Home News Giocare su tablet e smartphone in cloud, grazie a LucidLogix

Giocare su tablet e smartphone in cloud, grazie a LucidLogix

Giocare su tablet e smartphone, grazie a LucidLogixLucidLogix ha presentato al CES 2012 un'interessantissima soluzione cloud based per il rendering in remoto e la virtualizzazione della GPU che potrebbe presto permettere di giocare con tablet e persino smartphone anche a titoli per PC.

Qualche anno fa non sarebbe stato possibile, ma grazie al velocissimo avanzamento tecnologico, soprattutto per processori e GPU, gli smartphone e ancor più i tablet stanno diventando sempre più una piattaforma da gioco di riferimento in grado di soppiantare nel giro di alcuni anni le console tradizionali, visto che offrono rispetto a queste ultime l'indubbio vantaggio della mobilità. Le vendite basse della PlayStation Vita ad esempio indicherebbero che il trend è già iniziato e che non potrà che crescere con le prossime generazioni di device ultramobili, che saranno sempre più potenti e capaci di renderizzare effetti grafici complessi.

VGWare

A velocizzare ulteriormente questa evoluzione potrebbe pensarci il cloud, fonte di potenzialità infinite un po' in tutti i settori. Al recente CES di Las Vegas infatti LucidLogix, il reparto dedicato alla virtualizazione delle GPU di Lucid, azienda leader nel settore delle soluzioni grafiche, ha presentato VGWare (Virtual Graphics Ware), un software per la virtualizzazione delle funzioni grafiche tramite cloud. Grazie a questa soluzione, secondo LucidLogix, sarebbe possibile ottenere performance elevate per la renderizzazione da remoto dei videogiochi o di altri applicativi tridimensionali anche professionali, che verrebbero eseguiti in remoto su server cloud e poi trasmessi in streaming ai client connessi al servizio, come appunto smartphone e tablet, che potrebbero così usufruire di giochi complessi a prescindere dalla propria dotazione hardware.

Al momento comunque LucidLogix sembrerebbe intenzionata a distribuire questa soluzione solo a grandi compagnie o anche direttamente agli sviluppatori di videogiochi e non a proporre direttamente una propria versione consumer di VGWare. In ogni caso la strada appare ormai aperta e sembra proprio che sia sempre più soltanto una questione di tempo prima che tablet e smartphone divengano la piattaforma di gioco consumer più diffusa al mondo, andando a soppiantare così console fisse e mobili nel futuro scenario videoludico casalingo.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy