Lenovo abbandona il formato 4:3 per i suoi notebook

ImageL'azienda cinese ha deciso di ritirare dal mercato la serie di computer portatili ThinkPad T61 da 14 pollici, dotata di display con formato 4:3. La stessa sorte potrebbe toccare ai ThinkPad X61, completando la definitiva migrazione al widescreen.

Negli ultimi anni il settore notebook è stato teatro di una trasformazione massiva del rapporto di forma per i display, passando dal classico 4:3, al formato panoramico widescreen con aspect ratio 16:10 e, in tempi recentissimi, ai display 16:9 da 16 e 18 pollici. Si è trattato di un mutamento graduale ma estremamente rapido, che ha interessato inizialmente i portatili consumer per poi estendersi a tutto il segmento mobile (e si sta diffondendo rapidamente anche ai monitor per PC), dai dispositivi ultraportatili tascabili come i MID e gli UMPC, fino alle piattaforme multimediali da 17 e 20 pollici.

I pannelli LCD panoramici con rapporto di forma 16:10 hanno accolto immediatamente il favore del pubblico, anche se alcuni nostalgici sono rimasti legati al classico aspect ratio da 4:3. Lenovo è una delle ultime aziende che ancora offre alcune linee di laptop con il vecchio formato, perché erede della rigorissima tradizione IBM ThinkPad.

Image 

Electronista riferisce che anche il produttore cinese ha deciso di adeguarsi alle esigenze del mercato: Lenovo, infatti, ha rimosso dal listino i modelli della serie ThinkPad T61 con schermo da 14 pollici in formato 4:3, e probabilmente non passerà molto tempo prima che analoga sorte tocchi alla serie Lenovo ThinkPad X61 di Tablet PC convertibili, che saranno presumibilmente sostituiti dai nuovi ThinkPad della serie X , recentemente annunciati.

Ricordiamo che nel mese di novembre 2007, Lenovo ha abbandonato il brand storico IBM, per cui la "conversione" al formato widescreen potrebbe rappresentare l'ultimo episodio di un processo di avvicendamento cominciato mesi fa. Il lancio in pompa magna dei nuovi Acer Gemstone Blue con rapporto di forma cinematografico da 16:9, inoltre, può aver spinto l'azienda cinese a d accelerare la transizione.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 22 Aprile 2008 12:44