Home News Beats ora è di Apple per 3.2 miliardi di dollari

Beats ora è di Apple per 3.2 miliardi di dollari

Beats Audio ora è di Apple, per 3 miliardi di dollariApple ha acquisito ufficialmente Beats, per 3.2 miliardi di dollari. Così facendo l'azienda di Cupertino è entrata in possesso sia della linea di prodotti che del servizio di streaming musicale, mentre i fondatori, Dr. Dre e Jimmy Iovine, lavoreranno per Apple. Ma qual è l'obiettivo di questa operazione?

Beats Audio è proprietà di Apple che per la cifra di 3.2 miliardi di dollari ha acquistato sia Beats Electronic che Beats Music. La prima è la divisione che sviluppa sia le soluzioni integrate che la linea di prodotti come cuffie e auricolari, la seconda è invece il servizio di streaming, attualmente attivo solo negli Stati Uniti. Apple ha fatto anche sapere che i prodotti continueranno a essere venduti col marchio Beats, mentre i due fondatori, Dr. Dre, ex rapper e produttore discografico, e Jimmy Iovine, entreranno a far parte della struttura aziendale.

HP Envy 14 Beats Edition

L'operazione però lascia aperte tantissime domande a cui, per ora, non c'è risposta.

Con l'acquisizione di Apple, aziende come HTC e Hewlett Packard, che facevano largo uso delle soluzioni audio sviluppate da Beats, potranno continuare ad avvantaggiarsene fino al 2015. La domanda principale dunque è proprio questa: perché Apple ha acquistato Beats Audio? L'ipotesi più accreditata attualmente è che alla Mela morsicata miravano a entrare in possesso non tanto di Beats Electronic quanto di Beats Music, servizio di streaming che a quanto pare sta andando molto meglio del proprio iTunes Radio e anche del talento dei due creativi dietro al brand, Dr. Dre e Jimmy Iovine appunto. Si avanza anche l'ipotesi che il tutto possa essere stato fatto per portare a termine lo sviluppo della Apple TV, in cui proprio Dre e Iovine potrebbero essere decisivi, sia grazie alle idee che alle conoscenze nel campo delle major legate a musica, cinema e TV.

Al momento comunque restano tutte ipotesi perché Apple non ha rilasciato alcuna indicazione ufficiale in merito. Per saperne qualcosa di più non resta dunque che restare in attesa delle prossime mosse sul mercato.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy