Home News Apple iWork 09 pirata nasconde un trojan

Apple iWork 09 pirata nasconde un trojan

Apple iWork 09 pirata nasconde un trojan I pericoli del software pirata sono ancora una volta evidenti dopo la scoperta da parte di Symantec di un nuovo Trojan attualmente condiviso su BitTorrent.

Mascherato come una copia della versione trial di iWork ’09 di Apple, il falso software di istallazione si chiama iWork09.zip. In questo modo, gli utenti possono facilmente essere indotti a credere che si tratti della versione originale di Apple. Al contrario, il nome della versione di Apple è iWork09Trail.dmg. Il cavallo di Troia contiene alcune parti della versione trial del software iWork ma include anche un installer malevolo chiamato iWorkServices.pkg. La minaccia OSX.iWork può scatenare codici maligni sul Mac dell’utente che possono poi portarlo a connettersi a un sistema remoto.

Hacking

Questo significa che gli hacker possono inviare comandi alla macchina infettata alla ricerca di informazioni sensibili o riservate, tenere traccia delle attività svolte in rete e registrare cosa viene digitato, lasciando l’ignaro utente vulnerabile al furto di identità o perdite di denaro.

Symantec spiega come si è verificata la minaccia nel blog Symantec Security Response: “Quando gli sviluppatori di sofware creano un installer per Mac, di solito si tratta di diversi mini-installer o pacchetti che lavorano in una particolare sequenza. Ogni pacchetto (file .pkg) contiene un codice specifico e uno script assicura che il codice si posizionerà nella sezione giusta dell’hard drive in modo da permettere al computer di avviare il software. In questo caso, lo script di istallazione principale è cambiato: non si limita ad attivare solo le parti “giuste” del software, ma istalla anche un altro pacchetto, “iWorkServices.pkg”, che carica il codice maligno e connette gli utenti a un sistema remoto rendendoli vulnerabili agli attacchi”.

Symantec Security Response
ha classificato OSX.iWork come una minaccia con un livello basso di pericolosità, ma è comunque significativa perché con l’attuale crisi economica il numero di persone che usano software pirata è in crescita.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy