Archos TV Connect: prima recensione onlineArriva la prima recensione dell'Archos TV Connect, l'originalissimo dispositivo Android che unisce Mini PC, TV Box e multimedia center. Le prime impressioni sono favorevoli ma resta qualche ovvio limite di gioventù, soprattutto per quanto riguarda prestazioni, funzionalità e compatibilità con i giochi.


Mostrato prima al CES di Las Vegas e poi al recente CeBIT di Hannover, TV Connect è una soluzione molto interessante sviluppata dal produttore francese Archos, in grado di unificare diversi device tipici dell'ambiente domestico, come media center e TV box, in maniera semplice ed economica ma non per questo poco funzionale. I colleghi del sito d'oltralpe ArchosLounge hanno effettuato in questi giorni un test molto approfondito del TV Connect, che vi riassumeremo di seguito.

Archos TV Connect

Si parte dalla confezione e dal bundle, con la prima ben curata, in cartoncino bianco lucido con una grafica ad effetto, dalle dimensioni abbastanza compatte che all'interno contiene il device vero e proprio, da montare su un display, il controller remoto, il cavo di alimentazione, quello HDMI per la connessione alla TV, le istruzioni multilingua e la garanzia. TV Connect come sappiamo è formato da due componenti principali, il Mini PC vero e proprio, che integra anche una webcam e il ricevitore Bluetooth per dialogare col controller, che dev'essere sistemato al di sopra della TV e telecomando/joypad multifunzione.

Entrambi i componenti si presentano abbastanza economici nella realizzazione, soprattutto per quanto riguarda la qualità del policarbonato di cui sono composti, ma sono comunque ben assemblati e privi di difetti specifici, inoltre sono robusti. Il controller poi ha anche una forma molto ergonomica che lo rende comodo e piacevole da utilizzare con entrambe le mani. All'interno del componente principale troviamo un SoC Texas Instruments OMAP 4470 con processore dual core ARM Cortex A9 da 1.5 GHz e GPU PowerVR SGX 544, 1 GB di memoria RAM e 8 GB di memoria interna, il tutto controllato dal sistema operativo Google Android 4.1 Jelly Bean, mentre per quanto riguarda la connettività il Mini PC dispone di moduli WiFi ed Ethernet. Una porta microUSB ed un'uscita video digitale miniHDMI, oltre a un lettore di schede microSD, la webcam frontale HD e il ricevitore Bluetooth ne completano la dotazione. Il controller invece integra sia una vera e propria tastiera QWERTY sia i tipici comandi di un joypad, integrando inoltre il tutto con una serie di tasti dedicati alle funzioni multimediali.

Arriviamo così alle impressioni d'uso, che sono molto buone per quanto riguarda la navigazione Web e anche l'impiego come centro multimediale, soprattutto grazie alla presenza di applicazioni specifiche Archos, giudicate molto valide per gestire foto e filmati. Qualche problema emerge invece con i videogiochi non sempre gestiti perfettamente e, nonostante la programmabilità dei tasti, non rispondono bene ai comandi, e può capitare che siano visualizzati in un formato non adatto al display di una TV. A queste difficoltà va aggiunta inoltre una certa difficoltà a renderizzare in maniera fluida i titoli più recenti, nonostante la configurazione abbastanza potente.

I tester infine notano anche l'impossibilità di disabilitare la tastiera quando si usa il controller come joypad, col rischio di premere involontariamente comandi che interrompono o disturbano la nostra esperienza videoludica. Alla fine comunque il giudizio è positivo, visto anche il costo di appena 149 euro dell'Archos TV Connect. Come TV Box e centro multimediale è praticamente perfetto e privo di difetti e anche come miniPC per navigare e controllare la posta va più che bene, qualche limite emerge invece quando lo si vuol utilizzare per giocare, scenario in cui, secondo i nostri colleghi, restano più appetibili soluzioni come Ouya o GameStick, sempre rimanendo nell'ambito dei titoli Android.

Google News
Le notizie e le recensioni di Notebook Italia sono anche su Google News. Seguici cliccando sulla stellina

Commenti