Home News Microsoft: il prossimo Windows sarà uno e trino!

Microsoft: il prossimo Windows sarà uno e trino!

Microsoft: il prossimo Windows sarà uno e trino!Il CEO Microsoft, Satya Nadella, intervenuto durante la conferenza stampa aziendale per la comunicazione dei risultati finanziari trimestrali, ha confermato che in futuro tutte le principali versioni di Windows, compreso Windows Phone, confluiranno in un unico sistema operativo, adatto agli schermi di tutte le dimensioni e orientamenti.

"Microsoft semplificherà la prossima versione di Windows, passando da tre sistemi operativi a un unico OS convergente": a spiegarlo è stato lo stesso Satya Nadella, fresco CEO Microsoft, intervenuto per l'occasione durante la conferenza stampa in cui tradizionalmente si comunicano e analizzano i risultati finanziari aziendali del trimestre precedente. Nadella ha anche specificato che ciò significa che ci sarà "un solo sistema operativo per i display di tutte le dimensioni".

Satya Nadella di Microsoft

L'annuncio in sé potrebbe sembrare non contenere nulla di nuovo, in quanto già da almeno un anno si parla della necessità di far confluire Windows e Windows Phone in un'unica soluzione, ma qui ci sono almeno due novità fondamentali. Anzitutto, rispetto al passato non si parla di unificare semplicemente Windows RT e Windows Phone, ma di creare un unico sistema operativo al posto dei tre attuali, ossia Windows (sia in versione x86 che RT), Windows Phone e l'OS della Xbox. Questo non esclude che in futuro ci saranno ancora versioni differenti, ad esempio una versione base, una Pro, una Ultimate etc. ma che, al di là delle etichette, ci sarà un solo sistema operativo, che funzionerà dallo smartphone al desktop, passando per la console, il tablet e il notebook.

In precedenza, quando c'era Steve Ballmer, Microsoft aveva provato a sposare la strategia di Apple, di avere cioè due OS separati, uno per il mondo ultramobile, smartphone e tablet, e uno per tutto il resto, con diversi team che lavoravano separatamente su diverse versioni di Windows. Ora invece, "abbiamo un solo team con un'architettura comune". Nadella ha poi anche sottolineato i vantaggi che questa decisione porterà non solo agli utenti ma anche agli sviluppatori, consentendo di ottenere una piattaforma unica e la possibilità di sviluppare app universali, che funzioneranno su tutti i dispositivi che utilizzano l'OS, cosa che tra l'altro amplierebbe a dismisura l'appeal del market, convincendo al porting anche i tanti sviluppatori ancora scettici.

Quella annunciata da Nadella è quindi una svolta storica, uno snodo cruciale per le sorti di Windows e della stessa Microsoft, che da un lato dà adito a speranze assai fondate ma dall'altro lascia aperto un interrogativo tutt'altro che secondario: come farà l'azienda di Redmond a soddisfare le esigenze, sentite dagli utenti come opposte, espresse da chi utilizza PC fissi, mobili o ultramobili? L'attuale Windows 8 infatti ha rappresentato il tentativo di offrire un'unica soluzione a chi usa il desktop o il tablet, ma sappiamo benissimo che gli utenti del primo tipo non amano affatto l'interfaccia ModernUI, considerata scomoda e troppo touch-oriented. Il futuro Windows unificato dunque soddisferà entrambe le tipologie di utenti offrendo un maggior livello di personalizzabilità dell'interfaccia? Non resta che attendere maggiori dettagli.  

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy