Home News Caso Vividown: dirigenti Google rischiano la condanna

Caso Vividown: dirigenti Google rischiano la condanna

Caso Vividown: dirigenti Google rischiano la condannaUn resposabile e due ex-dirigenti di Google rischiano di dover scontare una condanna di un anno di carcere per non aver controllato adeguatamente i contenuti del loro sito Google Video.

In particolare David Carl Drummond, George De Los Reyes, Peter Fleischer e Arvind Desikan (quest'ultimo rischia una condanna di 6 mesi) non avrebbero contribuito a rimuovere un video in cui quattro studenti di Torino tra i 16 e i 17 anni insultavano un loro compagno disabile. Il fatto risale al Settembre 2006 e Google tolse il video solo nel Novembre dello stesso anno, in seguito alle pressioni e alla denuncia presentata dall'associazione Vividown e da parte del ragazzo, vittima degli insulti dai compagni.

Google Brin

I PM hanno concentrando la loro accusa sulla ritardata rimozione del video, ribadendo che questa è avvenuta solo in seguito alle pressioni esercitate dall'Italia. Sempre secondo i PM l'azienda di Mountain View pone dei filtri solo quando le conviene economicamente. Per la difesa, il reato non sussiste poiché Google non ha infranto il diritto italiano e le contestazioni sono ritenute infondate. Inoltre, sempre secondo i documenti citati, la richiesta di condanna non è inerente ai fatti in questione.

Il processo si sta svolgendo a Milano con rito abbreviato e il comune della stessa città (Torino) si è costituito parte civile, chiedendo un risarcimento di 300.000 euro. La metà della cifra è richiesta per danni patrimoniali e l'altra metà per danni morali. Anche l'associazione Vividown si è costituita parte civile e per il risarcimento si è rimessa ad una valutazione da parte del giudice. Per chi fosse interessato ad approfondire l'argomento, vi rimandiamo al nostro precedente articolo.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy