Home News Dopo Apple, anche Microsoft contro Flash

Dopo Apple, anche Microsoft contro Flash

Microsoft supporta Apple contro FlashMicrosoft rompe gli indugi ed interviene nel battibecco fra Apple e Adobe circa il boicottaggio di Flash su iPad ed iPhone, scatenato dalla lettera aperta di Steve Jobs.

"Ci sono state molte reazioni e discussioni recentemente sui video e i filmati in Flash uppati sul Web". Si apre senza un riferimento indiretto ad Apple il post sul blog ufficiale di Internet Explorer con cui Microsoft prende posizione nelle polemiche sull'uso o meno di Flash, che hanno contrapposto Adobe e la multinazionale di Cupertino.

L'azienda di Redmond comincia ricordando il suo impegno nello sviluppo di HTML5. "Il futuro del Web è HTML5", scrive senza perifrasi Dean Hachamovitch, direttore generale per Internet Explorer, prima di ricordare che "le specifiche di HTML5 comprendono il supporto di video, senza precisare un formato in particolare".

Steve Ballmer

Microsoft, quindi, sottolinea che "Internet Explorer supporterà la riproduzione di video H.264", e rassicura gli utenti sulle sue potenzialità aggiungendo che "H.264 è lo standard per eccellenza", con tutti i vantaggi che ciò comporta in termini di compatibilità e supporto, anche se l'accelerazione hardware ricopre la sua importanza. "Grazie a questa standardizzazione, potrete facilmente uppare su Internet ciò che avete filmato con la vostra fotocamera e riprodurlo su un browser o su un qualsiasi sistema operativo o dispositivo che supporti H.264 (come un PC o notebook con Windows 7)."

La software house mette però in guardia sulla confusione esistente tra la "disponibilità del codice sorgente" e "proprietà intellettuale" di quel codice: i diritti di proprietà intellettuale di H.264 sono ben noti e gestiti tramite il programma MPEG LA. Sui diritti di proprietà intellettuale di altri codec, invece, non ci sarebbe altrettanta chiarezza.

Seppure Microsoft appaia meno critica su Flash rispetto ad Apple (l'azienda di Redmond cita anche Silverlight, una tecnologia simile indirettamente oggetto delle stesse critiche mosse a Flash) tuttavia non assolve completamente il plugin, evidenziando "alcuni problemi relativi alla stabilità, alla sicurezza e alle prestazioni". Microsoft ed Adobe starebbero però già lavorando per risolverli. "Flash resta oggi un mezzo importante per offrire un'appagante esperienza utente su Internet", conclude Dean Hachamovitch. Difendendo Flash, Microsoft cerca di difendere indirettamente Silverlight?

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy