Home News Blu-Ray nei PC: un lento decollo

Blu-Ray nei PC: un lento decollo

Blu-Ray nei PC: un lento decolloL'Istituto di analisi iSuppli ha pubblicato nella giornata di ieri uno studio, che rivela il tasso di penetrazione dei Blu-Ray nel settore dei computer. I risultati evidenziano che il formato per l'alata definizione non riesce ad imporsi sul mercato.

Secondo lo studio di iSuppli, soltanto il 3.6% dei PC sarebbe fornito di un'unità Blu-Ray (lettore o masterizzatore) nel 2009. Dalle previsioni, la percentuale di penetrazione di questo tipo di prodotto sarà ancora molto debole nei prossimi quattro anni, dal momento che nel 2013 dovrebbe raggiungere il 16.3%. Per Michael Yang di iSuppli, il Blu-Ray non sostituirà il DVD come unità ottica principale nei computer, almeno prima del 2013. Se pur riuscirà a raggiungere il successo, non prima dei prossimi cinque anni, esso sarà limitato al segmento dei PC.

iSuppli e Blu-Ray

Per Yang, ci sono due ragioni primarie che spiegano la bassa adozione di unità ottiche Blu-Ray nei computer: il costo elevato dei contenuti Blu-Ray ed il numero ancora limitato delle produzione disponibili. Anche se oggi la gran parte dei film in uscita è proposta nel formato DVD e Blu-Ray, le serie TV ed ancor meno i software o i videogames non conoscono l'alta definizione. Il terzo freno per la diffusione del Blu-Ray è semplicemente dato dalle abitudini del consumatore, che difficilmente abbandona un formato per un altro. Il passaggio avviene solo se il cliente ne trae un reale vantaggio.

Il Blu-Ray offre una capacità di immagazzinamento dati ben superiore al DVD, di 25GB contro 4.7GB per un single layer e 50GB contro 8.5GB per dual layer, ma il prezzo del lettore/masterizzatore Blu-Ray così come quello dei contenuti resta molto elevato rispetto al DVD. E' necessario inoltre sottolineare che dal passaggio del CD al DVD, gli hard disk esterni (multimediali o no) si sono notevolmente diffusi come le chiavette USB, offrendo una buona capacità di immagazzinamento dati in un ingombro realmente ridotto.

Yang aggiunge: "E' innegabile che il Blu-Ray offra una definizione d'immagine superiore, una migliore qualità sonora ed un più grande spazio di immagazzinamento per l'intrattenimento domestico". Va sottolineato comunque che questi vantaggi innegabili sono poco interessanti al momento per un PC desktop o un computer portatile che presenta una dimensione dello schermo ed una risoluzione ridotta (inferiore al Full HD) o degli altoparlanti di bassa resa sonora.

E' necessario dunque che il prezzo delle unità ottiche e dei supporti Blu-Ray (vergini o no) si abbassi e che l'offerta dei contenuti in alta definizione si arricchisca affinchè questo formato decolli realmente nel settore dei PC. Alcuni ritengono anche che il Blu-Ray non abbia un futuro con lo sviluppo del VOD (Video on demand) e delle reti ADSL ad alta velocità. Non dimentichiamo pero' che una grossa fetta della popolazione non ha accettato nè l'uno nè l'altro servizio, tanto che molti internauti continuano ad accontentarsi di un collegamento a 56k.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy