Home News Google VR view: immagini e video a 360° su app e siti web

Google VR view: immagini e video a 360° su app e siti web

Google VR view: immagini e video a 360° su app e siti webDopo aver conquistato il mondo del gaming, la realtà virtuale sbarca online grazie alla nuova VR View di Google che permetterà di embeddare immagini e video a 360° in siti web ed applicazioni.

VR view è un nuovo strumento lanciato da Google per portare foto e video a 360 gradi su siti web e applicazioni mobile. Gli sviluppatori di app per Android e iOS potranno aggiungere i contenuti stereoscopici ai siti web, utilizzando Google Cardboard SDK, ed un paio di righe di codice per le applicazioni che serviranno per integrare immagini e filmati. Fino ad oggi Cardboard SDK è stato disponibile per Android, ma da qualche ora Mountain View ha messo a disposizione degli sviluppatori anche la versione per iOS.

video VR su YouTube

Per gli editori online, poi, sarà ancora più facile perché dovranno solo inserire un iframe alla pagina web, praticamente un po' quello che si fa quando si embedda un video YouTube o altri contenuti HTML o JavaScript in un articolo, ma in questo caso l'immagine o il video non saranno ospitati online e non si potrà avere un iframe personalizzato. Insomma, non sarà semplice come copia-incollare il codice del video di YouTube, ma molto simile.

Una volta inserito, gli utenti potranno interagire con l'immagine a 360 gradi attraverso uno smartphone ed un qualsiasi visore (dall'economico Cardboard di Google a dispositivi simili al Samsung Gear VR) o utilizzando un browser web per desktop, anche se l'esperienza non sarà così coinvolgente se ci si guarda intorno trascinando il mouse.

Ora che i visori di realtà virtuale premium, come Oculus Rift e HTC Vive, stanno per raggiungere il mercato, le differenze tra i VR si fanno più chiare. Anche se i dispositivi in stile Cardboard consentono di esplorare i contenuti da tutte le angolazioni muovendo la testa o il cursore del mouse, l'utente resta sempre bloccato nella stessa posizione nello spazio. I VR più costosi invece consentono all'utilizzatore di spostarsi nello "spazio virtuale" come se si stesse camminando (volando, guidando...) attraverso ambienti reali. Oculus, HTC, Sony ed altri produttori hanno migliorato i propri visori, rendendoli più comodi da indossare per ore rispetto ad una scatoletta di cartone. E c'è una ragione per cui Cardboard di Google non include una cinghia per la testa: la società consiglia l'utilizzo di questo visore solo per pochi minuti.

Via: Liliputing

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy