Home News Apple iPhone: niente applicazioni a luci rosse

Apple iPhone: niente applicazioni a luci rosse

Apple iPhone: niente applicazioni a luci rosseApple ha deciso di rimuovere da App Store l'applicazione "Hottest Girls" per iPhone ed iPod Touch; il creatore del programmino a luci rosse, distribuito al prezzo di 1.99 dollari, avrebbe infatti caricato immagini "hard" da server esterni solamente dopo aver ricevuto l'approvazione per il suo applicativo.

Chi pensava che Apple avesse implicitamente accettato i contenuti "porno" su App Store per incrementare le entrate, si dovrà ricredere. L'applicazione "Hottest Girls" per iPhone ed iPod Touch, la cui presenza all'interno del catalogo aveva destato scalpore nei giorni precedenti, è stata infatti prontamente rimossa dallo staff dell'azienda di Cupertino. Il programma è stato sviluppato da Allen Leung, ed era disponibile al prezzo di 1.99 euro.

Apple iPhone

Stando a quanto ha dichiarato il portavoce di Apple Tom Neumayr, Leung si sarebbe comportato in maniera scorretta, inducendo App Store a convalidare l'applicativo per poi servirsi di un server esterno per il caricamento di immagini hard: "Apple non distribuisce applicazioni che contengono materiale inappropriato," commenta Neumayr. "Lo sviluppatore di questa applicazioni ha aggiunto contenuti inappropriati direttamente dai suoi server, dopo che l'applicazione stessa era stata approvata e distribuita; di conseguenza è stato chiesto allo sviluppatore di rimuovere i contenuti offensivi. Si trattava di una violazione diretta dei termini di iPhone Developer Program. L'applicazione non è più disponibile presso App Store".

Nelle ore successive Apple ha rimosso anche altre applicazioni dello stesso sviluppatore: "Hottest Guys", versione maschile di "Hottest Girls", "Send Flowers", programma contenente numerose immagini sfondo, ed "EliteBrowser", un web browser a tutto schermo. Nonostante l'intervento di Apple, Leung ha continuato a seminare scompiglio affermando che in realtà i suoi programmi saranno presto nuovamente disponibili, e che la loro momentanea assenza sarebbe causata da un sovraccarico dei suoi server.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy