione di estensioni. A confronto, Chrome è una scheggia. Firefox 4 fa un passo nella giusta direzione, migliorando le sue prestazioni anche se non sono ancora ai livelli del browser di Google. Senza sorprese, consuma globalmente meno risorse di Chrome (160MB di memoria RAM per 8 tab aperte contro 250MB del suo concorrente, che utilizza un processo per scheda per una migliore stabilità).

Le prestazioni sono state senza dubbio compromesse dall'assenza del nuovo motore Javascript, ma al momento Firefox 4.0 non porta miglioramenti rispetto a Firefox 3.6. Ed ora veniamo ai test pratici, in particolare al tempo di caricamento della pagina Web. In gara vi sono i browser Web più utilizzati attualmente (Firefox 4, Fireofx 3.6, IE8 e l'ultima beta di Crome) alle prese con alcuni siti Internet, YouTube, Wikipedia, Facebook e Yahoo Mail. I navigatori sono stati installati e ripuliti da qualsiasi estensioni. Per ciascuno sono stati registrati sette tempi, elimando i due più estremi. I risultati sono i seguenti (tempo medio):