Home News ARM lancia Cortex-A75 e Cortex-A55, con DynamIQ e Mali-G72

ARM lancia Cortex-A75 e Cortex-A55, con DynamIQ e Mali-G72

ARM lancia Cortex-A75 e Cortex-A55, con DynamIQ e Mali-G72Alta efficienza e prestazioni rivoluzionarie: questo permette ARM con i nuovi Cortex-A75 e Cortex-A55, due core destinati non solo ai SoC per smartphone ma anche alle auto e ai notebook, ibridi, PC ed altri dispositivi con Windows 10. La grafica ARM Mali-G72 offrirà prestazioni superiori del 40%.

Da sempre l'architettura ARM è al cuore di smartphone e tablet, nascosta in SoC customizzati da ciascun produttore, ed è per questo che una qualsiasi novità nei core Cortex o nella grafica Mali si riflette nelle prestazioni e nell'efficienza energetica dei principali processori per dispositivi mobile come Qualcomm, Samsung, MediaTek e tanti altri. Al Computex 2017, ARM ha rinnovato la sua offerta ma per la prima volta la società non si rivolge solo al settore "ultra-mobile" ma anche a quello mobile (con notebook, convertibili e PC) e automotive con le prime novità attese nel 2018.

ARM Cortex-A75

In sostanza, i nuovi core lanciati da ARM saranno presto integrati in computer portatili con Windows 10, e non solo Chromebook. I modelli ARM-based dovrebbero offrire prestazioni paragonabili ad altri modelli con piattaforma Intel/AMD ma soprattutto ridotti consumi energetici con un conseguente aumento dell'autonomia.

In particolare, la grafica ARM Mali-G72 è un aggiornamento della Mali-G71 lanciata lo scorso anno e comprende alcune migliorie che - secondo la società - la renderanno perfetta per applicazioni virtuali e di machine learning. Stando a quanto comunicato, la Mali-G72 sarà il 40% più potente della versione precedente in performance boost, il 25% più efficiente ed il 17% nella gestione dei processi machine learning.

ARM Mali-G72

ARM Mali-G72 ARM Mali-G72

ARM Mali-G72

ARM Cortex-A75 è un aggiornamento del Cortex-A73 e porterà un incremento di almeno 20% nella gran parte delle applicazioni mobile, con alcuni test che dimostrano un miglioramento fino al 50%. È senza dubbio un core per SoC top-di-gamma, che non ci stupiremmo di vedere in notebook ma anche in smartphone ed altri dispositivi destinati al mondo dell'AI (Intelligenza Artificiale) e machine learning.

ARM Cortex-A75

ARM Cortex-A55 è il successore del Cortex-A53 di ARM e potrà essere utilizzato in processori di fascia media o accoppiato ai core Cortex-A75 per SoC multi-core che utilizzato la tecnologia big.LITTLE per selezionare i cluster di core più appropriati a seconda delle operazioni. Cortex-A55 avrà una maggiore efficienza (+15%) e sarà quasi due volte più potente del suo predecessore, anche il miglioramento sarà quasi impercettibile nella pratica (dai 5 differenti benchmark emergerebbe un incremento delle prestazioni pari al 20%).

ARM Cortex-A55

Le due nuove CPU sfrutteranno la tecnologia ARM "DynamIQ" che permetterà ai produttori di impiegare i core in svariati ambiti utilizzando fino a otto core in configurazioni completamente diverse da quelle a cui siamo abituati con big.LITTLE (core a basse prestazioni e core ad alte prestazioni).  Oltre a supportare un maggior numero di core CPU per cluster, DynamIQ può gestire core Cortex-A a basso consumo e ad alte prestazioni in un unico cluster e questo consentirà ai produttori di sfornare nuovi processori in configurazioni inedite del tipo 1+7 (1 big + 7 LITTLE) o 2+4, 1+3 e così via, e non più coppie di core diversi. Questa tecnologa, ovviamente, permetterà di scalar ancor meglio la potenza, personalizzando ogni singolo core e non limitando il chip maker a due sole configurazioni.

ARM DynamIQ

DynamIQ aprirà ad ARM le porte di settori "nascenti" come la smart home, le auto a guida autonoma, prodotti mixed reality (realtà virtuale e aumentata) e AI (Intelligenza Artificiale), quindi sarà un enorme passo avanti per la società.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy