Home News Computer portatili touchscreen: boom nel 2015

Computer portatili touchscreen: boom nel 2015

Computer portatili touchscreen: boom nel 2015Gartner ha pubblicato poche ore fa i risultati emersi da un recente studio: più della metà degli utenti con età inferiore ai 15 anni sarà fornita di un computer portatile con schermo touchscreen entro il 2015.

Anche se quest'analisi renderà felici le aziende che al momento investono nel settore dei computer touchscreen, i dati emersi devono essere studiati con attenzione. Leslie Fiering, analista di Gartner, precisa che l'adozione dei notebook touchscreen sarà meno importante nel settore business e delle piccole imprese, tanto da non superare il 10% nel 2015. Come mai? Semplicemente perchè i professionisti avrebbero difficoltà a passare dalla coppia tradizionale tastiera/mouse allo schermo touch nell'ambito del proprio lavoro.

HP TouchSmart TM2

Gli utenti privati, e soprattutto i giovani, avrebbero meno freni ad utilizzare un computer portatile touchscreen. Ad ogni modo, i PC touch saranno molto più diffusi nei prossimi 5 anni rispetto al 2009, quando hanno rappresentato il 2% delle vendite. La caratteristica che conquista maggiormente il consumatore è la presenza del multitouch, una tecnologia che ha preso il volo grazie ad iPhone di Apple. La tecnologia multitouch, apparsa nei mesi successivi anche sui computer, è supportata nativamente dal sistema operativo Windows 7 di Microsoft, lanciato a fine ottobre 2009.

Al momento coloro che scelgono di acquistare un notebook touchscreen sono spesso utenti attirati dalla possibilità di vivere un'esperienza multimediale più completa grazie al multitouch, come la riproduzione di film, giornali e ebook, ed in misura inferiori videogames. Le scuole americane sarebbero particolarmente interessate ai computer touchscreen che rappresentano un potenziale educativo interessante (meno libri, possibilità di tracciare grafici, etc etc), in quanto è possibile trattare elementi sullo schermo per mezzo di una o più dita o con uno stilo.

Per garantire una buona diffusione dei computer touch, sarà necessario che la componente software segua lo sviluppo hardware. Sarebbe un grosso errore investire in dispositivi touchscreen e non poterli utilizzare realmente se non con un numero ristretto di applicazioni.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy