Home News Apple ritira l'applicazione Wikileaks da App Store

Apple ritira l'applicazione Wikileaks da App Store

Apple ritira l'applicazione Wikileaks da App StoreSviluppata da un coder russo, quest'applicazione a pagamento permetteva di accedere al sito Wikileaks, al relativo account Twitter, e di consultare i documenti diplomatici. Apple ha rapidamente rimosso la app.

Da sabato scorso, un'applicazione iOS per Wikileaks era disponibile su App Store. Creata da uno sviluppatore russo, Igor Barinov, per iPhone e iPad, l'apps permetteva di collegarsi al sito web e all'account Twitter di Wikileaks ma soprattutto di accedere e consultare ai documenti diplomatici (1824 informazioni riservate pubblicate fino ad oggi su 251.287). In occasione del suo lancio, ed ancora lunedì sera, lo sviluppatore garantiva una disponibilità permanente del servizio "indipendentemente dai problemi ai server Wikileaks".

Wikileaks Julien Assange

L'applicazione era venduta 1.59 euro ma l'autore indicava di devolvere 1 euro a Wikileaks. Nella serata di ieri, il software aveva registrato più di 4000 download soprattutto negli Stati Uniti, in Germania, Paesi Bassi ed Inghilterra. Soltanto martedì mattina, l'applicazione è scomparsa. Contattato da ZDNet, lo sviluppatore ha confermato che Apple avrebbe ritirato la sua applicazione dal negozio online.

"Io non ho avuto alcuna spiegazione da parte dell'azienda di Cupertino", spiega, "non sono un supporter di Wikileaks, ma rispetto il modo in cui si difende. Ho ancora intenzione di trasferire una parte dei miei guadagni al sito", circa 4000 euro.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy