Home News eBay apre un negozio a Londra

eBay apre un negozio a Londra

eBay apre un negozio a LondraA Londra, eBay ha aperto un negozio fisico nel quartiere Soho. Saranno messi all'asta circa 350 prodotti, che saranno poi pagati tramite codice QR su smartphone.

Negli ultimi tempi, lo shopping è cambiato. Gli utenti preferiscono acquistare sempre più online, approfittando di promozioni ed offerte irripetibili, ma anche i rivenditori hanno deciso di spostare il proprio negozio su Internet cavalcando la nuova tendenza. Gli acquisti ormai si effettuano sul Web, in pochi minuti con semplici click, e sembrano lontani quei giorni in cui ci si recava nel negozio e si acquistava un prodotto dopo un'attenta e precisa scelta.

eBay negozio londra

C'è chi però decide di tornare alle origini: eBay, il primo vero e-commerce, ha inaugurato in questi giorni a Londra (a Soho, nella zona di Oxford Street) negozio fisico in cui vengono mostrati circa 350 oggetti in attesa di nuovi proprietari. Si tratta di un corner shop temporaneo, o meglio di un esperimento, che terminerà a Natale ma consentirà ai londinesi e ai tanti turisti in visita nella capitale inglese di poter acquistare un regalo nell'unico negozio eBay presente nel mondo.

In vendita vi sono 350 oggetti dei top seller inglesi, cioè quei rivenditori autorizzati che utilizzano eBay per la propria attività. I prodotti saranno venduti tutti all'asta fino a domani, ma il pagamento avverrà solo per via elettronica cioè tramite smartphone e codice QR e non in contanti. Quale obiettivo avrà la nuova iniziativa di Google? Cosa bolle in pentola?

Commenti (2) 

RSS dei commenti
Primo dubbio, almeno per il mercato italiano, "uno store ebay come dovrebbe trattare l'iva?" perchè se è nuovo non ci sono problemi se il venditore è un negozio mentre se è usato venduto da privati mi pare che non si debba rilasciare documento fiscale; ma il problema mi pare lo abbiano bypassato creando una showroom di soli venditori professionali inglesi. Mi pare sia una risposta alla diffusione di amazon sul territorio UE che porterebbe ai venditori professionali il dover scegliere su che piattaforma stare o se investire su entrambe le soluzioni. Inoltre lo stesso sistema paypal ha permesso a molti di richiedere pagamenti sicuri senza avere sistemi complicati di pagamento online con carta di credito sui loro siti di vendita e anche questo ha influito a far diminuire l'appetibilità di ebay per alcuni venditori ed anche le politiche esose di ebay nei confronti dei venditori hanno contribuito alla fuga dalla piattaforma. Un negozio fisico può cercare di rilanciare l'immagine dello store che tanto successo ha avuto negli anni passati (ritengo che anche la presenza di ebay annunci abbia appannato l'immagine di ebay).  
riky1979

riky1979

dicembre 05, 2011

lascio tutti i tuoi interrogativi fiscali-legali a qualche lettore esperto in materia
però l'idea è buona e serve a superare alcuni diffusi timori e insicurezze che spesso ci bloccano quando andiamo su ebay  
Dgenie

Dgenie

dicembre 05, 2011

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy