Home News HP Pavilion dv6 con Intel Core i7-2630QM Sandy Bridge

HP Pavilion dv6 con Intel Core i7-2630QM Sandy Bridge

HP Pavilion dv6 con Intel Core i7-2630QM Sandy BridgeCominciano a fiorire i sistemi mobili equipaggiati con gli innovativi processori sviluppati da Intel. Anche Hewlett Packard si aggiunge al coro di produttori, presentando il modello HP Pavilion dv6-4103TX.

Con il Consumer Electronics Show 2011 di Las Vegas alle porte, non stupisce più di tanto che i grandi produttori a livello internazionale stiano presentando svariati modelli di notebook basati sui processori Sandy Bridge messi a punto dal chipmaker californiano. Dopo Asus che ha recentemente reso disponibili per il preordine le gamestation Asus G53SW e G73SW, è ora il turno anche di HP che propone il HP Pavilion dv6-4103TX, un dispositivo deciso e bilanciato, equipaggiato con la CPU Intel Core i7-2630QM capace di operare ad una frequenza di 2 GHz che può essere facilmente portata a 2,8 GHz mediante l’impiego della tecnologia Turbo Boost.

HP Pavilion dv6

Dopo questa generosa premessa, farà senz’altro piacere scoprire che è presente una scheda video dedicata AMD Radeon HD 6570, la versione aggiornata della precedente ATI Mobility Radeon HD5700 dotata di una frequenza di clock maggiore. Questa soluzione supporta sia memoria di tipo GDDR3 che GDDR5 e comanda un display dalla diagonale di 15,6 pollici retroilluminato a LED. Non sono disponibili molti altri dettagli riguardo questo nuovo device che la multinazionale americana è pronta a lanciare ufficialmente sui mercati nel corso delle prime settimane del prossimo anno.

Però è trapelata qualche indiscrezione sul prezzo che dovrebbe aggirarsi grossomodo attorno ai 1.400 dollari, pari circa a 1.060 euro al cambio attuale. Non ci stupirebbe affatto se, proprio in occasione dell’imminente CES 2011, possano essere svelate tutte le informazioni circa la configurazione tecnica di HP Pavilion dv6-4103TX. Il produttore, infatti, sarà presente alla fiera tecnologica con molte novità, a partire dai tre tablet PalmPad su cui aleggia ancora una fitta coltre di mistero. I tablet saranno dotati di sistema operativo WebOS 2.5.1, derivante dal know-how conquistato dopo l’acquisizione di Palm?

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy