Home News Google Classroom, un nuovo strumento per la scuola

Google Classroom, un nuovo strumento per la scuola

Google Classroom, un nuovo strumento per la scuolaA settembre, in occasione della ripresa dell'attività scolastica, Google completerà la propria suite di tool per l'insegnamento, "Apps for Education", con l'introduzione di un nuovo servizio gratuito chiamato Google Classroom, pensato per far risparmiare tempo prezioso a insegnanti e studenti nelle attività di contorno, in modo da avere più tempo per ciò che conta davvero: insegnare ed apprendere.

Google è già da qualche tempo presente anche nel settore educativo con un insieme di strumenti chiamato "Apps for Education", una famiglia di applicativi indirizzata a insegnanti e studenti che mira a fornire gli strumenti per una scuola più informatizzata ed efficiente, nella quale ci sia più tempo per le attività scolastiche principali. Allo stesso scopo sarà dunque inserito nella suite anche un ulteriore tool, sempre gratuito, chiamato semplicemente Classroom.

Google Classroom

Quest'ultimo avrà lo scopo di semplificare la gestione di tutte quelle attività scolastiche, indispensabili ma collaterali, che finiscono per portare via molto tempo sia agli insegnanti che agli studenti, ad esempio assegnare o correggere compiti e organizzare gruppi di studio, fornire assistenza agli alunni chiarendo alcune perplessità sulle lezioni, preparare i materiali delle verifiche come i quiz, tutte operazioni sì importanti ma che finiscono per diminuire il tempo che si può realmente dedicare all'insegnamento o all'apprendimento. L’annuncio è arrivato nei giorni scorsi sulle pagine del blog ufficiale dell'azienda di Mountain View. Il servizio sarà reso disponibile il prossimo settembre, in coincidenza con la ripresa delle attività scolastiche. Ecco in breve le funzionalità principali offerte da Google Classroom:

  • Creare e raccogliere i compiti: Classroom unifica gli strumenti messi a disposizione da Google Docs, Drive e Gmail, per aiutare gli insegnanti ad assegnare e ritirare i compiti senza sprecare carta. È possibile controllare velocemente chi ha completato il lavoro e chi no, fornendo all’occorrenza un feedback in tempo reale agli studenti.
  • Migliorare la comunicazione in classe: gli insegnanti possono fare annunci, domande e commentare il lavoro degli studenti in tempo reale, contribuendo così a migliorare la comunicazione in aula e fuori.
  • Mantenere l’organizzazione: Classroom crea automaticamente cartelle in Drive per ogni compito e per ogni studente, così che gli alunni possano controllare facilmente il lavoro da svolgere dalla loro pagina personale.

Molto importante è anche un altro annuncio da parte di Google, che ha accompagnato questo e che riguarda la privacy: i dati salvati in Classroom non saranno in alcun modo impiegati a fini pubblicitari, cosa che tra l’altro il colosso californiano aveva già confermato di recente, quando aveva presentato le caselle di posta Gmail presenti in “Apps for Education”.

Via: BetaNews

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy