Blackberry Empathy: concept di smartphone emozionaleBlackberry Empathy è solo un concept ma potrebbe diventare ben presto realtà. Il nuovo terminale RIM sarà in grado di captare e riprodurre lo stato emozionale del suo possessore grazie ad un anello biometrico.

Uno smartphone che prende in considerazione l'umore del suo possessore e che reagisce in funzione di questi input, ecco il progetto sul quale lavora attualmente Kiki Tang e Daniel Yoon. I due designer sono impegnati su un nuovo concept, denominato Blackberry Empathy, realizzato in collaborazione con Research in Motion. In pratica, Empathy potrebbe essere abbinato ad un anello biometrico, poco elegante (per la verità), specializzato nel captare "il linguaggio del corpo" dell'utente e di trasmettere le informazioni recuperate al terminale.

Blackberry Empathy

Quest'ultimo reagirà in funzione dello stato emozionale del suo proprietario, adattandosi di conseguenza e cambiando i suoi colori ad esempio. Blackberry Empathy va anche più lontano, manifestando all'utente le sue interazioni sociali. Il concept potrebbe quindi realizzare delle curve per misurare lo stato emozionale del suo proprietario determinando, ad esempio, se una chiamata o un SMS ricevuto hanno influito positivamente o negativamente sul suo umore.

Si potrà anche vedere lo stato emozionale dei suoi interlocutori, a condizione che questi possiedano lo stesso telefono, inevitabilmente. Blackberry Empathy è un concept interessante sulla carta ma sull'utilizzo potrebbe risultare troppo "invadente", svelando ma anche perdendo i veri e reali sentimenti umani di un primo amore, di un'amicizia o di un litigio.

Il design di Blackberry Empathy risulta piuttosto riuscito, in particolare per il suo schermo OLED, che diventa trasparente quando lo smartphone è a riposo. Blackberry Empathy è per ora solo un concept ma, dato l'interesse dimostrato da RIM, potrebbe diventare presto realtà.

Commenti