Home News Android Ice Cream: Gingerbread 2.3+Honeycomb 3.0

Android Ice Cream: Gingerbread 2.3+Honeycomb 3.0

Android Ice Cream: Gingerbread 2.3 + Honeycomb 3.0Cominciano a diffondersi dettagli sulla nuova versione del sistema operativo Google Android 3.0 Honeycomb. Android Ice Cream è pensato per smartphone e tablet del futuro.

Nella roadmap relativa ai futuri tablet e smartphone di Dell, trapelata nelle ore scorse, viene citato un nuovo modello, Dell Hancock, equipaggiato con Android Ice Cream, nome commerciale della prossima versione del sistema operativo prodotto dal colosso di Mountain View. E’ stato proprio Dave Burke, Google Android Engineering Director, a rilasciare alcuni dettagli durante un'intervista, informazioni confermate dal CEO Google, Eric Schmidt durante il Mobile World Congress di Barcellona.

Android Honeycomb

Secondo quanto si apprende, Android Ice Cream dovrebbe integrare il meglio di Android 2.3 (Gingerbread) e 3.0 (Honeycomb) in modo da divenire un punto di riferimento sia per la categoria degli smartphone, sia per i tablet, device che, nella sostanza, hanno spesso necessità diverse. Uno dei dettagli che sembra rappresentare un punto di forza della nuova versione di Android consiste nel fatto che la Action Bar, nota a chi possiede un tablet Android 3.0, sarà presente probabilmente anche negli smartphone, ampliandone le potenzialità e migliorando l’esperienza d’uso.

Diversamente accadrà per la System Bar, generalmente posta nella parte inferiore del display dei tablet, che non verrà riproposta nei device mobili. Ma le novità non finiscono qui. Gli smartphone conquisteranno probabilmente anche lo stile dell’interfaccia, noto come Hologram. Non sono noti molti altri dettagli ma Google sembra intenzionata a cancellare il problema che riguarda la frammentazione delle soluzioni software per tablet e smartphone combinando, in un’unica versione, il meglio che deriva da entrambe le categorie di prodotto.

Eric Schimdt non si è sbilanciato nell’ipotizzare una data di lancio ufficiale ma ha ricordato che i cicli di aggiornamento sono generalmente di 6 mesi ed è dunque semplice fare qualche conto, perlomeno ipotetico.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy