Italiani esposti ai rischi del cybercrimine

Italiani esposti ai rischi del cyber crimineSecondo un recente studio pubblicato dall'Osservatorio Cermes Bocconi e Affinion International, gli italiani sono indifesi (anzi mal protetti) contro i pericoli della Rete. Servono contromisure!

L'ultimo rapporto pubblicato dall'Osservatorio Cermes Bocconi e Affinion International, intitolato "La difesa dei dati personali nel mondo online e offline", fa nascere qualche piccola preoccupazione su Internet e sull'espansione (ormai incontrollata) del cybercrimine, soprattutto in Italia. Lo studio è stato condotto su un campione di 1000 persone, con età compresa tra i 18 e i 75 anni. L'unico obiettivo del lavoro era sapere se "il consumatore italiano protegge davvero le proprie informazioni o sono necessarie delle contromisure/tecniche per proteggere i propri dati".

Cybercrimine

Il rapporto mette in evidenza più categorie di italiani, divise per fasce d'età, zona di residenza e sesso.

E voi a quale categoria appartenete?

Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Novembre 2013 17:38