Home News Dell stoppa l'XPS 10 (Windows RT)... in USA

Dell stoppa l'XPS 10 (Windows RT)... in USA

Dell stoppa l'XPS 10 L'azienda texana sospende le vendite del suo XPS 10 e lascia dunque al momento Microsoft come unica azienda a proporre soluzioni ARM in abbinamento al sistema operativo Windows RT.

Aggiornamento: Precisiamo che Dell XPS 10 è stato cancellato in USA, ma è ancora acquistabile in Italia al prezzo di 199 euro.

Dopo ASUS, Lenovo e Samsung, anche Dell sospende la vendita dei propri tablet con processore ARM e sistema operativo Windows RT. In questo modo Microsoft resta momentaneamente l'unica azienda a proporre un device con tale equipaggiamento, almeno finché Nokia non presenterà ufficialmente il tablet Lumia di cui tanto si è parlato finora. Da alcune ore infatti il Dell XPS 10 risulta indisponibile nel market dell'azienda, dopo che già nei mesi scorsi era stato ribassato nel prezzo.

Dell XPS 10

Il colosso statunitense a ottobre annuncerà un nuovo prodotto con sistema operativo Microsoft ma è improbabile comunque che si tratti di un refresh dell'XPS 10, voci di corridoio infatti parlano piuttosto di un tablet con processore Intel Atom Bay Trail e quindi con sistema Windows 8.1 standard (proprio ieri abbiamo parlato dei nuovi Dell Venue 8, Venue 11 e Venue 11 Pro). Intanto Terry Myerson, capo della divisone sistemi operativi a Redmond, non la vede altrettanto nera e di recente ha dichiarato che nel futuro di Microsoft ci saranno molti più smartphone e tablet ARM con sistema operativo Windows.

Come sappiamo il prossimo ottobre debutterà la versione Windows 8.1 che introduce effettivamente diverse correzioni e migliorie alla prima versione di RT, anche se resta sempre il problema dell'impossibilità di eseguire programmi legacy su questa piattaforma. Più che di un problema in sé (nessun device con Android o Apple iOS esegue quel tipo di programmi ad esempio eppure vendono bene lo stesso) si tratta però di una questione di percezione e di confusione da parte del consumatore medio, spiazzato dal fatto che ci sia un OS Windows "castrato" (ai suoi occhi) di quella che è una sua caratteristica base.

Non a caso Microsoft ha già eliminato il suffisso RT dal nome della seconda generazione dei suoi tablet ARM based, che ora si chiamano solo Surface 2 ma è probabile che, in futuro, magari nel 2015, quando dovrebbe debuttare Windows 9, RT e Windows Phone si fondano in un'unica release destinata a smartphone e tablet, lasciando Windows su tutte le piattaforme x86, replicando così grossomodo quanto accade attualmente in casa Apple con i sistemi operativi OS X e iOS. E' forse con questa prospettiva in mente più che pensando a Windows RT 8.1, che Myers ha fatto le sue affermazioni.

E' comunque impossibile avere un quadro più completo della situazione prima di fine anno, quando l'OS sarà sul mercato da un paio di mesi e i produttori avranno eventualmente presentato i propri prodotti, mentre per conoscere la risposta del mercato bisognerà addirittura attendere il primo report finanziario o almeno i dati delle vendite, che dovrebbero arrivare non prima del primo trimestre del prossimo anno.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy