Home News Huawei e ZTE nel mirino degli USA

Huawei e ZTE nel mirino degli USA

Huawei e ZTE nel mirino USADopo un anno di indagini, le autorità statunitensi hanno deciso che le aziende cinesi Huawei e ZTE non potranno effettuare acquisizioni e fusioni in USA

Huawei e ZTE sono in relazione con il regime cinese? Il sospetto che circonda le due società è cresciuto domenica sera, con la pubblicazione di un rapporto della Commissione del Congresso degli Stati Uniti. Secondo questo documento, i due produttori cinesi -  specializzati in telecomunicazioni e dispositivi elettronici - non forniscono la garanzia che siano totalmente indipendenti dal governo di Pechino. Per questa ragione, la loro attività nei confini USA potrebbe mettere a rischio la sicurezza degli americani.

Huawei

"Sulla base delle informazioni classificate e non classificate, Huawei e ZTE non possono garantire la loro indipendenza dall'influenza di uno Stato straniero, e quindi rappresentano una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti e per tutta la popolazione", dichiara la Commissione, dopo un'indagine durata un'anno. "Accusate di aver rubato informazioni riservate, poi inviate ai server cinesi, entrambe le società hanno negato legami con il regime, sottolineando che le uniche relazioni con Pechino sono <<di affari e non di politica>>"

Per il vice-presidente di Huawei, William Plummer, "l'integrità e l'indipendenza delle pratiche organizzative e del business sono ritenute affidabili e rispettose su circa 150 mercati". Secondo il Congresso USA, però, "la Cina ha i mezzi, l'opportunità e le motivazioni di utilizzare le società di telecomunicazioni per scopi dannosi". Per questa ragione il Congresso degli Stati Uniti ha deciso di bloccare qualsiasi fusione, acquisizione e contratto sul territorio americano, che coinvolgano Huawei e ZTE.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy